Pro­fu­ghi, ri­vol­ta a Ba­gno­li «Vo­glia­mo sta­re in cit­tà»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Cio­cio­la

BA­GNO­LI DI SO­PRA Nuo­va pro­te­sta dei pro­fu­ghi nell’hub di Ba­gno­li di So­pra (in fo­to). I mi­gran­ti han­no bloc­ca­to i can­cel­li per tut­ta la mat­ti­na­ta, te­nen­do chiu­si all’in­ter­no dell’ex ba­se mi­li­ta­re ope­ra­to­ri del­la coop e vo­lon­ta­ri. «Non vo­glia­mo più tra­sfe­ri­men­ti nei vil­lag­gi, ma nelle cit­tà», han­no scrit­to su car­tel­li af­fis­si all’in­gres­so del cen­tro.

BA­GNO­LI DI SO­PRA Sono sta­te le ur­la, al sor­ge­re del sole, a far ca­pi­re ai re­si­den­ti che qual­co­sa sta­va suc­ce­den­do all’in­ter­no del­la ba­se. Fin dal­le 5,30 del mat­ti­no l’aria di San Si­ro, la fra­zio­ne del pic­co­lo pae­se di Ba­gno­li di So­pra che ospi­ta il cen­tro di ac­co­glien­za per mi­gran­ti, era sa­tu­ra del­le gri­da e dei ru­mo­ri pro­ve­nien­ti dal­le strut­tu­re che og­gi ospi­ta­no cir­ca 750 ri­chie­den­ti asi­lo.

Non ci è vo­lu­to mol­to per ca­pi­re che all’in­ter­no del­la strut­tu­ra era in cor­so l’en­ne­si­ma pro­te­sta. La cer­tez­za l’han­no avu­ta quan­do, af­fac­cian­do­si dal­le fi­ne­stre e sbir­cian­do tra i cam­pi, gli abi­tan­ti di San Si­ro han­no no­ta­to i car­tel­li, spun­ta­ti sui can­cel­li pre­si­dia­ti e te­nu­ti chiu­si, che il­lu­stra­va­no le lo­ro ri­chie­ste: tra­sfe­ri­men­to in al­tre strut­tu­re, pre­fe­ri­bil­men­te in cit­tà, di al­me­no quin­di­ci ospi­ti a set­ti­ma­na, mi­glio­ri con­di­zio­ni igie­ni­che e di­sin­fe­sta­zio­ne de­gli al­log­gi, as­si­sten­za sa­ni­ta­ria che va­da ol­tre la somministrazione di pa­ra­ce­ta­mo­lo, au­men­to de­gli in­se­gnan­ti di lin­gua ita­lia­na.

A da­re ini­zio al­la con­te­sta­zio­ne, sta­vol­ta, è sta­to un cen­ti­na­io di mi­gran­ti, per la mag­gior par­te di na­zio­na­li­tà ni­ge­ria­na. E così, rie­su­man­do il so­li­to co­pio­ne già usa­to nelle pro­te­ste dei me­si scor­si, i pro­fu­ghi han­no bloc­ca­to tut­ti gli in­gres­si fin dal mat­ti­no, im­pe­den­do a chiun­que di en­tra­re, ma an­che a tut­ti gli ope­ra­to­ri che han­no tra­scor­so la not­te all’in­ter­no del­la ba­se di usci­re. Sei o sette per­so­ne sono sta­te co­stret­te a tra­scor­re­re la mat­ti­na­ta all’in­ter­no dell’hub, cir­con­da­te da ra­gaz­zo­ni agi­ta­ti e ur­lan­ti. Tra que­sti, an­che un au­ti­sta e un in­fer­mie­re, vo­lon­ta­ri dell’as­so­cia­zio­ne Pron­to Con­sel­ve in­ca­ri­ca­ta di ge­sti­re il tra­spor­to ma­la­ti., che ave­va­no co­per­to il tur­no di not­te.

La si­tua­zio­ne è tor­na­ta al­la nor­ma­li­tà in­tor­no al­le 14,45, do­po ol­tre no­ve ore di ma­ret­ta. Solo a quel pun­to, non pri­ma di aver in­con­tra­to un rap­pre­sen­tan­te del­la Pre­fet­tu­ra di Padova che ha as­si­cu­ra­to i tra­sfe­ri­men­ti ri­chie­sti, i ma­ni­fe­stan­ti sono tor­na­ti nei ran­ghi, ria­pren­do i can­cel­li e per­met­ten­do ai «pri­gio­nie­ri» di tor­na­re in li­ber­tà.

