«Quel­li li ma­cel­lo» Scrit­to­ri di­vi­si sul­la rea­zio­ne di Co­ro­na

Cru­cia­ni: «Avreb­be fat­to be­ne». Ri­ghet­to: «Com­pren­do la sua pau­ra». Bu­ga­ro: «Fra­si che ge­ne­ra­no al­tro ter­ro­re»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Chia­mu­le­ra

«Se li pi­glia­vo li ma­ne­ra­vo». Neo­lo­gi­smo ef­fi­ca­ce. D’al­tra par­te, co­me si in­ti­to­la­va il suo li­bro? Il can­to del­le ma­nè­re, ap­pun­to. Se da Mau­ro Co­ro­na, a di­stan­za di un gior­no e mez­zo dall’epi­so­dio di van­da­li­smo nel­la ca­sa-la­bo­ra­to­rio di Er­to, ci si aspet­ta­va for­se una ri­trat­ta­zio­ne, un pen­ti­men­to ri­spet­to al­le pa­ro­le pro­nun­cia­te a cal­do («I tep­pi­sti? Li avrei ma­cel­la­ti»), si re­sta a boc­ca asciut­ta.

No, nel bo­sco non ci so­no so­lo mar­to­re, ca­mo­sci, cu­cu­li, goc­ce di re­si­na, sem­pre per at­tin­ge­re dal­la bi­blio­te­ca di Co­ro­na. Qui c’è, per usa­re il ti­to­lo di un al­tro suo li­bro, l’om­bra del ba­sto­ne.

La vi­cen­da è da ie­ri al cen­tro del di­bat­ti­to: qual­cu­no, due se­re fa, sca­glia con­tro la ve­tri­na del­la ca­sa-la­bo­ra­to­rio di Co­ro­na una sua stes­sa scul­tu­ra. Il ve­tro va in fran­tu­mi in un boa­to spa­ven­to­so. E lui, Co­ro­na, che, scal­zo, schiz­za fuo­ri co­me una fu­ria, un’ascia in ma­no. Il can­to del­le ma­nè­re, ap­pun­to.

La fu­ria con­tro i van­da­li non pas­sa su­bi­to, e i gior­na­li fan­no pre­sto a strap­par­gli quel­le pa­ro­le du­re. Boom, il di­bat­ti­to si sca­te­na. «Mau­ro avreb­be fat­to be­nis­si­mo», rin­ca­ra al­le­gra­men­te la do­se Giu­sep­pe Cru­cia­ni, con­dut­to­re del­la Zan­za­ra e ami­co di Co­ro­na. «Non è che sia ob­bli­ga­to­rio rea­gi­re, sia chia­ro. Ma la pro­te­zio­ne del­le pro­prie co­se, in que­sto ca­so dell’ope­ra crea­ti­va, de­ve ave­re lo stes­so va­lo­re del­la vi­ta. In Ame­ri­ca la pro­prie­tà è equi­pa­ra­ta al­la vi­ta uma­na». Ad­di­rit­tu­ra? «Per pro­teg­ge­re i pro­pri ave­ri è le­git­ti­mo far fuo­ri chi ti mi­nac­cia», ag­giun­ge Cru­cia­ni. In di­fe­sa di Mau­ro con la ma­nè­ra. Ma l’avreb­be poi usa­ta dav­ve­ro? «Se­con­do me sì», di­ce il con­dut­to­re. «È un uo­mo pa­ci­fi­co, ma ha un for­te sen­so del­le pic­co­le gran­di co­se che ha crea­to. Qui non è l’as­sal­to a una reg­gia. È l’at­tac­co al­la ca­sa di una per­so­na che vi­ve so­stan­zial­men­te con la por­ta aper­ta».

«Era­no le tre e die­ci di not­te - ri­co­strui­sce Co­ro­na - ero sve­glio, li ho sen­ti­ti che si fer­ma­va­no nei pres­si di ca­sa mia. Mi so­no det­to: ades­so ve­dia­mo che fan­no. Han­no spo­sta­to una mia sta­tua di bron­zo. Ne ho sen­ti­to l’at­tri­to sul ter­re­no. Poi l’han­no lan­cia­ta. Ho per­ce­pi­to la vio­la­zio­ne dell’ani­ma, l’ol­trag­gio al­la mia ca­sa». Il re­sto è sto­ria no­ta: Mau­ro che prende l’ac­cet­ta, «quel­la che ho per scol­pi­re, mi­ca la uso co­me ar­ma di so­li­to», che li rin­cor­re. «Sghi­gnaz­za­va­no, era­no in cin­que, avran­no avu­to sui vent’an­ni... Tep­pi­stel­li da quat­tro sol­di».

Si pen­te di ave­re det­to che li avreb­be ma­cel­la­ti? «Se li pi­glia­vo po­te­vo far­li a pez­zi», ta­glia cor­to sen­za nean­che la­scia­re fi­ni­re la do­man­da Mau­ro Co­ro­na. «Non so che rea­zio­ne avrei avu­to. E que­sti si sen­to­no im­pu­ni­ti».

