«Quei gio­va­ni ri­schia­no car­rie­re cri­mi­na­li, van­no re­cu­pe­ra­ti»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - R.Pol. © RIPRODUZIONE RISERVATA

VE­NE­ZIA «Quel­lo che è av­ve­nu­to a San Ze­no­ne de­gli Ez­ze­li­ni è un fat­to gra­vis­si­mo, che non va as­so­lu­ta­men­te tra­scu­ra­to, quei ra­gaz­zi­ni stan­no ma­tu­ran­do una vio­len­za pe­ri­co­lo­sa per lo­ro stes­si e per gli al­tri».

Non usa mez­zi ter­mi­ni Ve­ra Sle­poj, psi­co­lo­ga, scioc­ca­ta co­me don­na e co­me pro­fes­sio­ni­sta di fron­te al­la vio­len­za mo­stra­ta dai ra­gaz­zi­ni con­tri un cuc­cio­lo in­di­fe­so.

Dot­to­res­sa che ti­po di di­sa­gio si na­scon­de die­tro un fat­to del ge­ne­re?

«C’è una pe­ri­co­lo­sa anaf­fet­ti­vi­tà, pren­der­se­la con un es­se­re so­li­ta­rio e in­di­fe­so, un cuc­cio­lo di po­chi me­si, in­di­ca che è man­ca­to un pas­sag­gio nel per­cor­so emo­ti­vo di que­sti ra­gaz­zi, chi ha com­mes­so que­sto at­to atroce va im­me­dia­ta­men­te in­di­vi­dua­to e re­cu­pe­ra­to sul pia­no psi­co­lo­gi­co, per­chè in fat­ti co­me que­sti ci so­no tut­te le pre­mes­se per in­tra­ve­de­re il fu­tu­ro di quei ra­gaz­zi, che sa­rà fat­to di vio­len­ze an­cor più gra­vi, se la pren­de­ran­no sem­pre con i più de­bo­li, con le per­so­ne fra­gi­li, sa­ran­no dei pic­co­li bul­li pe­ri­co­lo­sa­men­te vio­len­ti»

Sem­bra che agi­sca­no co­me in un vi­deo­ga­me, do­ve tut­to è fin­to.. I ra­gaz­zi­ni san­no be­ne la dif­fe­ren­za tra real­tà e fin­zio­ne,

quel­lo che vie­ne com­ple­ta­men­te az­ze­ra­ta è l’af­fet­ti­vi­tà, il sen­ti­men­to. Ci so­no dei col­pe­vo­li? «È chia­ro che ci so­no del­le man­can­ze a li­vel­lo fa­mi­glia­re»

A fron­te di at­ti co­me que­sti pe­rò si as­si­ste spes­so all’op­po­sto con­tra­rio, cioè a ge­sti di at­tac­ca­men­to nei con­fron­ti de­gli ani­ma­li, che tal­vol­ta sem­bra so­sti­tui­sca­no i fi­gli, non è an­che que­sta una esa­ge­ra­zio­ne?

«Qui com­por­ta­men­ti so­no frut­to di fru­stra­zio­ni e de­lu­sio­ni nei con­fron­ti del ge­ne­re uma­no che tradisce, ab­ban­do­na, men­tre l’ani­ma­le è un ami­co fe­de­le che ri­ma­ne al no­stro fian­co sen­za fe­rir­ci, non ve­do del ‘male’ in que­sto com­por­ta­men­to, se non una psi­co­si per­so­na­le di chi la vi­ve, ma è sba­glia­to di­re che que­ste per­so­ne vo­glio­no più be­ne agli ani­ma­li che agli uma­ni, so­no spes­so per­so­ne so­le che han­no bi­so­gno di com­pa­gnia, e poi que­sti com­por­ta­men­ti per quan­to biz­zar­ri cir­co­scri­vo­no un di­sa­gio per­so­na­le che ha ef­fet­ti so­lo sul­la per­so­na che li vi­ve, non so­no pe­ri­co­lo­si per gli al­tri, al con­tra­rio dei ra­gaz­zi­ni che si ac­ca­ni­sco­no con vio­len­za su un gat­to di due me­si»

La psi­co­lo­ga Ve­ra Sle­poj

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.