Gior­da­ni: «La cit­tà non sa­rà mai dei cen­tri so­cia­li»

Il sin­da­co: «Dia­lo­ghia­mo, non c’è più il Re So­le»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Pi­va

PA­DO­VA «For­se qual­co­sa si po­te­va fa­re me­glio ma che la cit­tà sia in ma­no ai cen­tri so­cia­li è fan­ta­sia». Co­sì il sin­da­co Gior­da­ni al ter­mi­ne di una set­ti­ma­na di po­le­mi­che do­po gli scon­tri di piaz­za e le di­vi­sio­ni tra i suoi: «Non ve­do di­vi­sio­ni. La mag­gio­ran­za ope­ra nell’ascol­to di tut­ti ma la cit­tà non è in ma­no di nes­su­no».

I cen­tri so­cia­li in Co­mu­ne do­po gli scon­tri con la po­li­zia: in cit­tà è scop­pia­ta la po­le­mi­ca. Sin­da­co, co­sa di­ce?

«Le po­le­mi­che so­no pre­te­stuo­se per due ra­gio­ni: la pri­ma è che la sa­la è sta­ta chie­sta nei ter­mi­ni pre­vi­sti dai re­go­la­men­ti da un con­si­glie­re co­mu­na­le (Ro­ber­to Ma­ri­nel­lo di Coa­li­zio­ne Ci­vi­ca, ndr) e che quin­di la sua con­ces­sio­ne è le­git­ti­ma; la se­con­da che io e la mia am­mi­ni­stra­zio­ne non ne­ghia­mo la pa­ro­la in ma­nie­ra pre­ven­ti­va, di­ver­sa­men­te da quan­to fat­to da chi mi ha pre­ce­du­to in que­sta ca­ri­ca. Poi, na­tu­ral­men­te, ognu­no ri­spon­de dei pro­pri com­por­ta­men­ti e di quan­to af­fer­ma in una con­fe­ren­za stam­pa. Non con­di­vi­do pra­ti­ca­men­te nul­la di quel­lo che è sta­to det­to in quell’oc­ca­sio­ne, oc­ca­sio­ne nel­la qua­le ol­tre­tut­to so­no sta­to at­tac­ca­to an­ch’io, que­sto non si­gni­fi­ca di pos­sa ave­re una ge­stio­ne pa­dro­na­le de­gli spa­zi pub­bli­ci».

Era in­for­ma­to dell’ini­zia­ti­va di Ma­ri­nel­lo, che ha pre­no­ta­to la sa­la?

«Mi ave­va in­for­ma­to in se­ra­ta il mio por­ta­vo­ce. Ma non è que­sto il pun­to. Il sin­da­co non ha un “di­rit­to di ve­to” sul­la con­ces­sio­ne di una sa­la co­mu­na­le, si chia­ma de­mo­cra­zia».

Le ac­cu­se al­la po­li­zia mos­se da uno spa­zio pub­bli­co per mol­ti pe­rò rap­pre­sen­ta­no un cor­to cir­cui­to...

«La con­ces­sio­ne do­vu­ta d’uf­fi­cio di una sa­la co­mu­na­le non può di­stor­ce­re quel­lo che è il pen­sie­ro del sin­da­co di Pa­do­va, né con­di­zio­nar­ne le po­si­zio­ni. Fac­cio par­la­re i fat­ti: il gior­no do­po mi so­no re­ca­to in vi­si­ta dal que­sto­re, di cui sti­mo mol­to la pro­fes­sio­na­li­tà, con il qua­le ho un rap­por­to di gran­de fi­du­cia e di cui ho ri­spet­to as­so­lu­to del­la pre­ro­ga­ti­ve che gli af­fi­da­no la ge­stio­ne dell’or­di­ne pub­bli­co. Ho por­ta­to la so­li­da­rie­tà as­so­lu­ta agli agen­ti fe­ri­ti ne­gli scon­tri, ho ascol­ta­to da chi più di me ha espe­rien­za e ti­to­lo co­me so­no an­da­te le di­na­mi­che dei fat­ti, ho as­si­cu­ra­to la mas­si­ma col­la­bo­ra­zio­ne di pa­laz­zo Mo­ro­ni per evi­ta­re in fu­tu­ro que­sti epi­so­di. Nes­su­no può pen­sa­re di in­cri­na­re il le­ga­me for­te e isti­tu­zio­na­le tra Co­mu­ne, que­stu­ra e le al­tre au­to­ri­tà del­la cit­tà. Io so­no una per­so­na in­di­spo­ni­bi­le ad ac­cet­ta­re qua­lun­que for­ma di vio­len­za, di­scri­mi­na­zio­ne e pre­va­ri­ca­zio­ne, con­vin­tis­si­mo che le opi­nio­ni si espri­ma­no so­lo nel­la le­ga­li­tà, che ha sem­pre vis­su­to nel ri­spet­to del­lo Sta­to e de­gli uo­mi­ni che ogni gior­no la­vo­ra­no per la no­stra si­cu­rez­za ri­schian­do non po­co. Que­ste con­vin­zio­ni non so­no og­get­to di trat­ta­ti­va, so­no la ba­se del mio agi­re».