In que­ste ore sul­la vi­cen­da si eser­ci­ta­no in­tel­let­tua­li e opi­nio­ni­sti. So­prat­tut­to po­li­ti­ci. Co­ro­na stes­so lo ri­co­no­sce: «Ades­so la si­ni­stra mi cri­ti­ca e la de­stra mi stru­men­ta­liz­za». E guar­da ca­so si va a fi­ni­re, pun­tual­men­te, sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa.

Ma gli scrit­to­ri co­me Co­ro­na co­sa ne pen­sa­no? Ro­mo­lo Bu­ga­ro, pa­do­va­no, au­to­re, tra l’al­tro, di Bea vi­ta! Cru­do Nor­de­st ed Ef­fet­to do­mi­no: «Pre­mes­so che tro­var­si un la­dro in ca­sa è spa­ven­to­so, una espe­rien­za la­ce­ran­te, il ti­po di di­bat­ti­to po­li­ti­co che si sta in­stau­ran­do è ter­ri­fi­can­te. Le stru­men­ta­liz­za­zio­ni so­no a un pun­to mol­to bas­so. L’iste­ria an­che me­dia­ti­ca in­tor­no al te­ma è de­le­te­ria. Le pa­ro­le di Co­ro­na so­no for­tis­si­me, non le con­di­vi­do, per­ché get­ta­no ul­te­rio­re ter­ro­re. Pe­rò ho mol­to ap­prez­za­to che ab­bia det­to: lo avrei fat­to ma non avrei chie­sto un gior­no di scon­to di pe­na, avrei sop­por­ta­to fi­no in fon­do il pe­so del­la re­spon­sa­bi­li­tà. La pri­ma par­te del suo ra­gio­na­men­to è sal­va­ta e qua­si no­bi­li­ta­ta dal­la se­con­da».

«La rea­zio­ne di Co­ro­na è del tut­to per­so­na­le e non mi per­met­to di giu­di­car­la», com­men­ta Mat­teo Ri­ghet­to, che al­la mon­ta­gna e ai suoi uo­mi­ni du­ri e tor­men­ta­ti ha de­di­ca­to più di un li­bro (l’ul­ti­mo: L’ani­ma del­la fron­tie­ra) di­ven­ta­ti an­che ap­prez­za­ti film (La pel­le dell’or­so). «So­no ter­mi­ni cru­di e im­pro­pri, ma com­pren­do be­nis­si­mo la sua pau­ra. L’in­vio­la­bi­li­tà del­la ca­sa ap­par­tie­ne qua­si al­la sfe­ra del sa­cro lai­co. Tan­to di più la ca­sa di mon­ta­gna, che si ca­ri­ca di si­gni­fi­ca­ti emo­ti­vi. Spes­so è iso­la­ta, ne­ces­si­ta di mag­gio­ri cu­re e sa­cri­fi­ci: la pro­pria di­mo­ra per un mon­ta­na­ro ha un vis­su­to di su­do­re e di fa­ti­ca».

Nel can­to del­le ma­nè­re la vo­ce più im­pre­vi­sta è quel­la di Pie­tran­ge­lo But­ta­fuo­co: «Quel­la di Mau­ro è la ri­spo­sta di un uo­mo che ha i cal­li nel­le ma­ni, un uo­mo ri­so­lu­to. Co­ro­na non è un’ani­mel­la, è un tron­co sal­do. Pe­rò ri­ve­la an­che la dab­be­nag­gi­ne del­lo Sta­to che non sa più co­me di­fen­de­re i cit­ta­di­ni, in ogni an­go­lo del ter­ri­to­rio, com­pre­si bo­schi e mon­ta­gne».

Sul­la le­git­ti­ma di­fe­sa But­ta­fuo­co sta scri­ven­do, con Car­me­lo Ab­ba­te, un li­bro che usci­rà a bre­ve e che sem­bra fat­to ap­po­sta per com­men­ta­re que­sta vi­cen­da. Il ti­to­lo di­ce tut­to: Ar­ma­te­vi e mo­ri­te. «La le­git­ti­ma di­fe­sa è un’il­lu­sio­ne. È una spe­cu­la­zio­ne pa­ral­le­la, quel­la di de­stra e si­ni­stra. Lo Sta­to non può pen­sa­re di ca­var­se­la fa­cen­do sbro­glia­re ai cit­ta­di­ni pro­ble­mi di cui si do­vreb­be oc­cu­pa­re lui. Il cit­ta­di­no ar­ma­to soc­com­be sem­pre: sa­rà sem­pre ag­gre­di­to da pro­fes­sio­ni­sti che han­no tut­ta la pra­ti­ca e la spe­cia­liz­za­zio­ne del cri­mi­ne».

Ro­mo­lo Bu­ga­ro Tro­var­si un la­dro in ca­sa è spa­ven­to­so ma le pa­ro­le di Mau­ro Co­ro­na non le con­di­vi­do Pie­tran­ge­lo But­ta­fuo­co Co­ro­na non è un’ani­mel­la ma un tron­co sal­do Ci ri­ve­la che lo Sta­to non sa più co­me di­fen­der­ci Giu­sep­pe Cru­cia­ni Co­ro­na è pa­ci­fi­co ma ha un for­te sen­so del­le pic­co­le gran­di co­se che lui ha crea­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.