Ha­nif Ku­rei­shi a «Una mon­ta­gna di li­bri»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - © RIPRODUZIONE RISERVATA

«Un bel man­dril­lo, il ti­po che si sco­pa mia mo­glie. Avrà an­che le ta­sche vuo­te ma è pie­no di

jouis­san­ce, bea­to lui al­la sua età. Sa­rà per que­sto che le don­ne se lo con­ten­do­no no­no­stan­te l’aspet­to fi­si­co e il ca­rat­te­re. È per­fet­to: ogni don­na vuo­le un uo­mo da sal­va­re». Un uo­mo, l’età che avan­za, il de­si­de­rio ses­sua­le che si scon­tra con i li­mi­ti del cor­po, la di­scra­sia con una mo­glie bel­la e in­si­cu­ra che si fa ogni gior­no più pro­fon­da e pe­ri­co­lo­sa.

E un in­tru­so ve­nu­to a con­ten­de­re lei e l’amo­re fin nel cuo­re di un ap­par­ta­men­to lon­di­ne­se. So­no gli in­gre­dien­ti di Uno ze­ro (edi­zio­ni Bom­pia­ni), ul­ti­mo fan­ta­sti­co li­bro di Ha­nif Ku­rei­shi, dram­ma­tur­go, sce­neg­gia­to­re, scrit­to­re e sag­gi­sta bri­tan­ni­co che è a Cor­ti­na in que­ste ore e che og­gi po­me­rig­gio in­con­tre­rà (17.30 al ci­ne­ma Odeon) i suoi let­to­ri nel cor­so del­la ras­se­gna «Una mon­ta­gna di li­bri». Co­me so­no lon­ta­ni, astral­men­te lon­ta­ni, gli an­ni del­la Lon­dra scal­ci­na­ta e vio­len­ta, al­le­gra e di­spe­ra­ta del Bud­da del­le pe­ri­fe­rie, e pu­re quel­la dei con­flit­ti et­ni­ci ri­sol­ti per via ses­sua­le di My

beau­ti­ful laun­dret­te: lì, l’edu­ca­zio­ne sen­ti­men­ta­le di un gio­va­ne «in­gle­se, più o me­no» nei sob­bor­ghi mul­ti­for­mi e bru­li­can­ti di vi­ta; qui, un ama­ro, ta­glien­te e insieme spas­so­so rac­con­to sul te­ma for­se più uni­ver­sa­le di tut­ti, l’in­vec­chia­men­to, nel suo rap­por­to con le pas­sio­ni che non si che­ta­no, il pos­ses­so, la no­stal­gia. L’oc­chio di Ku­rei­shi, che guar­da in fac­cia l’in­cu­bo su­pre­mo, ar­che­ti­pi­co, del ma­schi­le - far­si let­te­ral­men­te por­ta­re via la don­na da ma­ni più gio­va­ni - non fa scon­ti a nes­sun sen­ti­men­ta­li­smo. Re­sta li­be­ro, di­si­ni­bi­to, lai­co. «Una not­te - di­ce Wal­do, ot­tan­ten­ne re­gi­sta di ci­ne­ma, pro­ta­go­ni­sta del li­bro - pro­prio adesso che so­no vec­chio, ma­la­to, to­tal­men­te a sec­co di sper­ma e ab­ba­stan­za pie­no di pro­ble­mi, li ri­sen­to, quei ru­mo­ri: non c’è dub­bio, nel­la ca­me­ra ac­can­to al­la mia stan­no fa­cen­do l’amo­re». È l’in­ci­pit ful­mi­nan­te del­la sto­ria. Lo svi­lup­po, la me­di­ta­ta e dol­ce­men­te as­sa­po­ra­ta ven­det­ta, è real­men­te ma­gne­ti­co. Sul­lo sfon­do, que­sta vol­ta, la Lon­dra be­ne­stan­te e alie­na­ta dei ri­sto­ran­ti ita­lia­ni e dei vi­ci­ni di ca­sa ara­bi. Del­le fe­ste e del­la so­li­tu­di­ne. «Com’è ba­na­le, e scon­vol­gen­te e ras­si­cu­ran­te, sve­gliar­si e sco­pri­re che la tua ama­ta è di­ven­ta­ta un’estra­nea che ama un estra­neo».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.