FE­DE­RI­CA LADY NORDEST

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mas­si­mi­lia­no Me­lil­li

Per Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni, il ter­zo oro mon­dia­le nei 200 sti­le li­be­ro ov­ve­ro la set­ti­ma me­da­glia iri­da­ta con­se­cu­ti­va (re­cord as­so­lu­to, una cam­pio­nes­sa in­fi­ni­ta ) oltre a chiu­de­re un cer­chio ago­ni­sti­co ne apre un al­tro sot­to il pro­fi­lo uma­no. Un cer­chio ma­gi­co che ri­man­da alla «ve­ne­ti­tu­di­ne» ap­pli­ca­ta non so­lo al­lo sport ma an­che alla vi­ta.

Par­lia­mo di Dna che a Nordest for­gia ta­len­ti fuo­ri dal co­ro. E cam­pio­ni all’en­ne­si­ma po­ten­za. Co­me Alessandro Del Pie­ro e Ro­ber­to Bag­gio ad esem­pio, fuo­ri­clas­se in cam­po e nel po­st par­ti­ta, atle­ti che ie­ri fa­ce­va­no la dif­fe­ren­za in cam­po con i tac­chet­ti ai pie­di e og­gi con­ti­nua­no a far­la con i ca­pel­li gri­gi nel­la so­cie­tà. Alex e Ro­by vin­cen­ti, per sem­pre.

Nel ca­so di Lady Nordest, ec­co il va­lo­re ag­giun­to del­la «fem­mi­ni­li­tà». In va­sca, da Mon­treal 2005 a Bu­da­pe­st 2017, quel­lo di Fe­de­ri­ca è un ta­bel­li­no di mar­cia im­pres­sio­nan­te: set­te fi­na­li nei 200 sti­le li­be­ro e set­te me­da­glie di cui tre d’oro (con il re­cord del mon­do a Roma), tre d’ar­gen­to e una di bron­zo. E ades­so, nel suo fu­tu­ro, la sfi­da dei 100 sti­le li­be­ro: un’al­tra, l’en­ne­si­ma.

Ma esi­ste an­che il pre e po­st va­sca. E in ta­le di­men­sio­ne, Fe­de­ri­ca Pel­le­gri­ni si è ri­ve­la­ta don­na to­ta­le, nel sol­co di quel ma­triar­ca­to tut­to Ve­ne­to che sto­ri­ca­men­te è ca­pa­ce di pro­ve stra­bi­lian­ti ma an­che di im­prov­vi­si stop, vit­to­rie e di­sfat­te. Un’al­ta­le­na dal sa­po­re agro­dol­ce ma ve­ro, rea­le. Non a ca­so, do­po la not­te ne­ra di Rio de Ja­nei­ro, No­stra si­gno­ra del nuo­to, cer­to, ha vis­su­to tem­pi cu­pi.

Dal­le vo­ci di ri­ti­ro ai tan­ti gos­sip fi­no al fu­tu­ro in­cer­to, ha vis­su­to un an­no bor­der­li­ne, sospeso fra il dire e il fa­re, la ve­ri­tà e le men­zo­gne. Ma si è ri­mes­sa in gio­co in mo­do fer­reo. E in si­len­zio, brac­cia­ta do­po brac­cia­ta, al­le­na­men­to do­po al­le­na­men­to, ha (ri)co­strui­to, for­gian­do­la, una per­so­na­li­tà già istin­ti­va­men­te vo­ca­ta alla vit­to­ria. Che per­si­no nel mi­glio­re dei ca­si, può na­sce­re da una co­cen­te scon­fit­ta e al­lo­ra ac­qui­sta una sa­po­re uni­co. “Ora pos­so dire di es­se­re in pa­ce”… Que­ste pa­ro­le, do­po l’in­cre­di­bi­le ri­mon­ta nel­la gara dei 200 sti­le li­be­ro e il po­dio di Bu­da­pe­st, di­mo­stra­no tut­to il ca­pi­ta­le uma­no di Fe­de­ri­ca. E’ il con­cet­to di pa­ce co­me me­ta­fo­ra del­la sua car­rie­ra di nuo­ta­tri­ce. Che ha co­strui­to osti­na­ta­men­te do­po mil­le bat­ta­glie e ora, a ven­ti­no­ve an­ni, le con­sen­te di pia­ni­fi­ca­re il calendario se­re­na­men­te. La pro­va di Fede in Un­ghe­ria ri­man­da all’ec­cel­len­za ma­de in Ve­ne­to: si è sim­bo­li se si è cre­di­bi­li. E Lady Nord Est è mol­to cre­di­bi­le in tut­to quel­lo che fa. An­che nel­le ma­ra­chel­le, per­si­no a mar­gi­ne del­le cro­na­che ro­sa che ci­cli­ca­men­te la ri­guar­da­no. Fem­mi­ni­li­tà pu­ra, dal­lo sti­le al glam fi­no al­le cam­pa­gne pub­bli­ci­ta­rie, la Pel­le­gri­ni è un ‘brand’ vin­cen­te in Ita­lia e nel mon­do, per­chè ri­sul­ta ve­ra(ce). E’ fi­glia di quel Nord Est ca­pa­ce di crea­re una don­na to­ta­le, sen­za ad­di­ti­vi di ma­nie­ra o edul­co­ran­ti di fac­cia­ta, ca­pa­ce di at­ti più che so­li­da­li ver­so il Pros­si­mo co­me di in­vet­ti­ve che non fan­no pri­gio­nie­ri in pi­sci­na e nel­la vi­ta. In ar­te, ec­co la Fede. Nel nuo­to e nel­la vi­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.