Zaia e gli spa­gno­li «At­ten­ti all’iden­ti­tà Il Pro­sec­co va di­fe­so nell’eti­chet­ta»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Primo Piano - Ales­san­dro Zuin © RIPRODUZIONE RISERVATA

TRE­VI­SO Il «ca­so Frei­xe­net» è sta­ta una de­fla­gra­zio­ne. Tra «pu­ri­sti» e «mer­ca­ti­sti», tra di­sin­can­ta­ti e scan­da­liz­za­ti, il fat­to che il più gran­de pro­dut­to­re spa­gno­lo di spu­man­ti (e tra i mag­gio­ri al mon­do) ab­bia de­ci­so di lan­cia­re con 250 mi­la bot­ti­glie una sua li­nea di Pro­sec­co, pro­dot­to dal­la can­ti­na coo­pe­ra­ti­va La Mar­ca di Oder­zo (Tre­vi­so), ha co­mun­que se­gna­to un pas­sag­gio cru­cia­le, di fron­te al qua­le «nes­su­no può gi­rar­si dall’al­tra par­te, la que­stio­ne esi­ste a va af­fron­ta­ta». Pa­ro­la di Lu­ca Zaia, go­ver­na­to­re del Ve­ne­to ma so­prat­tut­to, da mi­ni­stro dell’Agri­col­tu­ra, ar­te­fi­ce del­le re­go­le se­con­do le qua­li og­gi si pro­du­ce il vi­no ca­pa­ce di trai­na­re, con il suo suc­ces­so com­mer­cia­le, l’in­te­ra eco­no­mia del Nor­de­st.

Pre­si­den­te Zaia, a lei che è sta­to il «pa­dre» del­la Doc e del­la Do­cg, che ef­fet­to fa leg­ge­re del Pro­sec­co com­mer­cia­liz­za­to con l’eti­chet­ta di un co­los­so spa­gno­lo co­me Frei­xe­net?

«Pri­ma di ri­spon­de­re, una pre­mes­sa. Nel 2009, da mi­ni­stro, ho vo­lu­to il de­cre­to che ha se­pa­ra­to il no­me del­la vi­te, che da al­lo­ra si chia­ma Gle­ra, da quel­lo del vi­no. Que­sto de­ter­mi­na il fat­to che so­lo e sol­tan­to nel­le zo­ne Doc e Do­cg il vi­no pro­dot­to si pos­sa chia­ma­re Pro­sec­co. Dun­que, ab­bia­mo fat­to una scel­ta esclu­si­va: il Pro­sec­co si fa sol­tan­to qui, tra Ve­ne­to e Friu­li, co­me lo Cham­pa­gne si fa sol­tan­to a Reims».

Per­ciò, tor­nan­do al ca­so Frei­xe­net?

«Da un la­to de­vo di­re che c’è la sod­di­sfa­zio­ne di ve­de­re che i mer­ca­ti ce li sia­mo gua­da­gna­ti: il no­stro più gran­de com­pe­ti­to­re un tem­po era pro­prio il Ca­va spa­gno­lo, che ades­so è sta­to let­te­ral­men­te sba­ra­glia­to dal­le no­stre bol­li­ci­ne. È ine­vi­ta­bi­le che i co­los­si in­ter­na­zio­na­li si in­te­res­si­no a un pro­dot­to di co­sì straor­di­na­rio suc­ces­so. D’al­tro can­to, pe­rò, c’è una gran­de pre­oc­cu­pa­zio­ne: se que­sto è pos­si­bi­le, ne con­se­gue che i pro­dut­to­ri de­vo­no at­ti­var­si per af­fron­ta­re il fe­no­me­no».

Già, ma co­me? Dar­lo agli spa­gno­li non è una for­ma di sven­di­ta del ter­ri­to­rio?

di un at­ten­to pia­no di ge­stio­ne, non ci si può li­mi­ta­re ad estrar­re più oro pos­si­bi­le. Per­ciò in­si­sto: l’aspet­to iden­ti­ta­rio og­gi è po­co con­si­de­ra­to e va raf­for­za­to, al­tri­men­ti fi­ni­sce che le bol­li­ci­ne le può fa­re chiun­que».

Quin­di, se Lu­ca Zaia fos­se un pro­dut­to­re, co­me si re­go­le­reb­be in que­sto ca­so?

