Dal pe­tro­lio al bio la svol­ta di Eni «Più ri­con­ver­sio­ni»

Ric­ci: «Ol­tre la cri­si, la stra­da è l’in­no­va­zio­ne»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Porto Marghera - G.B. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eni, da sem­pre, è si­no­ni­mo di Mar­ghe­ra. Da quand’è na­to, nel 1953, il co­los­so del ca­ne a sei zam­pe si è oc­cu­pa­to di chi­mi­ca, di pe­tro­li, ha ac­qui­si­to ter­re­ni, è su­ben­tra­to ad azien­de in di­smis­sio­ne, ne ha chiu­se e ri­con­ver­ti­te a de­ci­ne e, sem­pre, a ogni cri­si, po­li­ti­ci e sin­da­ca­ti han­no chia­ma­to in cau­sa la mul­ti­na­zio­na­le chie­den­do­ne l’in­ter­ven­to per scon­giu­ra­re il peg­gio. So­no di Eni i 107 et­ta­ri di ter­re­ni da tra­sfe­ri­re a Co­mu­ne e Re­gio­ne per la lo­ro va­lo­riz­za­zio­ne ed è sua la raf­fi­ne­ria «bio» dal 2014.

«Le raf­fi­ne­rie di tut­ta Eu­ro­pa so­no di­ven­ta­te de­po­si­ti e i la­vo­ra­to­ri so­no ri­ma­sti a ca­sa, è suc­ces­so a 20 im­pian­ti ita­lia­ni e a 5 eu­ro­pei, noi ave­va­mo il do­ve­re mo­ra­le di es­ser­ci: ab­bia­mo stu­dia­to ed è na­to il pri­mo pro­get­to al mon­do di ri­con­ver­sio­ne so­ste­ni­bi­le».

Giuseppe Ric­ci è chief re­fi­ning & mar­ke­ting of­fi­cer di Eni, si oc­cu­pa cioè del­la raf­fi­na­zio­ne del fu­tu­ro. Mol­te fab­bri­che di Por­to Mar­ghe­ra so­no chiu­se, c’è an­co­ra spe­ran­za per la zo­na in­du­stria­le?

«Que­st’an­no Mar­ghe­ra com­pie cent’an­ni, la no­stra raf­fi­ne­ria è di po­co più gio­va­ne (è del 1926, ndr) e la sfi­da è sta­ta usci­re dal cli­ché del­la tra­di­zio­ne del­la chi­mi­ca di ori­gi­ne fos­si­le e non chiu­de­re. A Por­to Mar­ghe­ra la tra­sfor­ma­zio­ne è pos­si­bi­le, con l’uso del­le pro­fes­sio­na­li­tà che ci so­no e del­le tec­no­lo­gie. È na­to

co­sì il pro­get­to di eco­re­fi­ning, un car­bu­ran­te bio su­pe­rio­re, per qua­li­tà, a tut­ti quel­li in com­mer­cio e per po­ter­lo pro­dur­re ab­bia­mo ri­con­ver­ti­to gli im­pian­ti».

Tutt’at­tor­no al­la raf­fi­ne­ria non c’è pra­ti­ca­men­te più nul­la. Il vuo­to che vi cir­con­da non fa pau­ra?

«Ne­gli an­ni ‘60 era di­ver­so, è ve­ro. Noi au­spi­chia­mo che ar­ri­vi­no al­tre ri­con­ver­sio­ni, sfrut­tan­do il know how esi­sten­te per pro­du­zio­ni più leg­ge­re, in li­nea con la so­cie­tà con­tem­po­ra­nea. An­che sul fron­te del­la chi­mi­ca (il crac­king di Ver­sa­lis è di Eni, ndr) è in cor­so una ri­con­ver­sio­ne di que­sto ti­po».

Eni rie­sce ad in­ve­sti­re per­ché è un co­los­so, una pic­co­la im­pre­sa, che non ab­bia al­le spal­le una strut­tu­ra co­me la vo­stra, ce la può fa­re? «Tut­ti pos­so­no. Bi­so­gna

ave­re una vi­sio­ne stra­te­gi­ca sul lun­go pe­rio­do, guar­da­re al fu­tu­ro e, so­prat­tut­to, ser­ve co­rag­gio. Eni è un co­los­so ma non di­men­ti­chia­mo­ci che il suo “sot­to­ti­to­lo” è Oil and gas, na­sce cioè co­me azien­da del pe­tro­lio. Ep­pu­re, noi fac­cia­mo an­che al­tro e in que­sto di­mo­stria­mo co­rag­gio».

Lo sguar­do al fu­tu­ro, la sfi­da di rin­no­var­si, a Mar­ghe­ra, si scon­tra­no con il pro­ble­ma dei pro­ble­mi: le bo­ni­fi­che

«Di di­sin­qui­na­men­to ci oc­cu­pia­mo da tem­po. Eni, in quan­to so­cie­tà pub­bli­ca, ha as­sor­bi­to tan­tis­si­me, se non tut­te, le cri­si ita­lia­ne e la ne­ces­si­tà di mes­sa in si­cu­rez­za ci ha spin­to a pro­muo­ve­re pro­get­ti in­no­va­ti­vi, cer­ca­re pro­fes­sio­na­li­tà. Syn­dial ha svi­lup­pa­to tec­ni­che avan­za­te e nel de­pu­ra­re le ac­que ar­ri­va a di­stil­lar­le, ren­den­do­le riu­sa­bi­li. E tut­to è ge­sti­to dal­la

cen­tra­le ope­ra­ti­va di Mi­la­no, sia­mo ben ol­tre l’In­du­stria 4.0. (ri­de) A Mar­ghe­ra ab­bia­mo in­ve­sti­to 260 mi­lio­ni e ne spen­de­re­mo al­tri 100 nei pros­si­mi an­ni». No­vi­tà sul­la ces­sio­ne dei vo­stri 107 et­ta­ri in di­su­so? «Ci so­no e so­no sem­pre a di­spo­si­zio­ne». Mar­ghe­ra vi­vrà al­tri cent’an­ni?

«In as­so­lu­to è la do­man­da più im­por­tan­te. Nel 2014 è na­ta la bio­raf­fi­ne­ria co­me ri­spo­sta al­la cri­si ma il mon­do cam­bia e bi­so­gna adat­tar­si. Pro­du­cia­mo bio­die­sel da olii esau­sti, an­che frit­ti e ani­ma­li. In pro­spet­ti­va, lo pro­dur­re­mo da al­ghe e ci stia­mo at­trez­zan­do al­le nuo­ve sfi­de del mer­ca­to». Qua­li so­no?

«La mo­bi­li­tà elet­tri­ca sa­rà sem­pre più im­por­tan­te ( la Fran­cia met­te­rà al ban­do en­tro il 2040 le au­to a com­bu­sti­bi­le fos­si­le, ndr) ma ci so­no mez­zi che non pos­so­no es­se­re ali­men­ta­ti dall’elet­tri­ci­tà: gli ae­rei. In un’ot­ti­ca di lun­go pe­rio­do, pro­dur­re­mo jet fuel per ae­ro­pla­ni. De­ve es­se­re bio­car­bu­ran­te di al­tis­si­ma qua­li­tà. Noi lo fa­re­mo».

La sfi­da Mar­ghe­ra può ri­par­ti­re se si adat­ta al mon­do che cam­bia Jet fuel Eni, di qui a bre­ve, in­ve­sti­rà nel­lo svi­lup­po di car­bu­ran­te «bio» per gli ae­ro­pla­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.