Il «Pe­dro» di­ce che lei era sta­to in­for­ma­to del fat­to che, se For­za Nuo­va aves­se sfi­la­to in cor­teo, an­zi­ché re­sta­re nel pro­prio pre­si­dio fis­so, lo­ro avreb­be­ro at­tac­ca­to. È ve­ro?

«Il Pe­dro si è pre­sen­ta­to in Co­mu­ne, ha chie­sto un in­con­tro bre­ve col sin­da­co, e io nel mio sti­le li ho ascol­ta­ti, co­me so­no di­spo­ni­bi­le ad ascol­ta­re tut­ti. Quel­lo che in po­chi mi­nu­ti è sta­to det­to a me in que­sto in­con­tro svol­to al­la lu­ce del so­le, è quel­lo che è sta­to det­to a tut­ta la cit­tà in una con­fe­ren­za stam­pa mezz’ora pri­ma. Da par­te mia, co­me è ov­vio, ho rac­co­man­da­to con gran­de de­ter­mi­na­zio­ne che tut­to do­ve­va svol­ger­si nel­le mo­da­li­tà con­cor­da­te e au­to­riz­za­te dal­le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti, nel pie­no ri­spet­to del­le re­go­le. Pur­trop­po co­sì non è sta­to, e que­sto non è ac­cet­ta­bi­le. Non do­vrà riac­ca­de­re più».

Qual­co­sa, pe­rò, non ha fun­zio­na­to. Per col­pa di chi?

«A me non pia­ce lo sca­ri­ca ba­ri­le, né la ri­cer­ca di ca­pri espia­to­ri, uti­le so­lo a la­var­si le ma­ni e la co­scien­za. Non so­no mai sta­to un po­li­ti­co, so­no bal­let­ti che non mi in­te­res­sa­no. Ri­ba­di­sco che ho fi­du­cia mas­si­ma in chi ope­ra per la si­cu­rez­za dei cit­ta­di­ni, ora dob­bia­mo col­la­bo­ra­re per­ché quan­to suc­ces­so non de­ve più ca­pi­ta­re. Al di­re è col­pa di Ti­zio o Ca­io pre­fe­ri­sco di­re, fa­re­mo me­glio tut­ti as­sie­me, ov­via­men­te a par­ti­re dal sot­to­scrit­to».

Ma voi co­sa ave­va­te pro­po­sto al­la que­stu­ra? Sem­pre dal «Pe­dro» di­co­no che lei e il suo vi­ce­sin­da­co do­ve­va­te es­se­re più ri­gi­di...

«Que­sta nar­ra­zio­ne è sba­glia­ta. Il que­sto­re è as­so­lu­ta­men­te in gra­do di va­lu­ta­re la le­git­ti­mi­tà di una ma­ni­fe­sta­zio­ne, spet­ta a lui de­ci­de­re se e co­me au­to­riz­zar­la, il tem­po in cui un sin­da­co “Re So­le” so­ste­ne­va di po­ter ol­tre­pas­sa­re i li­mi­ti dei suoi po­te­ri per fi­ni pro­pa­gan­di­sti­ci è fi­ni­to col vo­to del 25 Giu­gno scor­so per vo­lon­tà dei pa­do­va­ni. Ov­via­men­te i con­tat­ti con le for­ze dell’or­di­ne ci so­no sta­ti, co­strut­ti­vi, po­si­ti­vi, mai osten­ta­ti per­ché io so­no una per­so­na so­bria e se­ria».

