Vi rac­con­to Saint-Na­zai­re, Por­to Mar­ghe­ra con più ani­ma

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Roberto Fer­ruc­ci

Noi ita­lia­ni sia­mo ve­nu­ti a sa­pe­re che c’è una cit­tà, Saint-Na­zai­re, al cen­tro del­la di­spu­ta Fran­cia-Ita­lia.

Da qual­che gior­no noi ita­lia­ni sia­mo ve­nu­ti a sa­pe­re che in Fran­cia c’è una cit­tà, Saint-Na­zai­re, che è al cen­tro di una di­spu­ta tra Fran­cia e Ita­lia sul con­trol­lo dei suoi pre­sti­gio­si can­tie­ri na­va­li. Que­sto sap­pia­mo. In ef­fet­ti, Sain­tNa­zai­re non è uno di quei luo­ghi mes­si in evi­den­za nel­le gui­de tu­ri­sti­che. Di tu­ri­sti­co non ha mol­to, ed è pro­prio que­sto a es­se­re uno dei pre­gi del­la cit­tà. Una cit­tà-sen­ti­men­to, di­strut­ta e poi ri­co­strui­ta da­gli ame­ri­ca­ni nel­la Se­con­da Guer­ra Mon­dia­le, che non pos­sie­de sol­tan­to il por­to. C’è una spiag­gia di qua­si tre chi­lo­me­tri in pie­no cen­tro, con un lun­go­ma­re lar­ghis­si­mo do­ve po­ter cor­re­re in bi­ci­clet­ta, in rol­ler, fa­re jog­ging o sem­pli­ce­men­te pas­seg­gia­re re­spi­ran­do quell’aria a noi sconosciuta: quel­la dell’Ocea­no Atlan­ti­co. Per l’in­te­ra esta­te, lì sul lun­go­ma­re, è par­cheg­gia­to un gran­de fur­go­ne tut­to ve­tri: è una bi­blio­te­ca, for­ni­tis­si­ma e con la co­da all’en­tra­ta, so­prat­tut­to bam­bi­ni, per­ché Saint-Na­zai­re è an­che una cit­tà let­te­ra­ria. Da trent’an­ni in­fat­ti vi ope­ra la Meet, Mai­son des Écri­vains Étran­gers et de Tra­duc­teurs, di­ret­ta dal­lo scrit­to­re Pa­trick De­vil­le, una re­si­den­za per scrit­to­ri che ogni an­no ospi­ta per un me­se o due, dai cin­que ai sei au­to­ri del mon­do in­te­ro. La Meet è an­che una ca­sa edi­tri­ce bi­lin­gue e nel­la sua col­la­na ha pub­bli­ca­to de­ci­ne e de­ci­ne di romanzi, rac­con­ti e poe­sie che han­no fat­to di Saint-Na­zai­re una del­le cit­tà più nar­ra­te al mon­do. A no­vem­bre vi si svol­ge il Mee­ting, un fe­sti­val che ogni an­no ospi­ta due cit­tà let­te­ra­rie, e pro­prio nel 2016 è toc­ca­to a Ve­ne­zia, con l’in­vi­to di al­cu­ni scrit­to­ri ve­ne­ti pri­ma a scri­ve­re del­la pro­pria cit­tà per una rac­col­ta, poi a in­ter­ve­ni­re al fe­sti­val.

