Sul­la se­pa­ra­zio­ne di Sap­pa­da spun­ta il bli­tz di Bel­lot: «Su­bi­to il vo­to»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - Mar­co de’ Fran­ce­sco © RIPRODUZIONE RISERVATA

SAP­PA­DA La se­na­tri­ce di Fa­re! Raf­fae­la Bel­lot pro­met­te il col­po di ma­no. La sce­na, og­gi in Se­na­to. Il mo­ti­vo è il man­ca­to ri­spet­to, se­con­do la se­na­tri­ce, del vo­to di qual­che set­ti­ma­na fa, con il qua­le «que­sta Au­la ha de­cre­ta­to che Sap­pa­da sa­reb­be sta­ta di­scus­sa ap­pe­na con­clu­si i la­vo­ri sull’An­ti­ma­fia».

Tec­ni­ca­men­te, il di­se­gno di leg­ge 1082 per il di­stac­co del co­mu­ne dal Ve­ne­to e sua ag­gre­ga­zio­ne al Friu­li Ve­ne­zia Giulia avreb­be già do­vu­to es­se­re esa­mi­na­to. Poi all’or­di­ne del gior­no so­no sta­ti in­fi­la­ti i de­cre­ti leg­ge; e ora che si do­vreb­be­ro trat­ta­re i disegni di leg­ge, di Sap­pa­da non c’è l’om­bra. «Ve­dre­mo co­sa suc­ce­de­rà quan­do sol­le­ve­rò la que­stio­ne. C’era un im­pe­gno pre­so dai se­na­to­ri, e va ri­spet­ta­to. Io cre­do che sia ora di di­re un one­sto “sì” o “no” ai Sap­pa­di­ni. Stia­mo a ve­de­re». Chi pensa che tut­to sa­rà rin­via­to a set­tem­bre è il se­na­to­re di For­za Ita­lia Gio­van­ni Pic­co­li. «Qui fra di­se­gno di leg­ge sul­la con­cor­ren­za – af­fer­ma Pic­co­li – leg­ge di de­le­ga­zio­ne eu­ro­pea e ren­di­con­to del Se­na­to, mi sa che gli spa­zi per la pic­co­la Sap­pa­da non so­no mol­ti. A na­so, se se ne ri­par­la, se ne ri­par­la tra un me­se».

Sot­to-sot­to, Pic­co­li pensa che pa­laz­zo Ma­da­ma fa­rà di tut­to per chiu­de­re le due o tre co­se im­por­tan­ti e man­da­re tut­ti in va­can­za. Chi ri­schia di ri­ma­ne­re con il ce­ri­no in ma­no, tan­to per cam­bia­re, so­no i sap­pa­di­ni, a que­sto pun­to ap­pe­si all’ini­zia­ti­va del­la Bel­lot in zo­na ce­sa­ri­ni. «A noi ave­va­no det­to che la que­stio­ne sa­reb­be sta­ta af­fron­ta­ta en­tro gio­ve­dì – af­fer­ma Da­ni­lo Quinz, del co­mi­ta­to pro­mo­to­re del re­fe­ren­dum per il di­stac­co dal Ve­ne­to -; ma or­mai non ci fi­dia­mo più di nes­su­no. L’im­pres­sio­ne è che mol­ti ab­bia­no pau­ra dell’ef­fet­to do­mi­no che Sap­pa­da po­treb­be pro­dur­re; ma è an­che ve­ro che, tra tut­ti i Co­mu­ni re­fe­ren­da­ri, sia­mo gli uni­ci ad ave­re tut­te le car­te in re­go­la. Cer­to, do­po no­ve an­ni di ti­ra e mol­la, sia­mo un po’ stan­chi an­che noi. E for­se è que­sto l’ef­fet­to che si vo­le­va ot­te­ne­re».

Il re­fe­ren­dum sap­pa­di­no ri­sa­le al mar­zo 2008: qua­si un ple­bi­sci­to per il sì. Poi, il sì dei con­si­gli re­gio­na­li friu­la­no e ve­ne­to, non­ché del­le com­mis­sio­ni par­la­men­ta­ri com­pe­ten­ti. In­fi­ne, le sabbie mo­bi­li del Se­na­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.