Ca­sto­ri­na (Ver­de­sport): «Una ri­sor­sa in più Que­sta è una pro­vin­cia che può cre­sce­re an­co­ra»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

TRE­VI­SO Una «Cit­tà dello Sport» a Tre­vi­so c’è già, al­le por­te del ca­po­luo­go: è la Ghi­ra­da, de­di­ca­ta agli sport in­door e out­door più tra­di­zio­na­li e pra­ti­ca­ti, con pi­sci­na sco­per­ta e pa­le­stra, cam­pi da rug­by, pal­la­ca­ne­stro, pal­la­vo­lo e golf che si esten­do­no per 22 et­ta­ri, in­tui­zio­ne del­la fa­mi­glia Benetton e inau­gu­ra­ta nel 1982. Ha se­gna­to la sto­ria spor­ti­va del­la Mar­ca.

«Que­sta è una pro­vin­cia che può cre­sce­re sul­lo sport in­te­so co­me at­ti­vi­tà, bu­si­ness e pro­get­tua­li­tà, una ri­sor­sa per un ter­ri­to­rio che, co­me ci di­ce il Co­ni, è tra le pro­vin­ce più spor­ti­ve d’Ita­lia per pra­ti­can­ti e fe­de­ra­zio­ni iscrit­te». Pa­ro­le di En­ri­co Ca­sto­ri­na, am­mi­ni­stra­to­re de­le­ga­to di Ver­de­sport, la so­cie­tà che è il brac­cio ope­ra­ti­vo del grup­po di Pon­za­no nel ra­mo dello sport. «C’è qui a Tre­vi­so uno spac­ca­to azien­da­le che a vol­te non vie­ne evi­den­zia­to co­me me­ri­te­reb­be – con­ti­nua il ma­na­ger -. Ad esem­pio, ab­bia­mo il più im­por­tan­te di­stret­to del­la scar­pa spor­ti­va a li­vel­lo mon­dia­le pro­prio a Mon­te­bel­lu­na».

Non van­no di­men­ti­ca­te ov­via­men­te le squa­dre pro­fes­sio­ni­sti­che nei più bla­so­na­ti cir­cui­ti na­zio­na­li ed in­ter­na­zio­na­li, atle­ti di im­por­tan­za eu­ro­pea, scu­det­ti, tro­fei e vit­to­rie da riem­pi­re le pa­re­ti di un pa­laz­zo. È quin­di una con­se­guen­za di questo in­te­res­se pro­fon­do e dif­fu­so il fat­to che, nel 2005, a Tre­vi­so sia sta­to av­via­to il pri­mo ma­ster in stra­te­gia dello sport bu­si­ness, in col­la­bo­ra­zio­ne con l’uni­ver­si­tà Ca’ Fo­sca­ri.

«Ci cre­dia­mo da sem­pre, in questo set­to­re – sot­to­li­nea Ca­sto­ri­na -, il no­stro ma­ster po­st lau­rea è una nuo­va pro­get­tua­li­tà per crea­re una re­te di sport e im­pre­se a Tre­vi­so». Per questo la nuo­va Cit­ta­del­la dello Sport di Vil­lor­ba, idea di un ram­pol­lo del­la fa­mi­glia Benetton e rea­liz­za­bi­le gra­zie all’in­ter­ven­to di ca­pi­ta­li stra­nie­ri, non si vuo­le por­re co­me un ele­men­to di com­pe­ti­zio­ne con la «so­rel­la» che si tro­va lungo l’as­se del Ter­ra­glio, ma vuo­le di­ven­ta­re un ul­te­rio­re fat­to­re di svi­lup­po di un si­ste­ma, con­cor­ren­do al­la cre­sci­ta del ter­ri­to­rio. «Sa­reb­be un be­ne, e lo di­co da pri­va­to cit­ta­di­no, la ri­qua­li­fi­ca­zio­ne di un’area de­gra­da­ta e ab­ban­do­na­ta – chiu­de Ca­sto­ri­na -. È un as­si­st per tut­to lo sport, più spa­zi ci so­no e me­glio è». (s.ma.)

Sa­reb­be un be­ne la ri­qua­li­fi­ca­zio­ne di un’area de­gra­da­ta e svuo­ta­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.