La con­si­glie­ra di si­ni­stra fi­glia del mis­si­no uc­ci­so dal­le Br «Li­ber­tà di sfi­la­re per i fa­sci­sti»

Par­la Gi­ra­luc­ci, con­si­glie­re e fi­glia del­la vit­ti­ma del­le bri­ga­te ros­se

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Po­le­se

PA­DO­VA Do­po gli scon­tri tra au­to­no­mi e po­li­zia, in­ter­vie­ne la con­si­glie­ra di si­ni­stra Sil­via Gi­ra­luc­ci, fi­glia di Graziano, at­ti­vi­sta dell’Msi, uc­ci­so dal­le Br nel 1974. «Tut­ti de­vo­no ave­re la li­ber­tà di ma­ni­fe­sta­re il pro­prio pen­sie­ro».

PA­DO­VA «Al­le ma­ni­fe­sta­zio­ni ho sem­pre sa­pu­to quan­do era il mo­men­to di an­da­re a ca­sa… di­rei che que­sta fra­se di uno spet­ta­co­lo Mar­co Pao­li­ni sem­bra fat­ta ap­po­sta per ri­spon­de­re al­le po­le­mi­che sul­la par­te­ci­pa­zio­ne dei due con­si­glie­ri di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca al cor­teo an­ti­fa­sci­sta di lu­ne­dì. Spe­ro che Ruf­fi­ni e Fer­ro ca­pi­sca­no che non si può giu­sti­fi­ca­re nes­su­na vio­len­za nep­pu­re in ri­spo­sta a una pro­vo­ca­zio­ne, e e che in fu­tu­ro si com­por­ti­no on più con­sa­pe­vo­lez­za ri­spet­to al ruo­lo che oc­cu­pa­no».

Chi par­la è Sil­via Gi­ra­luc­ci, 46 an­ni, neo elet­ta in con­si­glio co­mu­na­le a Pa­do­va, in una del­le due li­ste a so­ste­gno di Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, il pro­fes­so­re «ci­vi­co», che è sta­to uno de­gli ar­te­fi­ci del suc­ces­so elet­to­ra­le del sin­da­co Ser­gio Gior­da­ni (ap­pog­gia­to dal Pd). Il pun­to è che an­che i suoi nuo­vi «col­le­ghi» Da­nie­la Ruf­fi­ni e Ste­fa­no Fer­ro, che lu­ne­dì scor­so han­no pre­so par­te al cor­teo con­tro For­za Nuo­va, fi­ni­to a ca­ri­che e bot­te con la po­li­zia, so­no en­tra­ti in Con­si­glio in ap­pog­gio il pro­fes­so­re (co­sa che sta crean­do non po­co im­ba­raz­zo al­la giun­ta). Il pun­to è che la sto­ria del­la Gi­ra­luc­ci è no­ta: il pa­dre Graziano, mi­li­tan­te dell’Msi, è sta­to con Giu­sep­pe Maz­zo­la la pri­ma vit­ti­ma del­le bri­ga­te ros­se, uc­ci­so nel­la se­de del par­ti­to in via Za­ba­rel­la nel 1974. Sil­via di lei di­ce che pro­prio per la sua sto­ria di fi­glia di una vit­ti­ma «fa­sci­sta», è con­si­de­ra­ta per que­sto «me­no vit­ti­ma de­gli al­tri», e per que­sto ha svi­lup­pa­to sen­so di so­li­da­rie­tà, in­te­gra­zio­ne, in­clu­sio­ne. Un mo­do di pen­sa­re lon­ta­no dal­la de­stra, ma, in quan­to «fi­glia di un fa­sci­sta» di­ce di es­ser­si sen­ti­ta guar­da­ta con so­spet­to dal­la si­ni­stra. La tar­ga che ri­cor­da l’omi­ci­dio del pa­dre (il 17 lu­glio), ap­po­sta do­po de­cen­ni, vie­ne im­brat­ta­ta re­go­lar­men­te. È suc­ces­so an­che l’al­tro gior­no.

Sil­via ha scrit­to un li­bro e ha fat­to un do­cu­men­ta­rio su­gli an­ni di piom­bo, pre­sen­ta­to an­che al­la mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia. Ci ha mes­so un po’ pri­ma a di im­pe­gnar­si di­ret­ta­men­te in po­li­ti­ca. An­ti­bi­ton­cia­na con­vin­ta ha sem­pre det­to che la po­li­ti­ca si fa con le pic­co­le co­se, non ha mai mes­so pie­de in un cen­tro so­cia­le. Una «mi­li­tan­za» com­ple­ta­men­te di­ver­sa da quel­la di Da­nie­la Ruf­fi­ni.