«Non ci sono mai sta­ti mo­men­ti di ten­sio­ne - ha spie­ga­to il sin­da­co di Ba­gno­li, Ro­ber­to Milan -. Pe­rò per gli ope­ra­to­ri bloc­ca­ti all’in­ter­no un po’ di pau­ra de­ve es­ser­ci sta­ta. E con­si­de­ria­mo an­che che due del­le per­so­ne chiu­se den­tro il cen­tro sono vo­lon­ta­ri sen­za sti­pen­dio e che è sta­to im­pe­di­to lo­ro di an­da­re al la­vo­ro. Ca­ra­bi­nie­ri e agen­ti del­la Di­gos, co­mun­que, sono riu­sci­ti a te­ne­re la si­tua­zio­ne sot­to con­trol­lo, im­pe­den­do ogni scon­tro fi­si­co e ogni de­ge­ne­ra­zio­ne che c’è sta­ta nelle pro­te­ste pre­ce­den­ti. An­che sta­vol­ta la Pre­fet­tu­ra ha as­si­cu­ra­to tra­sfe­ri­men­ti, ma è una promessa che vie­ne ri­pe­tu­ta da me­si e non ci con­vin­ce più di tan­to».

A de­sta­re mag­gio­re cu­rio­si­tà e a sca­te­na­re le ire dei mem­bri dei di­ver­si co­mi­ta­ti no pro­fu­ghi che da me­si se­guo­no l’evol­ver­si del­la que­stio­ne, pri­mo fra tut­ti il lo­ca­le «Ba­gno­li di­ce no», sta­vol­ta, è sta­ta una del­le ri­chie­ste avan­za­te dai ma­ni­fe­stan­ti. Che i ri­chie­den­ti asi­lo vo­glia­no ot­te­ne­re do­cu­men­ti in tem­pi bre­vi è co­sa ri­sa­pu­ta, così co­me pu­re il fat­to che tra i 750 ospi­ti del­la ex ca­ser­ma ci sia­no per­so­ne che da me­si at­ten­do­no un tra­sfe­ri­men­to. Ieri mat­ti­na, pe­rò, han­no mes­so ne­ro su bian­co, er­ro­ri di or­to­gra­fia in­clu­si, sia in ita­lia­no che in in­gle­se, an­che un al­tro de­si­de­rio. «Non vo­glia­mo più dei tra­sfe­ri­men­ti nei vil­la­gio, ma in­ve­ce nel­la cit­tà». «Vo­glio­no an­da­re a Padova - ha chia­ri­to Milan - per di­ver­si mo­ti­vi. In­nan­zi­tut­to nelle gran­di cit­tà ci sono più as­so­cia­zio­ni di vo­lon­ta­ri e per i mi­gran­ti sa­reb­be più fa­ci­le in­se­rir­si an­che nei con­te­sti la­vo­ra­ti­vi. E so­prat­tut­to a Padova ci sono mol­ti con­na­zio­na­li. Es­se­re tra­sfe­ri­ti lì per­met­te­reb­be lo­ro di ri­crear­si una piccola cer­chia di ami­ci e fa­mi­lia­ri, e que­sto dal pun­to di vi­sta uma­no è an­che com­pren­si­bi­le. Il bi­gliet­to di an­da­ta e ri­tor­no per Padova, pe­rò, co­sta ot­to eu­ro. Una ci­fra proi­bi­ti­va per mol­ti di lo­ro».

Il sin­da­co Milan Vo­glio­no an­da­re nelle gran­di cit­tà. Lì ci sono più as­so­cia­zio­ni di vo­lon­ta­ri che li se­guo­no e pos­so­no ri­crea­re un grup­po con i lo­ro con­na­zio­na­li

(Ber­ga­ma­schi)

Il pre­si­dio È du­ra­ta tut­ta la mat­ti­na­ta l’agi­ta­zio­ne dei mi­gran­ti ospi­ta­ti nel cen­tro di ac­co­glien­za

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.