«Am­maz­za­vo i gat­ti ma era­no al­tri tem­pi ora so­no pen­ti­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - R.Pol. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA «Co­par i ga­ti, co le ma­to­ne­le, sbu­sar­ghe i oci coi fe­ri de le om­bre­le, si­gar in cam­po e far le ban­de, poi far la gue­ra coi ba­sto­ni e con le fion­de».

Og­gi non so­no in mol­ti a co­no­sce­re Al­ber­to d’Ami­co, ep­pu­re chi ha com­piu­to i 50 an­ni ri­cor­da che il can­tau­to­re ve­ne­zia­no, og­gi 74en­ne pro­iet­ta­to su nuo­ve av­ven­tu­re cu­ba­ne, è sta­to il can­zo­nie­re po­po­la­re ve­ne­to tra i più co­no­sciu­ti ne­gli an­ni ‘70 e ‘80. «Co­par i ga­ti» è una can­zo­ne del 1988, par­la dell’in­fan­zia ve­ne­zia­na di D’Ami­co e non la­scia mol­to spa­zio all’in­ter­pre­ta­zio­ne: rac­con­ta di co­me pas­sa­va il tem­po quan­do ave­va 10-12 an­ni.Pri­ma del­le do­man­de la pre­mes­sa è d’ob­bli­go. La sen­si­bi­li­tà nei con­fron­ti de­gli ani­ma­li fa par­te di una cul­tu­ra re­la­ti­va­men­te re­cen­te, qua­si mo­der­na. D’Ami­co «co­par i ga­ti» è un te­sto mol­to for­te, a ri­leg­ger­lo

con gli oc­chi di og­gi, com’è na­ta quel­la can­zo­ne?

«De­vo pre­met­te­re che so­no pen­ti­to di aver am­maz­za­to tut­ti i gat­ti che ho uc­ci­so, so­no ge­sti or­ri­bi­li che ov­via­men­te so­no lon­ta­ni dal­la per­so­na che so­no ora, ma dob­bia­mo ri­tor­na­re in­die­tro nel tem­po era­no gli an­ni ‘50, era­va­mo ra­gaz­zi­ni al­lo sta­to bra­do, che pas­sa­va­no po­me­rig­gi in­te­ri a far nien­te,

so­prat­tut­to d’esta­te, non c’era la te­le­vi­sio­ne, non c’era nem­me­no il pal­lo­ne, è ov­vio che ades­so non lo ri­fa­rei più, ma al tem­po uc­ci­de­re i gat­ti era non di­co nor­ma­le, ma co­mu­ne, so­pra­tut­to tra i ra­gaz­zi­ni, so be­ne che con la cul­tu­ra di ades­so quel­le pa­ro­le so­no atro­ci, io stes­so so­no pen­ti­to, ma era­no al­tri tem­pi. Per­ché que­sto ac­ca­ni­men­to nei con­fron­ti dei gat­ti?

«Per­ché il gat­to è anar­chi­co, fa quel­lo che vuo­le, non ese­gue un or­di­ne, non è af­fet­tuo­so o gentile quan­do vo­glia­mo noi, ha un che di ma­gi­co, ha quei due oc­chi che ti guar­da­no e che sem­bra ti scru­ti­no den­tro, era un ani­ma­le in­quie­tan­te, per quel­lo ce la pren­de­va­mo con lo­ro, poi sia­mo cre­sciu­ti, lo ri­pe­to, mi pen­to mol­to di aver­li am­maz­za­ti, so che que­ste so­no co­se or­ri­bi­li».

Co­sa di­reb­be ai ra­gaz­zi­ni che han­no tor­tu­ra­to e uc­ci­so il gat­ti­no di San Ze­no­ne de­gli Ez­ze­li­ni?

«Cre­do va­da­no re­spon­sa­bi­liz­za­ti, bi­so­gna spie­ga­re lo­ro be­ne il ge­sto or­ri­bi­le che han­no fat­to, ma non so­no dei cri­mi­na­li, non van­no trat­ta­ti lo­ro co­me i gat­ti, è chia­ro che han­no dei pro­ble­mi da ri­sol­ve­re»

Il can­tau­to­re Al­ber­to D’Ami­co

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.