«Morfina al neo­na­to»: in­fer­mie­ra ai do­mi­ci­lia­ri

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Sa­mue­le Not­te­gar © RIPRODUZIONE RI­SER­VA­TA

VE­RO­NA Fe­de­ri­ca Vec­chi­ni può la­scia­re il car­ce­re e ac­ce­de­re agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri. Così ha de­ci­so la giu­di­ce per le in­da­gi­ni pre­li­mi­na­ri Giu­lia­na Fran­cio­si, ac­co­glien­do la ri­chie­sta dell’av­vo­ca­to di­fen­so­re del­la don­na Mas­si­mo Mar­ti­ni. L’in­fer­mie­ra, ac­cu­sa­ta di aver som­mi­ni­stra­to a un neo­na­to una do­se ec­ces­si­va e non pre­scrit­ta di morfina, ha la­scia­to il car­ce­re di Mon­to­rio nel­la tar­da mat­ti­na­ta di ieri ac­com­pa­gna­ta dal­la so­rel­la. «Ora – ha chia­ri­to il suo le­ga­le – si tro­va in una strut­tu­ra “ter­za” in cui può sta­re tran­quil­la». Nei gior­ni suc­ces­si­vi sul suo pro­fi­lo Fa­ce­book era­no pio­vu­ti in­sul­ti e mi­nac­ce e il ti­mo­re era che an­che in car­ce­re po­tes­se ac­ca­de­re qual­co­sa di si­mi­le. La don­na si tro­va­va in car­ce­re da gio­ve­dì scor­so, gior­no in cui ven­ne fer­ma­ta con l’ac­cu­sa di aver som­mi­ni­stra­to a un bam­bi­no, ri­co­ve­ra­to nel re­par­to di neo­na­to­lo­gia di Bor­go Ro­ma, all’ospe­da­le di Ve­ro­na, una do­se di morfina che ave­va man­da­to il pic­co­lo in over­do­se e ar­re­sto cardio re­spi­ra­to­rio. In se­gui­to all’in­ter­ro­ga­to­rio fiu­me di ve­ner­dì il suo le­ga­le ha pre­sen­ta­to istan­za di re­vi­sio­ne del­la mi­su­ra cau­te­la­re, co­sa che ieri mat­ti­na è sta­ta ac­cor­da­ta. «L’ho sen­ti­ta tran­quil­la – ha sot­to­li­nea­to l’av­vo­ca­to Mar­ti­ni – se­re­na, con­ten­ta fi­nal­men­te di es­se­re usci­ta. Il car­ce­re non era una si­tua­zio­ne ade­gua­ta. La­vo­re­re­mo per por­ta­re al com­ples­so qua­dro in­di­zia­rio al­cu­ne no­vi­tà, in modo da al­leg­ge­ri­re la sua po­si­zio­ne». L’in­fer­mie­ra si è sem­pre di­chia­ra­ta in­no­cen­te ed estra­nea ai fat­ti.

Sot­to ac­cu­sa Vec­chi­ni

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.