«Se fos­si un pro­dut­to­re non fa­rei una guer­ra al pri­va­te la­bel, cioè al­la pro­du­zio­ne per con­to ter­zi, ma è in­ne­ga­bi­le che ci vo­glia un equi­li­brio. E poi por­rei la que­stio­ne del­la di­fe­sa iden­ti­ta­ria del Pro­sec­co: le 250mi­la bot­ti­glie or­di­na­te da Frei­xe­net non pen­so che cam­bie­ran­no i de­sti­ni del pro­dot­to, pe­rò so­no un se­gna­le. Di­rò di più: que­sto di Frei­xe­net non è un in­ci­den­te di per­cor­so, ma un war­ning che si è ac­ce­so e che nes­su­no può per­met­ter­si di igno­ra­re. È co­me quan­do il no­stro pc ci man­da un alert: at­ten­zio­ne, c’è un pro­ble­ma nel pro­gram­ma».

Qual è il noc­cio­lo di que­sto pro­ble­ma?

«Va de­ci­so se si vuol la­scia­re li­ber­tà a chi vie­ne da fuo­ri e quan­ta se ne vuo­le la­scia­re. Io, per esem­pio, sa­rei per non la­sciar­ne trop­pa».

In con­cre­to, c’è qual­che azio­ne che si può in­tra­pren­de­re?

«Fac­cio un esem­pio se vo­le­te ba­na­le, ma che può ser­vi­re a ca­pi­re co­me si af­fron­ta il pro­ble­ma: in ca­si co­me que­sto si mo­di­fi­chi­no le re­go­le del­le eti­chet­te. Cioè: nell’eti­chet­ta co­man­da il ter­ri­to­rio e nel re­tro-eti­chet­ta va il no­me del di­stri­bu­to­re, per esem­pio Frei­xe­net. Sta ai Con­sor­zi di tu­te­la stu­dia­re for­me spe­ci­fi­che di eti­chet­ta­tu­ra per il pri­va­te la­bel, nel sen­so che emer­ga il pro­dot­to - Pro­sec­co Do­cg by Ti­zio o Ca­io, ma­ga­ri con sot­to una bel­la fo­to del­le col­li­ne – e non la mar­ca. So­no con­vin­to che una Frei­xe­net non ri­nun­ce­reb­be per que­sto a di­stri­buir­lo. Si pos­so­no pre­ten­de­re fra­si, for­mat, im­ma­gi­ni, sia in eti­chet­ta che nel re­tro. È fon­da­men­ta­le far ca­pi­re chi ospi­ta chi, non c’è Pro­sec­co den­tro Frei­xe­net ma ca­so mai Frei­xe­net den­tro il Pro­sec­co».

In que­sta vi­cen­da si leg­ge in con­tro­lu­ce an­che uno scon­tro tra i «pu­ri» del­la Do­cg di col­li­na e il Pro­sec­co di pia­nu­ra.

«Le due cor­ren­ti di pen­sie­ro non so­no un pro­ble­ma, il te­ma è pre­sen­te in tut­te le gran­di Doc del mon­do ed è sa­no che sia cosi. Il pu­ri­smo trop­po pu­ro por­ta al de­ra­glia­men­to, sui mer­ca­ti o an­dia­mo con la quan­ti­tà o si re­sta fuo­ri. I non pu­ri­sti, in­ve­ce, spes­so so­no spe­ri­co­la­ti ma han­no un van­tag­gio, ta­lo­ra guar­da­no al fu­tu­ro con più lun­gi­mi­ran­za. Da que­sta dia­let­ti­ca esce la su­bli­ma­zio­ne del pro­dot­to».

Una do­man­da per­so­na­le: che vi­no be­ve Lu­ca Zaia?

«Non so­no un gran be­vi­to­re, an­zi, sa­rei un pes­si­mo te­sti­mo­nial. Ber­rò due bot­ti­glie al me­se te­nen­do­mi lar­go, Pro­sec­co ma an­che al­tri vi­ni ve­ne­ti ec­ce­zio­na­li co­me Ama­ro­ne e Soa­ve».

Ma ci sa­rà un pre­fe­ri­to.

«Ab­bia­mo an­che un’al­tra bol­li­ci­na in­te­res­san­te co­me il Du­rel­lo ma da co­ne­glia­ne­se di­co Pro­sec­co, co­me po­trei al­tri­men­ti? È un pro­dot­to che fa par­te del­la sto­ria e del­la cul­tu­ra dei tre­vi­gia­ni. E poi è un vi­no fa­ci­le: una vol­ta un ami­co mi rac­con­ta­va di es­ser­si fer­ma­to a be­re un Pro­sec­co men­tre fa­ce­va la ma­ra­to­na di New York. “Ma co­me – l’ho in­ter­rot­to – be­vi al­co­li­ci du­ran­te una ma­ra­to­na?”. E lui, se­ra­fi­co: per me al­col è dal Cam­pa­ri in su».

Il no­me del vi­no da an­te­por­re a quel­lo del­la mar­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.