Gi­ra­luc­ci lei dov’era lu­ne­dì se­ra? Se è a fa­vo­re del­lo jus so­li per­ché non è an­da­ta a ma­ni­fe­sta­re?

«Ero nel mio quar­tie­re con al­tri cit­ta­di­ni im­pe­gna­ti nel­la cam­pa­gna elet­to­ra­le a par­la­re pi­ste ci­cla­bi­li e gio­stri­ne dei giar­di­ni e al­tre co­se con­cre­te. Quel­la in cen­tro non era na­ta co­me una ma­ni­fe­sta­zio­ne per lo jus so­li, ma co­me una ma­ni­fe­sta­zio­ne con­tro quel­la di For­za Nuo­va. Avrei po­tu­to an­dar­ci se fos­se sta­ta una ma­ni­fe­sta­zio­ne pro­po­si­ti­va, ma non lo era. Se si ri­tie­ne che la ma­ni­fe­sta­zio­ne sia apo­lo­gia di fa­sci­smo lo si de­nun­ci al­la ma­gi­stra­tu­ra, non è com­pi­to dei cen­tri so­cia­li im­pe­di­re fi­si­ca­men­te la ma­ni­fe­sta­zio­ne di de­stra. Tut­ti han­no il di­rit­to di espri­me­re il pro­prio pen­sie­ro, an­che quel­li che non la pen­sa­no co­me me».

Che co­sa si­gni­fi­ca per es­se­re di si­ni­stra? lei

(Al­la do­man­da Sil­via si emo­zio­ne, ce­la una lun­ga sto­ria di con­flit­ti in­te­rio­ri) «Io ho vis­su­to sul­la mia pel­le l’emar­gi­na­zio­ne di sen­tir­mi par­te di una mi­no­ran­za sen­za vo­ce, per vent’an­ni io e la mia fa­mi­glia ab­bia­mo cre­du­to di non ave­re il di­rit­to di esi­ste­re. In fa­mi­glia si è par­la­to po­co di que­sta mor­te, la giu­sti­zia è ar­ri­va­ta tar­di e nel frat­tem­po ave­vo vis­su­to nel si­len­zio. Die­tro ci so­no que­stio­ni per­so­na­li ma an­che po­li­ti­che, noi vit­ti­me dei «cuo­ri ne­ri» non ab­bia­mo avu­to per mol­to tem­po ri­co­no­sci­men­to del no­stro do­lo­re se non dal­la co­mu­ni­tà del­la de­stra. Mia ma­dre di­ce­va sem­pre che quan­do è mor­to mio pa­dre sem­bra­va che ca­sa no­stra fos­se la ca­sa dell’as­sas­si­no. Ho ca­pi­to do­po che que­sta emar­gi­na­zio­ne è frut­to dell’odio, dell’im­po­si­zio­ne del si­len­zio. Io non so­no co­sì ed è que­sta l’es­sen­za del mio es­se­re di si­ni­stra: so­li­da­rie­tà ver­so chi è emar­gi­na­to, e li­ber­tà di espres­sio­ne e di pen­sie­ro».

La con­si­glie­ra di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca Da­nie­la Ruf­fi­ni era in piaz­za con gli au­to­no­mi, poi ha fat­to usci­re un co­mu­ni­ca­to con la ban­die­ra di Ri­fon­da­zio­ne, poi ha po­sta­to Bel­la Ciao sul­la sua pa­gi­na Fa­ce­book, per il neo­sin­da­co Gior­da­ni que­sta è una gra­na non da po­co...

«Che vuo­le che di­ca? Non co­no­sco be­ne Da­nie­la, spe­ro che lei e Fer­ro si ren­da­no con­to che la po­li­ti­ca nel­le isti­tu­zio­ni si fa ri­spet­tan­do le re­go­le. Non vor­rei di­re al­tro, fa­re il con­si­glie­re co­mu­na­le è un me­stie­re com­pli­ca­to, lo sto im­pa­ran­do ora. So­no col­pi­ta da ciò che è ap­par­so sui so­cial. Pa­re di es­se­re tor­na­ti in­die­tro di 30 an­ni, dob­bia­mo far ri­par­ti­re una cit­tà e pen­sia­mo an­co­ra al­lo scon­tro tra ban­de». Ul­ti­ma do­man­da. Lei si ri­tie­ne an­ti­fa­sci­sta?

«Il fa­sci­smo è fi­ni­to nel 1945, con­di­vi­do pie­na­men­te i va­lo­ri del­la no­stra Co­sti­tu­zio­ne, non so nep­pu­re se mio pa­dre fos­se fa­sci­sta, di si­cu­ro era an­ti-co­mu­ni­sta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.