Sit, pri­mo gior­no in Bor­sa «Un so­gno che si av­ve­ra e ora nuo­ve ac­qui­si­zio­ni»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - G.F. © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mi­lio­ni di eu­ro

Il fat­tu­ra­to del grup­po nel 2016. L’an­no pri­ma fu di 264 PA­DO­VA A Piaz­za Af­fa­ri la cam­pa­na di esor­dio ie­ri è suo­na­ta per Sit, so­cie­tà pa­do­va­na di pro­get­ta­zio­ne e pro­du­zio­ne di ap­pa­rec­chi per il «gas me­te­ring» (con­ta­to­ri) do­me­sti­co fon­da­ta nel 1953 dal­la fa­mi­glia De Ste­fa­ni, en­tra­ta nel seg­men­to Aim in una set­ti­ma­na in cui, a me­mo­ria dei più esper­ti mai pri­ma d’ora, Bor­sa Ita­lia­na ha re­gi­stra­to una quo­ta­zio­ne al gior­no che co­sì ar­ri­va­no, dall’ini­zio dell’an­no, a quo­ta 22.

«Per me — è il pri­mo com­men­to del pre­si­den­te, Fe­de­ri­co De Ste­fa­ni che è an­che un buo­no spor­ti­vo — è sta­to co­me aver vin­to un’olim­pia­de, il de­but­to nel li­sti­no lo so­gna­vo da più di ot­to an­ni». Sit è sbar­ca­ta sul mer­ca­to bor­si­sti­co do­po l’in­cor­po­ra­zio­ne del­la Spe­cial Pur­po­se Ac­qui­si­tion Com­pa­ny (Spac) «In­du­strial Stars of Ita­ly 2», di Gio­van­ni Ca­val­li­ni ed At­ti­lio Ariet­ti, che in Aim era quo­ta­ta da mag­gio del 2016 e che ha con­fe­ri­to un ca­pi­ta­le di 50,5 mi­lio­ni, rac­col­ti da in­ve­sti­to­ri isti­tu­zio­na­li ita­lia­ni ed este­ri e che so­no sta­ti de­sti­na­ti ad at­te­nua­re una po­si­zio­ne de­bi­to­ria in­tor­no ai 135 mi­lio­ni. L’espo­si­zio­ne ri­sa­le al 2014, quan­do De Ste­fa­ni ri­le­vò il 56,7% del ca­pi­ta­le so­cia­le ap­par­te­nen­te ad al­tri mem­bri del­la fa­mi­glia.

Con la quo­ta­zio­ne sul mer­ca­to è sta­to po­sto un flot­tan­te pa­ri a cir­ca il 30%, men­tre il 70% re­sta a De Ste­fa­ni. Ri­ma­ne tut­ta­via lo spa­zio per un pia­no di Stock Op­tion mes­so a di­spo­si­zio­ne di una se­rie di ma­na­ger. «En­tra­re nel li­sti­no

(fo­to),

in que­sto mo­men­to – ha det­to an­co­ra il pre­si­den­te – è sta­ta un’ot­ti­ma scel­ta di tem­po vi­sta la vi­va­ci­tà dei mer­ca­ti che sa­prà pre­mia­re le azien­de di gran­de qua­li­tà. Per noi la quo­ta­zio­ne è uno stru­men­to che ci da­rà gran­de so­li­di­tà e la pos­si­bi­li­tà di cre­sce­re più ra­pi­da­men­te at­tra­ver­so ac­qui­si­zio­ni ester­ne, in un mo­men­to in cui il rap­por­to fra de­bi­to ed Ebit­da è po­co me­no di due vol­te, dun­que ot­ti­ma­le». Sit, che og­gi im­pie­ga 1.911 di­pen­den­ti nei tre sta­bi­li­men­ti ita­lia­ni di Pa­do­va, Ro­vi­go e Mon­te­cas­sia­no (Ma­ce­ra­ta) e quel­li este­ri in Mes­si­co Olan­da, Ro­ma­nia e Ci­na, ha chiu­so il 2016 con ri­ca­vi per 288 mi­lio­ni (era­no 264 l’an­no pri­ma) e un mar­gi­ne ope­ra­ti­vo lor­do di 44,6. Ne­gli ul­ti­mi cin­que an­ni il Grup­po ha re­gi­stra­to una cre­sci­ta me­dia an­nua di cir­ca il 6%. Tut­te in­sie­me le so­cie­tà che lo com­pon­go­no pro­du­co­no an­nual­men­te 30 mi­lio­ni di uni­tà di pro­dot­to tra con­trol­li mec­ca­ni­ci ed elet­tro­ni­ci, sen­so­ri, ven­ti­la­to­ri per ri­scal­da­men­to, kit sca­ri­co fu­mi e con­ta­to­ri.

I pia­ni di cre­sci­ta, spie­ga an­co­ra De Ste­fa­ni, ri­guar­de­ran­no ac­qui­si­zio­ni «sia nel co­re bu­si­ness ori­gi­na­rio del ri­scal­da­men­to, sia nel gas ge­te­ring, seg­men­to in cui mol­ti ope­ra­to­ri del mon­do ri­pon­go­no gran­di aspet­ta­ti­ve e ca­rat­te­riz­za­to, per­ciò, da va­lu­ta­zio­ni piut­to­sto ele­va­te. Ab­bia­mo vi­sto giu­sto nel crea­re que­sta di­vi­sio­ne sei an­ni fa».

Di­pen­den­ti

È la for­za la­vo­ro del­la so­cie­tà Qua­rel­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.