L’ere­di­tie­ra dell’ex im­pe­ro vi­cen­ti­no e quei 23 mi­lio­ni in azio­ni mai ria­vu­ti «Bp­vi dis­se sì, poi il mu­ro e la ro­vi­na»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Economia - Emi­lio Ran­don © RIPRODUZIONE RISERVATA

VI­CEN­ZA Non so­lo «ba­cia­te», an­che sba­ciuc­chia­te o so­lo tra­di­te. Le più in­te­res­san­ti - le azio­ni se­dot­te e ab­ban­do­na­te - ci rac­con­ta­no una sto­ria vi­cen­ti­na di amo­ri e odi ad al­to tas­so fi­nan­zia­rio do­ve an­che i ric­chi pian­go­no. Ai tem­pi del co­le­ra ban­ca­rio non ba­sta­va es­se­re ami­ci di Gian­ni Zo­nin per ave­re in­die­tro il con­tro­va­lo­re del­le pro­prie azio­ni in Ban­ca Popolare di Vi­cen­za (ora Ban­ca In­te­sa), bi­so­gna­va es­se­re o ave­re qual­co­sa di più. Co­sa esat­ta­men­te se lo sta an­co­ra chie­den­do Ga­ia Fran­ce­sca Folco, 39 an­ni, vi­cen­ti­na con do­mi­ci­lio a Lu­ga­no, ere­de del re del­la La­na Gian­car­lo Folco mor­to nel 2011 e ti­to­la­re del­la Hol­ding di fa­mi­glia (ge­stio­ne pac­chet­ti azio­na­ri, in­ve­sti­men­ti, ec­ce­te­ra), rag­giun­ta in que­sti gior­ni da un pi­gno­ra­men­to emes­so del tri­bu­na­le di Vi­cen­za in fa­vo­re del­la ban­ca vi­cen­ti­na per un con­tro­va­lo­re di 59 mi­lio­ni 720 mi­la e 131 eu­ro vir­go­la 22 cen­te­si­mi (59.720.131,33), praticamente tut­to il suo pa­tri­mo­nio in as­set e ti­to­li (pac­chet­ti Ima SpA, Swiss RE AG CHF, Al­lianz Se, Ali­ba­ba GRP ADS e Mps più 364.606 di azio­ni Bp­vi).

La fac­cia lus­suo­sa del di­sa­stro

Nell’uf­fi­cio del­la sua vil­la-for­tez­za sul­la som­mi­tà di Mon­te Be­ri­co, quel­lo che Ga­ia Folco ve­de do­vreb­be ras­si­cu­rar­la: dal­le pa­re­ti pen­do­no una mez­za doz­zi­na di ope­re di Kei­th Ha­ring – il pit­to­re de­gli omi­ni tre­mo­lan­ti, mae­stro del­la street art – ai prez­zi at­tua­li do­vreb­be­ro va­le­re 4 mi­lio­ni ca­dau­no. Dal­la bal­co­na­ta del par­co può scor­ge­re il cu­po­lo­ne del Pal­la­dio e, con un po’ di im­ma­gi­na­zio­ne, an­che la se­de di Bp­vi in via Por­ti del­la qua­le pos­sie­de an­co­ra 364.606 azio­ni. Più lon­ta­no, a est, per­sa nel lat­te dell’afa, c’è Mon­te­bel­lu­na con Ve­ne­to Ban­ca (ora Ban­ca In­te­sa) pres­so la qua­le Ga­ia Folco de­tie­ne al­tre 475 mi­la azio­ni. Una mon­ta­gna di sol­di quan­do le pri­me va­le­va­no 62,5 eu­ro e le se­con­de su­pe­ra­va­no i 40, un muc­chio di car­ta strac­cia ora. E non oc­cor­re ag­giun­ge­re al­tro. Ga­ia Folco è la fac­cia lus­suo­sa del gran­de di­sa­stro ve­ne­to. Per ti­ra­re avan­ti – si fa per di­re – ha ap­pe­na ven­du­to un Fon­ta­na. Lei è una Bud­den­brook de noan­tri e la sua sto­ria va­le un ca­pi­to­lo di Tho­mas Mann, «ban­ca­rot­ta... è la co­sa più atro­ce del­la mor­te». Co­me non ba­stas­se, an­che Ve­ne­to Ban­ca le ha chie­sto in­die­tro i fi­di, una ven­ti­na di mi­lio­ni che, som­ma­ti ai 60 del­la Popolare vi­cen­ti­na, fan­no 80.

