SÌ AL­LA VI­TA MA SE È «PER­SO­NA»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Cor­ra­do Via­fo­ra

«Con­di­zio­ni dram­ma­ti che». In ter­mi­ni sem­pli­ci e im­me­dia­ti, quel­li sug­ge­ri­ti dal­la sof­fe­ren­za vis­su­ta in pri­ma per­so­na, il pa­pà di Eli­sa, 46 an­ni da 12 in sta­to ve­ge­ta­ti­vo do­po un tra­gi­co in­ci­den­te, fo­ca­liz­za mol­to be­ne la si­tua­zio­ne che ca­rat­te­riz­za in mol­ti ca­si og­gi il fi­ne vi­ta. Con­di­zio­ni dram­ma­ti­che, nel sen­so che sem­pre più al tem­po del­la tec­ni­ca si dan­no trat­ta­men­ti di so­ste­gno vi­ta­le che pos­so­no pro­lun­ga­re la vi­ta, ma vio­lan­do la di­gni­tà del­la per­so­na. Una di­scre­pan­za che fi­no a po­co tem­po fa la me­di­ci­na non co­no­sce­va, e in rap­por­to a cui si sten­ta­no a tro­va­re so­lu­zio­ni ade­gua­te. Un prin­ci­pio che nel di­bat­ti­to bio­e­ti­co si va sem­pre più con­fi­gu­ran­do co­me il di­spo­si­ti­vo nor­ma­ti­vo in gra­do di ga­ran­ti­re la pro­te­zio­ne del­la vi­ta nel ri­spet­to del­la di­gni­tà del­la per­so­na è il prin­ci­pio di pro­por­zio­na­li­tà.

L’idea di fon­do che ispi­ra il prin­ci­pio è da­ta dal­la con­vin­zio­ne che, se non si de­ve mai in­ter­rom­pe­re di­ret­ta­men­te e in­ten­zio­nal­men­te la vi­ta di un es­se­re uma­no, non sem­pre e non ad ogni co­sto si de­vo­no usa­re tut­ti i trat­ta­men­ti che con­tri­bui­sco­no a con­ser­var­la: ob­bli­ga­to­ri so­no so­lo quel­li pro­por­zio­na­ti, quel­li i cui be­ne­fi­ci com­pen­sa­no i co­sti. Nel ca­so di un pa­zien­te in gra­do di de­ci­de­re, sta a lui in pri­ma per­so­na sta­bi­li­re se, ad esem­pio, il pro­lun­ga­men­to del­la vi­ta che il trat­ta­men­to per­met­te com­por­ti co­sti per lui inac­cet­ta­bi­li.

Mo­ral­men­te inac­cet­ta­bi­li, nel­la mi­su­ra in cui vio­li­no un be­ne più im­por­tan­te del­la via stes­sa, la sua di­gni­tà di per­so­na. La que­stio­ne di­ven­ta più com­ples­sa nel ca­so di pa­zien­ti non in gra­do di de­ci­de­re e che non ab­bia­no la­scia­to una di­chia­ra­zio­ne an­ti­ci­pa­ta. Co­sa può fa­re la me­di­ci­na? Pren­dia­mo la vi­cen­da di Eli­sa. Un pa­zien­te è coin­vol­to in un gra­ve in­ci­den­te. In­ter­vie­ne la me­di­ci­na e at­ti­va nell’ur­gen­za ogni trat­ta­men­to di so­ste­gno vi­ta­le che ne pos­sa ga­ran­ti­re la so­prav­vi­ven­za. Sia­mo in una si­tua­zio­ne di in­cer­tez­za pro­gno­sti­ca, tut­ti i trat­ta­men­ti di so­ste­gno vi­ta­le so­no giu­sti­fi­ca­ti. Con l’im­pe­gno, tut­ta­via, a va­lu­ta­re se con­ti­nuar­li o me­no sul­la ba­se del de­cor­so del ca­so. Si di­rà: la me­di­ci­na non de­ve giu­di­ca­re se una vi­ta va­le o non va­le la pe­na di es­se­re vis­su­ta, se una vi­ta è più o me­no de­gna. Giu­sto. Ma è pro­prio que­sto il mo­do più ade­gua­to di rap­pre­sen­tar­si ca­si co­me quel­lo di Eli­sa? Nel­la vi­cen­da di que­sta gio­va­ne don­na, man­te­nu­ta per do­di­ci an­ni nel­lo sta­to ve­ge­ta­ti­vo, ad es­se­re in que­stio­ne è piut­to­sto il li­mi­te con cui ha che fa­re in que­sti ca­si la me­di­ci­na. Da una par­te in­ter­vie­ne giu­sta­men­te e giu­sta­men­te im­pie­ga nell’ur­gen­za tut­ta la sua ag­gres­si­vi­tà per strap­pa­re al­la mor­te una gio­va­ne esi­sten­za, dall’al­tra pe­rò non può con­ta­re, al­me­no fi­no­ra, su in­di­ca­to­ri pre­dit­ti­vi che pos­sa­no fa­re in­tra­ve­de­re l’esi­to dei trat­ta­men­ti in­ten­si­vi adot­ta­ti.