Del­la dia­tri­ba in at­to fra go­ver­no fran­ce­se e go­ver­no ita­lia­no sap­pia­mo già tut­to, ma non sap­pia­mo per­ché tut­ti gli abi­tan­ti di Saint-Na­zai­re ab­bia­no gioi­to al­la de­ci­sio­ne di Ma­cron di «na­zio­na­liz­za­re» i can­tie­ri. Qua in Ita­lia ab­bia­mo su­bi­to pro­nun­cia­to quel ter­mi­ne che ci ren­de i fran­ce­si co­sì an­ti­pa­ti­ci: scio­vi­ni­smo. Er­ro­re. Qui si trat­ta di qual­co­sa di ben più pro­fon­do. Al di là dei pa­re­ri di chi la­vo­ra nei can­tie­ri e dei sin­da­ca­ti (è dif­fu­sa la pre­oc­cu­pa­zio­ne che Fin­can­tie­ri de­cen­tra­liz­zi il la­vo­ro in Ci­na, per esem­pio), e al di là di chi leg­ge in que­sta de­ci­sio­ne una lot­ta tut­ta ita­lia­na fra Msc Cro­cie­re (Gian­lui­gi Apon­te, il pa­tron di Msc, di­chia­rò nel giu­gno scor­so a Le Mon­de che avreb­be fat­to di tut­to per evi­ta­re che Fin­can­tie­ri en­tras­se in pos­ses­so dei can­tie­ri), quel­lo che non so­lo noi ita­lia­ni igno­ria­mo, ma che ci è del tut­to estra­neo, è il rap­por­to che gli abi­tan­ti di que­sta cit­tà di ol­tre set­tan­ta­mi­la abi­tan­ti han­no con i lo­ro can­tie­ri. La co­stru­zio­ne di una na­ve ri­chie­de me­si e me­si di la­vo­ro, an­ni a vol­te, e ogni tap­pa è scan­di­ta dal­la stam­pa lo­ca­le e, di con­se­guen­za, dai na­zai­riens. Cia­scu­no di lo­ro, gio­va­ni e me­no gio­va­ni, po­co im­por­ta qua­li sia­no le com­pe­ten­ze, gli stu­di, co­no­sco­no a me­na­di­to ogni fa­se. Le uscite di ogni na­ve, an­che quel­le di prova, fan­no ac­cor­re­re i na­zai­riens lun­go le ri­ve ad as­si­ste­re e a ce­le­bra­re un ri­sul­ta­to che è sen­ti­to co­me se fos­se il la­vo­ro di tut­ti.

Quin­di no, non si trat­ta né di scio­vi­ni­smo né di na­zio­na­li­smo, per­ché fra l’al­tro, so­no de­ci­ne le na­zio­na­li­tà di chi è im­pie­ga­to nei can­tie­ri di Sain­tNa­zai­re. È un rap­por­to pro­fon­do e sen­ti­to, ri­co­no­scen­za e con­di­vi­sio­ne, che noi igno­ria­mo: ave­te mai vi­sto, a Mon­fal­co­ne o a Por­to Mar­ghe­ra, fol­le di abi­tan­ti ac­cal­car­si al­le ri­ve per sa­lu­ta­re il va­ro di una na­ve, il com­pi­men­to di un lun­go la­vo­ro? Mai. Que­sto è quel che sta ac­ca­den­do a Saint-Na­zai­re. Il ti­mo­re di per­de­re non sol­tan­to il la­vo­ro, ma il sen­ti­men­to col­let­ti­vo che, da sem­pre, lo con­trad­di­stin­gue. Non è un ca­so che per il cen­te­na­rio del­lo sbar­co de­gli ame­ri­ca­ni du­ran­te la Pri­ma Guer­ra Mon­dia­le, il sin­da­co Da­vid Sa­m­zun ab­bia fat­to di tut­to per ria­ve­re a Saint-Na­zai­re la Queen Ma­ry 2, fio­re all’oc­chiel­lo del­la can­tie­ri­sti­ca lo­ca­le. Un even­to che ha por­ta­to sul­le ri­ve del­la cit­tà mi­glia­ia e mi­glia­ia di fran­ce­si. Che, og­gi, han­no pau­ra di per­der­lo, que­sto sen­ti­men­to uni­co e pre­zio­so. A noi del tut­to sco­no­sciu­to.

Sull’Atlan­ti­co Il can­tie­re di Saint Na­zai­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.