LA SO­CIE­TÀ DEL­LA PA­STIC­CA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mas­si­mia­no Buc­chi

«M ori­re per una pa­stic ca». Que­sta la sin­te­si che in que­sti gior­ni mol­ti mez­zi di in­for­ma­zio­ne han­no fat­to del­la tra­gi­ca fi­ne di una se­di­cen­ne vit­ti­ma di un’over­do­se di ec­sta­sy. Una sin­te­si che è lo spec­chio al­tret­tan­to tragico di una so­cie­tà che non vuo­le guar­da­re in fac­cia i pro­pri pro­ble­mi. Per­ché nes­su­no muo­re dav­ve­ro «per una pa­stic­ca», sal­vo, ca­so­mai, chi as­su­me in­con­sa­pe­vol­men­te un far­ma­co che poi ri­sul­ta con­traf­fat­to o le­ta­le. Men­tre nel ca­so in que­stio­ne- non nuo­vo in Ve­ne­to - la pa­stic­ca non è pur­trop­po che l’ul­ti­mo dram­ma­ti­co anel­lo di una ca­te­na che fin­gia­mo di po­ter igno­ra­re. Ciò con cui non vo­glia­mo fa­re i con­ti è una cul­tu­ra in cui lo «sbal­lo con­trol­la­to» è di­ve­nu­to la re­go­la an­zi­ché l’ec­ce­zio­ne, un’at­ti­vi­tà di rou­ti­ne per il fi­ne set­ti­ma­na co­me an­da­re al ci­ne­ma o a man­gia­re la piz­za. Tan­to che lo si pro­gram­ma, e a dif­fe­ren­za di qual­che de­cen­nio fa chi as­su­me cer­te so­stan­ze non si sen­te cer­to un tos­si­co: ve­de­re per cre­de­re i da­ti sul­la co­sid­det­ta «epi­de­mia di op­pia­cei», in lar­ga mi­su­ra re­go­lar­men­te pre­scrit­ti dai me­di­ci, ne­gli Usa, do­ve le mor­ti per over­do­se so­no rad­dop­pia­te. E non ser­ve a mol­to pun­ta­re il di­to con­tro «i ra­gaz­zi». Quel­la che non vo­glia­mo guar­da­re in fac­cia è una so­cie­tà in cui ogni mo­men­to, ogni se­ra­ta, per i gio­va­ni co­sì co­me per mol­ti gli adul­ti, de­ve sem­pre es­se­re spe­cia­le.

Ede­ve sem­pre es­se­re me­mo­ra­bi­le, pron­ta per es­se­re po­sta­ta e con­di­vi­sa sui so­cial in mo­do da su­sci­ta­re l’am­mi­ra­zio­ne e l’in­vi­dia de­gli ami­ci. Do­ve l’ec­ces­so è di­ve­nu­to un di­rit­to, co­me di­mo­stra lo scher­no e la ri­vol­ta ver­so quei sin­da­ci che ten­ta­no va­na­men­te di con­te­ne­re, ma­ga­ri do­po le tre o le quat­tro del mat­ti­no, l’ubria­chez­za mo­le­sta nel­le pro­prie piaz­ze.

Quel­la che non vo­glia­mo ve­de­re è una so­cie­tà in cui com­pra­re un ro­man­zo o ve­de­re uno spet­ta­co­lo co­sta sem­pre trop­po, ma i sol­di per un ape­ri­ti­vo o una pa­stic­ca si tro­va­no sem­pre. In cui i ge­ni­to­ri di fa­mi­glie nor­ma­li, an­zi nor­ma­lis­si­me (co­sì le de­scri­vo­no le cro­na­che) tro­va­no nor­ma­le, an­zi nor­ma­lis­si­mo, non sa­pe­re do­ve si tro­vi­no i fi­gli mi­no­ren­ni a not­te fon­da, ma­ga­ri il­lu­si di es­se­re con lo­ro in con­tat­to so­lo per­ché gli han­no mes­so in ta­sca un te­le­fo­ni­no. Non è que­stio­ne di mo­ra­li­smo, né di tro­va­re ali­bi per le re­spon­sa­bi­li­tà per­so­na­li. Re­spon­sa­bi­li­tà che re­sta­no cen­tra­li, tan­to più in una so­cie­tà co­me la no­stra in cui cia­scu­no ri­tie­ne (o quan­to­me­no si il­lu­de) di sa­pe­re da sé co­me sia me­glio vi­ve­re, e di man­te­ne­re sem­pre, an­che du­ran­te lo sbal­lo, il con­trol­lo sul­la pro­pria vi­ta e sa­lu­te. Ma il pri­mo pas­so per af­fron­ta­re pro­ble­mi co­sì gra­vi è co­min­cia­re a chia­mar­li con il lo­ro no­me, an­zi­ché na­scon­der­li die­tro slo­gan as­so­lu­to­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.