Se nel ca­so di Eli­sa la me­di­ci­na fos­se sta­ta in gra­do di pre­ve­de­re con cer­tez­za che la ria­ni­ma­zio­ne le avreb­be ga­ran­ti­to la so­prav­vi­ven­za, ma con­se­gnan­do­la ad uno sta­to ve­ge­ta­ti­vo, i me­di­ci non si sa­reb­be­ro for­se aste­nu­ti? “Pri­mo, non nuo­ce­re”. Non è que­sta la mas­si­ma che da sem­pre orien­ta le me­di­ci­na? So­no con­vin­to cioè che avreb­be­ro sì at­ti­va­to la ria­ni­ma­zio­ne, ma nel­la pro­spet­ti­va di una “ria­ni­ma­zio­ne di at­te­sa”, im­pe­gnan­do­si re­spon­sa­bil­men­te a mo­ni­to­ra­re il de­cor­so cli­ni­co, di­spo­sti a in­ter­rom­pe­re il trat­ta­men­to nel ca­so in cui fos­se­ro ve­nu­ti in pos­ses­so di da­ti pro­gno­sti­ci più cer­ti che, se pos­se­du­ti nel mo­men­to dell’ur­gen­za, avreb­be­ro giu­sti­fi­ca­to l’asten­sio­ne. È la me­di­ci­na che crea lo sta­to ve­ge­ta­ti­vo, ed è la me­di­ci­na che è chia­ma­ta a pro­spet­ta­re una so­lu­zio­ne re­spon­sa­bi­le. Com’è pos­si­bi­le che per do­di­ci an­ni si in­chio­di que­sta gio­va­ne don­na al­lo sta­to ve­ge­ta­ti­vo senza im­pe­gnar­si a ri­va­lu­ta­re il trat­ta­men­to at­ti­va­to nel­la si­tua­zio­ne di ur­gen­za? In ca­si co­me que­sto che hanno a che fa­re con lo sta­to ve­ge­ta­ti­vo, bi­so­gna ri­co­no­scer­lo, non è fa­ci­le fa­re dia­gno­si e pro­gno­si. Per lo me­no in tem­pi bre­vi. Ma al­lo­ra dia­mo­ci un an­no. Dia­mo­ce­ne due, tre. Il tem­po ne­ces­sa­rio per por­ta­re a com­pi­men­to l’ela­bo­ra­zio­ne del giu­di­zio cli­ni­co. Si di­rà: la me­di­ci­na in ca­si co­me que­sti, ca­si in cui ci tro­va di fron­te a pa­zien­ti non in gra­do di far fron­te au­to­no­ma­men­te ai suoi bi­so­gni, de­ve ispi­rar­si al prin­ci­pio di so­li­da­rie­tà. Ed è la so­li­da­rie­tà a cui ci si ri­chia­ma in ge­ne­re nel ca­so di pa­zien­ti in sta­to ve­ge­ta­ti­vo per for­ni­re tut­ti trat­ta­men­ti che pos­so­no man­te­ner­lo in vi­ta. È la po­si­zio­ne che nel ca­so En­gla­ro ve­ni­va esem­plar­men­te evo­ca­ta dal Tri­bu­na­le di Lec­co nel suo de­cre­to del 2006 do­ve «si ri­tie­ne che l’ap­pli­ca­zio­ne di un trat­ta­men­to, te­ra­peu­ti­co o di ali­men­ta­zio­ne an­che in­va­si­vo, in­di­spen­sa­bi­le a man­te­ne­re in vi­ta una per­so­na non ca­pa­ce di pre­star­vi con­sen­so co­sti­tui­sca com­por­ta­men­to non so­lo le­ci­to, ma ad­di­rit­tu­ra do­vu­to, espres­sio­ne di quel do­ve­re di so­li­da­rie­tà che l’or­di­na­men­to ri­chie­de ai con­so­cia­ti al fi­ne di ga­ran­ti­re la tu­te­la del­la per­so­na in tut­te le for­me in cui la stes­sa si espri­me». Sia­mo pro­prio si­cu­ri che sia que­sto ciò che la so­li­da­rie­tà ri­chie­de? L’ap­pel­lo al­la so­li­da­rie­tà non po­treb­be in­ve­ce ri­chie­de­re, con l’iden­ti­fi­ca­zio­ne con l’al­tro che sol­le­ci­ta, che tut­to si fac­cia per li­be­rar­lo dal­la si­tua­zio­ne in cui il trat­ta­men­to me­di­co lo in­chio­da? (Di­ret­to­re del Cor­so di per­fe­zio­na­men­to in bioe­ti­ca dell’Uni ver­si­tà di Pa­do­va)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.