In­fan­zia a Br­no (il pa­pà spo­sò una ce­ca), scuo­le sviz­ze­re, lingue, educazione aper­ta e pro­gres­si­sta, nel 2011, al­la mor­te del pa­dre, si tro­va pro­prie­ta­ria di una for­tu­na. «Al­lo­ra non ca­pi­vo pa­pà, lo ri­te­ne­vo cat­ti­vo, ora so che era so­lo av­ve­du­to e ave­va ra­gio­ne a com­por­tar­si co­sì». Qual­che in­ve­sti­men­to giu­sto, qual­cu­no sba­glia­to, tut­to som­ma­to la Folco Hol­ding rie­sce ad at­tra­ver­sa­re i set­te an­ni ini­zia­ti con Leh­man Bro­thers e ar­ri­va ai gior­ni no­stri an­co­ra in pie­di, a ga­ran­zia del­la sua solidità c’era­no le azio­ni del­la Popolare vi­cen­ti­na e di Ve­ne­to Ban­ca. C’era­no, ap­pun­to.

Il bi­so­gno di li­qui­di­tà

Tra il 2012 e il 2013 la Folco Hol­ding ha bi­so­gno di li­qui­di­tà e chie­de a Bp­vi la ven­di­ta pri­ma di un pac­chet­to di 164.606 azio­ni, poi del­le re­stan­ti 200 mi­la per un to­ta­le di 22.787.875 mi­lio­ni di eu­ro. In via Por­ti le di­co­no di sì. Ga­ia aspet­ta fi­no al 27 mag­gio 2013, quin­di, spa­zien­ti­ta, scri­ve a Gian­ni Zo­nin: «Gen­ti­le dot­to­re, abbiamo pre­sen­ta­to do­man­da fir­ma­ta per ri­ce­vu­ta dal­la vo­stra fi­lia­le di Con­trà Por­ti. No­stro mal­gra­do il si­gnor Pe­ruz­zo ci ha in­for­ma­ti che non è sta­ta pre­sen­ta­ta la no­stra ri­chie­sta di ces­sio­ne al Cda». Tor­na in via Por­ti, rein­con­tra i di­ri­gen­ti, par­la con il di­ret­to­re Sa­mue­le So­ra­to e il vi­ce Ema­nue­le Giu­sti­ni, tra le al­tre co­se si sen­te di­re che «il fun­zio­na­rio si è di­men­ti­ca­to di pas­sa­re l’or­di­ne» e che «il fax non fun­zio­na­va». Esor­ta an­co­ra, sol­le­ci­ta, ma lei non ve­drà più un sol­do del­le sue azio­ni. E tut­ta­via qual­co­sa in cam­bio ot­tie­ne: un fi­do di 60 mi­lio­ni di eu­ro a par­ti­re dal giu­gno 2013, que­sto è il no­do e il chio­do che la im­pic­che­ran­no. Tre an­ni do­po, il 25 lu­glio 2016, do­po aver fat­to le pul­ci al suo bi­lan­cio so­cia­le, la Popolare di Vi­cen­za si fa sot­to con una in­ti­ma­zio­ne: a fron­te di 46.459.300,98 eu­ro in azio­ni lei ha uno sco­per­to di 58.456.630,47 eu­ro, poi­ché nel pas­sa­to eser­ci­zio la sua hol­ding ha re­gi­stra­to per­di­te per 24 mi­lio­ni, a in­te­gra­zio­ne le chie­dia­mo il rien­tro im­me­dia­to di 17.842.992,54 eu­ro. «E’ il bue che dà del cor­nu­to all’asi­no, una ban­ca fal­li­ta per i 1,9 mi­liar­di di­ce a me che so­no sot­to quan­do nel 2014 ho chiu­so con un uti­le di ol­tre 5 mi­lio­ni».

