«MO­DEL­LO» A RI­SCHIO ROT­TU­RA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mar­co Bo­net

Ca­la­ti jun­co. Ma quan­to de­ve pie­gar­si il giun­co, e per quan­te vol­te, pri­ma di spez­zar­si? Per quan­te vol­te Ser­gio Gior­da­ni do­vrà «so­pi­re, tron­ca­re, tron­ca­re, so­pi­re», pri­ma che la sua pa­zien­za rag­giun­ga il li­mi­te e la sua am­mi­ni­stra­zio­ne il ca­po­li­nea? Non è pas­sa­to un me­se da quan­do è sta­to elet­to sin­da­co di Pa­do­va e già gli stan­no esplo­den­do tra le ma­ni le con­trad­di­zio­ni che in cam­pa­gna elet­to­ra­le ave­va­no spin­to i più ad in­ter­ro­gar­si: co­me si pos­so­no te­ne­re in­sie­me Fla­vio Za­no­na­to e Giu­sti­na De­stro, Mau­ri­zio Sa­ia (col ca­ne Be­ni­to) e i cen­tri so­cia­li «an­ti­fa­sci­sti», il Pd e gli ex For­za Ita­lia? Si ma­neg­gia­no il ni­tro e la gli­ce­ri­na e da­van­ti ci so­no 5 an­ni, mi­ca una nut­ta­ta. Col de­ci­sio­ni­smo al­la Bi­ton­ci si fi­ni­sce ma­la­men­te, s’è vi­sto. Ma sen­za qual­cu­no che ten­ga sal­de le re­di­ni, do­ve fi­ni­sce la cit­tà? Un’idea ce la si può fa­re pen­san­do a quel che è ac­ca­du­to in que­sti gior­ni, quan­do i guai – pa­ra­dos­sal­men­te - non so­no ar­ri­va­ti da­gli in­cro­ci pe­ri­co­lo­si de­gli op­po­sti estre­mi­smi.

Ma da quel­lo che do­vreb­be es­se­re il prin­ci­pa­le al­lea­to di go­ver­no di Gior­da­ni e di cer­to ne è sta­to il fon­da­men­ta­le pun­tel­lo al bal­lot­tag­gio: Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca. Lu­ne­dì, in pie­no cen­tro sto­ri­co, in una se­ra­ta che a mol­ti ha fat­to tor­na­re al­la men­te gli an­ni Set­tan­ta, i cen­tri so­cia­li se le so­no suo­na­te di san­ta ra­gio­ne con la po­li­zia nel ten­ta­ti­vo di fer­ma­re la sfi­la­ta neo­fa­sci­sta di For­za Nuo­va. Con lo­ro, in mez­zo ai fu­mo­ge­ni, c’era una con­si­glie­ra co­mu­na­le di Coa­li­zio­ne, spon­da Ri­fon­da­zio­ne Co­mu­ni­sta, Da­nie­la Ruf­fi­ni. Una to­sta, ca­pa­ce di met­te­re in dif­fi­col­tà a suo tem­po un co­mu­ni­sta vec­chia scuo­la co­me Za­no­na­to, che sen­ten­zia: «I fa­sci­sti a Pa­do­va non pos­so­no sfi­la­re. Ri­fa­rei tut­to mil­le vol­te. Gior­da­ni? Ha giu­ra­to sul­la Co­sti­tu­zio­ne, che è an­ti­fa­sci­sta. Quin­di è an­ti­fa­sci­sta an­che lui». Il sin­da­co non con­fer­ma né smen­ti­sce, ma va in que­stu­ra a so­li­da­riz­za­re con la po­li­zia at­tac­ca­ta du­ra­men­te da Ruf­fi­ni, e non com­men­ta nep­pu­re Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni, lea­der ca­ri­sma­ti­co di Coa­li­zio­ne e per que­sto no­mi­na­to vi­ce­sin­da­co. A ri­spon­de­re è in­ve­ce un’al­tra con­si­glie­ra del mo­vi­men­to aran­cio­ne, Sil­via Gia­ra­luc­ci. Per lei, fi­glia di Gra­zia­no, espo­nen­te mis­si­no che fu la pri­ma vit­ti­ma del­le Bri­ga­te Ros­se, «pro­prio chi si di­ce di si­ni­stra – co­me lei, e co­me Ruf­fi­ni do­vreb­be di­fen­de­re la li­ber­tà di chiun­que di espri­me­re il suo pen­sie­ro. Fos­se an­che un fa­sci­sta». Ruf­fi­ni non ar­re­tra: «Sil­via, co­sì fai tor­to al­la tua in­tel­li­gen­za». Fi­ni­ta qui? No. I cen­tri so­cia­li fan­no sa­pe­re che il sin­da­co era sta­to av­ver­ti­to dei pos­si­bi­li scon­tri per­ché, co­me lo scor­pio­ne di Eso­po, «que­sto fan­no gli an­ti­fa­sci­sti: fer­ma­no i fa­sci­sti» e mi­ca pos­so­no cam­bia­re la lo­ro na­tu­ra. Gior­da­ni og­gi par­la, ma mol­te do­man­de re­sta­no: se la mag­gio­ran­za an­co­ra gal­va­niz­za­ta dal­la vit­to­ria si spac­ca su un fat­to tut­to som­ma­to ba­na­le co­me un cor­teo po­li­ti­co, che suc­ce­de­rà quan­do ar­ri­ve­ran­no i pro­fu­ghi? E quan­do ri­pren­de­ran­no le lot­te per la ca­sa? E se i re­si­den­ti si la­men­te­ran­no per via del­la mo­vi­da, in­vo­can­do il co­pri­fuo­co? O del­lo spac­cio e del­la cri­mi­na­li­tà, pre­ten­den­do gi­ri di vi­te «rea­zio­na­ri»? Si di­ce che due per­so­ne di si­ni­stra in una stan­za han­no al­me­no tre idee di­ver­se. E qui c’è pu­re la de­stra, fi­gu­ria­mo­ci. Dav­ve­ro ci si il­lu­de di ri­sol­ve­re tut­to con un’as­sem­blea per­ma­nen­te? Ci vuo­le qual­cu­no che fac­cia sin­te­si e quel qual­cu­no dev’es­se­re Gior­da­ni (in­sie­me a Lo­ren­zo­ni, ma­ga­ri im­po­nen­do il si­len­zio più che pra­ti­can­do­lo). Sen­nò non se ne esce e l’am­mi­ni­stra­zio­ne, suf­fra­gan­do in tut­to e per tut­to gli stril­li dell’ar­ci­ne­mi­co Bi­ton­ci sull’ar­ma­ta Bran­ca­leo­ne te­nu­ta in­sie­me so­lo dall’odio nei suoi con­fron­ti, fi­ni­rà per con­fer­ma­re una vol­ta di più la sto­ri­ca at­ti­tu­di­ne del­la si­ni­stra al sui­ci­dio. Gior­da­ni riu­sci­rà a te­ne­re tut­to in­sie­me? O il «mo­del­lo Pa­do­va», che poi for­se tan­to mo­del­lo non è vi­sto che è na­to da una con­giun­zio­ne astra­le ir­ri­pe­ti­bi­le nel tem­po e nel­lo spa­zio, si è già rot­to? «Ter­ri­bi­le è l’ira del man­sue­to» av­ver­te la Bib­bia. Ma il mi­te Gior­da­ni, quand’è che si ar­rab­bia?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.