Su que­sti fat­ti la sua mag­gio­ran­za si è di­vi­sa. All’in­ter­no del­le li­ste che han­no so­ste­nu­to il suo vi­ce­sin­da­co, per esem­pio, c’è chi era in piaz­za (co­me Da­nie­la Ruf­fi­ni) e chi in­ve­ce ha so­ste­nu­to che For­za Nuo­va aves­se co­mun­que il di­rit­to di ma­ni­fe­sta­re (Sil­via Gi­ra­luc­ci). Co­me si con­ci­lia­no que­ste po­si­zio­ni?

«One­sta­men­te non ve­do nes­su­na di­vi­sio­ne: tut­ti i con­si­glie­ri di mag­gio­ran­za han­no sot­to­scrit­to un or­di­ne del gior­no in cui si con­dan­na­no le vio­len­ze e l’odio­so at­to di van­da­li­smo al­la tar­ga in me­mo­ria di Maz­zo­la e Gi­ra­luc­ci, pri­me vit­ti­me del­le BR, si espri­me vi­ci­nan­za e so­li­da­rie­tà agli agen­ti fe­ri­ti e si sot­to­li­nea­no i va­lo­ri ai qua­li è an­co­ra­ta l’at­ti­vi­tà di que­sta am­mi­ni­stra­zio­ne».

Il le­ghi­sta Bi­ton­ci (che lei ha bat­tu­to) ave­va av­vi­sa­to in cam­pa­gna elet­to­ra­le che vo­tan­do­la si apri­va il mu­ni­ci­pio al­la «si­ni­stra si­ni­stra»...

«La cam­pa­gna elet­to­ra­le è fi­ni­ta da un pez­zo, sem­mai ades­so il mu­ni­ci­pio è aper­to fi­nal­men­te al­le per­so­ne e al­le lo­ro esi­gen­ze ve­re. For­se di­men­ti­ca quan­to ac­ca­du­to, lui sin­da­co, nel no­vem­bre 2014 quan­do ne­gli scon­tri fu fe­ri­to il ca­po del­la Mo­bi­le».

Bi­ton­ci? Nel 2014 men­tre c’era lui pre­se­ro a cal­ci il ca­po del­la po­li­zia

Vul­ga­ta dell’al­tra par­te po­li­ti­ca: ora Pa­do­va in ma­no ai cen­tri so­cia­li. È co­sì?

«Fan­ta­sie. La real­tà è ben di­ver­sa: la cit­tà è am­mi­ni­stra­ta da una mag­gio­ran­za che ope­ra con­cre­ta­men­te ed ha nel­la tol­le­ran­za, nell’ascol­to di tut­ti, nell’at­ten­zio­ne ai più de­bo­li al­cu­ni dei suoi va­lo­ri più im­por­tan­ti. Una am­mi­ni­stra­zio­ne che in que­ste po­che set­ti­ma­ne ha già ini­zia­to ad agi­re, met­ten­do al cen­tro del­le pro­prie scel­te le ne­ces­si­tà dei cit­ta­di­ni: sia­no quel­li che chie­do­no di es­se­re ascol­ta­ti per sal­va­re un’area ver­de co­me in via Pea­no, sia quel­li che la­men­ta­no una dif­fi­ci­le con­vi­ven­za con la mo­vi­da not­tur­na, ma an­che i com­mer­cian­ti e le as­so­cia­zio­ni. Quan­to ac­ca­du­to è in­dub­bia­men­te da con­dan­na­re, e non si ri­pe­te­rà. Ma la cit­tà non è in ma­no a nes­su­no, tan­to me­no ai cen­tri so­cia­li. L’op­po­si­zio­ne se ne fac­cia una ra­gio­ne».

Quel­lo che è suc­ces­so è inac­cet­ta­bi­le e non do­vrà ac­ca­de­re più

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.