La guer­ra in tri­bu­na­le

Que­ste ci­fre tor­ne­ran­no a bal­la­re in tri­bu­na­le (la cau­sa che do­ve­va aprir­si il 24 lu­glio è sta­ta rin­via­ta, a di­fen­de­re la Folco lo stu­dio Car­lo Edoar­do Roc­ca di Mi­la­no e lo stu­dio Ce­sa­re Dal Ma­so di Vi­cen­za), ci­fre che cam­bia­no con gli oc­chi di chi guar­da: la Hol­ding Folco è so­li­da se il va­lo­re del­le azio­ni Bp­vi e Ve­ne­to Ban­ca so­no d’an­tan, è nel­le pe­ste se con­ta­no lo ze­ro at­tua­le. Que­sto il pun­to su cui si de­ci­de­rà la bat­ta­glia le­ga­le: la fi­nan­zie­ra vi­cen­ti­na – è la sua te­si – so­stie­ne che se le azio­ni di sua pro­prie­tà fos­se­ro sta­te ven­du­te a tem­po de­bi­to, co­me da lei ri­chie­sto e ac­cet­ta­to dal­la ban­ca, lei sa­reb­be rien­tra­ta dal­lo sco­per­to e non ci sa­reb­be sto­ria. Poi­ché la ban­ca non le ha ven­du­te, «è col­pa sua» e «Bp­vi ne de­ve ri­spon­de­re». Al tem­po in cui la Folco pe­na­va, i Dal­li Ca­ni del­la Val­bru­na ve­ni­va­no rim­bor­sa­ti per l’equi­va­len­te di 204.363 azio­ni (sei me­si do­po che la Folco chie­se le sue), Cao­vil­la per 160.000, Vi­met per 198.400, Mar­can­te per 253.523, Ba­si­le Ro­sa­rio, Mir­ri e Dib­ber­nar­do per 159.009 cia­scu­no. Mol­ti fu­ro­no ac­con­ten­ta­ti, lei no.

I pe­sce­ca­ni

E an­co­ra ades­so non rie­sce a spie­gar­se­lo – «nuo­ta­vo in una va­sca pie­na di pe­sce­ca­ni, in Popolare e dintorni c’era­no pe­sci più gros­si e con den­ti più af­fi­la­ti dei miei» – cer­to che è l’uni­ca azio­ni­sta dell’ex Bp­vi a non por­ta­re ran­co­re nei con­fron­ti di Gian­ni Zo­nin: «Era un ami­co ed era in buo­na fe­de, cre­do». Nel rac­con­to che ne fa l’ex pre­si­den­te vi­cen­ti­no è un re sen­za ter­ra, un ge­ne­ra­le cir­con­da­to dal­la se­di­zio­ne a cui nes­su­no più ub­bi­di­sce.

Nei pri­mi me­si del 2016 Bp­vi con­ser­va­va an­co­ra qual­che par­ven­za di cre­di­bi­li­tà ma era già una zat­te­ra del­la Me­du­sa, gior­ni in cui Zo­nin an­da­va al­la ri­cer­ca af­fan­no­sa del­le 63 let­te­re di im­pe­gno a ri­com­pra­re fir­ma­te agli azio­ni­sti e non le tro­va­va. «Giu­sti­ni (vi­ce di So­ra­to, ndr) si ri­fiu­ta­va di con­se­gnar­me­le». «Non era­no sta­te an­co­ra tro­va­te», re­pli­ca­va So­ra­to. Al te­le­fo­no bri­ga­va­no per il rien­tro dei fon­di lus­sem­bur­ghe­si men­tre ve­ni­va giù tut­to tan­to che il pre­si­den­te Zo­nin si ri­sol­ve, prende per la giac­ca So­ra­to e gli di­ce: te ne de­vi an­da­re, per il be­ne del­la ban­ca. «E ades­so che la­vo­ro fac­cio»?, re­pli­ca lui. «T’aiu­to io a tro­va­re un po­sto» ras­si­cu­ra il pre­si­den­te (co­me da in­ter­cet­ta­zio­ni te­le­fo­ni­che). Ga­ia Folco Fru­ga tra le car­te e i do­cu­men­ti spar­si sul­la scri­va­nia, spo­sta il chi­wa­wa che ci scor­raz­za so­pra, e fi­nal­men­te tro­va quel­lo che cer­ca­va: «Ec­co la ri­ce­vu­ta di ac­cet­ta­zio­ne del­la mia ri­chie­sta di ven­de­re». La guar­da an­co­ra, poi la la­scia ca­de­re e sem­bra di­sin­te­res­sar­se­ne: «So­no stan­ca di que­sta sto­ria, a set­tem­bre ven­de­rò la ca­sa per far­ne un cen­tro per an­zia­ni, ma pri­ma in­di­rò un’asta e ven­de­rò tut­te le ope­re, do­ne­rò il ri­ca­va­to a chi non ha più nul­la».

La te­sti­mo­nian­za In Popolare nuo­ta­vo in una va­sca pie­na di pe­sce­ca­ni, c’era­no pe­sci più gros­si e con den­ti più af­fi­la­ti dei miei. Zo­nin? Era un ami­co. In buo­na fe­de, cre­do

Gio­iel­lo La vil­la sul­la col­li­na di Mon­te Be­ri­co di pro­prie­tà del­la fa­mi­glia Folco, in cau­sa per le azio­ni Bp­vi non ven­du­te

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.