Tra le sen­ti­nel­le del Cri­stal­lo «Co­sì com­bat­tia­mo la fra­na»

Cor­ti­na, viag­gio fi­no al­la fe­ri­ta del­la mon­ta­gna

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Andrea Prian­te

COR­TI­NA D’AMPEZZO (BELLUNO) Silvano Mi­na è un vo­lon­ta­rio del­la pro­te­zio­ne ci­vi­le - se­zio­ne Ana - che da gior­ni si tur­na con i suoi col­le­ghi per mo­ni­to­ra­re il per­cor­so del­la fra­na che ha in­va­so il se­strie­re di Al­ve­rà, a Cor­ti­na. Le sen­ti­nel­le so­no di­slo­ca­te lun­go il cor­so del Bi­gon­ti­na, la­vo­ra­no in coppia gior­no e not­te, su tur­ni di die­ci ore. «Guar­do l’ac­qua cer­can­do di leg­ger­ne i se­gna­li: se cre­sce il li­vel­lo, se del­le pie­tre ci ro­to­la­no den­tro... Ogni det­ta­glio può sug­ge­ri­re che sia in at­to un nuo­vo smot­ta­men­to». E men­tre scat­ta una nuo­va al­ler­ta meteo sul­le Do­lo­mi­ti, i vo­lon­ta­ri so­no pron­ti a da­re l’al­lar­me che met­te­reb­be in sal­vo gli abi­tan­ti.

COR­TI­NA D’AMPEZZO «L’al­tra not­te il cie­lo era gial­lo. No, di­co, gial­lo! Met­te­va pau­ra...».

Silvano Mi­na Plai­to ha 63 an­ni, è il vi­ce coor­di­na­to­re del­la pro­te­zio­ne ci­vi­le AnaCa­do­re ed è una del­le sen­ti­nel­le che da gior­ni stan­no con gli occhi pun­ta­ti sul cor­so del­la co­la­ta di mas­si e fan­go che si è ab­bat­tu­ta sul se­strie­re di Al­ve­rà, a Cor­ti­na d’Ampezzo.

Nel­la not­te di ve­ner­dì, una fra­na si è stac­ca­ta dal Cri­stal­lo in­ca­na­lan­do­si sul Bi­gon­ti­na, il fiu­mi­ciat­to­lo che at­tra­ver­sa l’abi­ta­to. Ed è sci­vo­lan­do sull’ac­qua che le pie­tre han­no pre­so a ro­to­la­re a una ve­lo­ci­tà fol­le, fi­no a piom­ba­re a val­le con una po­ten­za in gra­do di spaz­za­re via ogni co­sa, an­che l’au­to sul­la qua­le viag­gia­va l’ane­ste­si­sta Car­la Cat­tu­ra­no, uc­ci­sa tra le la­mie­re tra­sci­na­te per ol­tre un chi­lo­me­tro.

Ma pas­sa­ta l’on­da­ta di mel­ma e de­tri­ti, è ri­ma­sta la pau­ra. Per­ché so­pra Al­ve­rà re­sta­no mas­si gran­di co­me ca­mion, in bi­li­co, pron­ti a ro­to­la­re giù. E co­sì, men­tre gli ope­rai spez­za­no le pie­tre op­pu­re le spo­sta­no quel tan­to che ba­sta per met­ter­le in si­cu­rez­za, la pro­te­zio­ne ci­vi­le ha

Mi­na L’al­tra not­te il cie­lo sul Cri­stal­lo era gial­lo, met­te­va pau­ra

ini­zia­to un in­ter­mi­na­bi­le mo­ni­to­rag­gio del tor­ren­te.

«È dal Bi­gon­ti­na che si ve­de se ar­ri­va­no nuo­vi smot­ta­men­ti», as­si­cu­ra Mi­na. Il lo­ro la­vo­ro è fon­da­men­ta­le: ai pri­mi se­gna­li di una nuo­va fra­na, han­no il com­pi­to di da­re l’al­lar­me al cam­po ba­se, do­ve si tro­va­no i mez­zi dei vi­gi­li del fuo­co do­ta­ti di si­re­ne. Nel ca­so, gli abi­tan­ti so­no già sta­ti istrui­ti: de­vo­no tap­par­si in ca­sa e sa­li­re ai pia­ni su­pe­rio­ri.

«Sia­mo di­slo­ca­ti in tre pun­ti: a Rio Ge­re, a cir­ca 1700 me­tri di quo­ta; al la­go Scin, un cen­ti­na­io di me­tri più sot­to; e nell’abi­ta­to di Al­ve­rà», spie­ga l’al­pi­no. I vo­lon­ta­ri la­vo­ra­no in coppia, per man­te­ne­re sem­pre al­ta l’at­ten­zio­ne in quei tur­ni che ar­ri­va­no a co­pri­re die­ci ore fi­la­te.

Silvano Mi­na è una sen­ti­nel­la del la­go. «So­prat­tut­to nei pri­mi gior­ni non do­ve­va­mo stac­car­ci dal cor­so d’ac­qua. È so­lo da qui che si pos­so­no leg­ge­re i se­gna­li di nuo­ve co­la­te: se il li­vel­lo del Bi­gon­ti­na au­men­ta, se cam­bia co­lo­re, se tra i flut­ti si me­sco­la­no le pie­tre, i tron­chi...». Fun­zio­na co­sì: gli occhi pun­ta­ti su quell’ac­qua che, a cin- que gior­ni dal di­sa­stro, re­sta di un in­quie­tan­te co­lo­re gri­gia­stro.

La gior­na­ta del­la sen­ti­nel­la tra­scor­re aspet­tan­do qual­co­sa che si vor­reb­be non ar­ri­vas­se mai. «E an­che di not­te, quan­do ac­cen­dia­mo i fa­ri per il­lu­mi­na­re il tor­ren­te. È quel­lo il tur­no più dif­fi­ci­le: ca­la la stan­chez­za e bi­so­gna lot­ta­re con se stes­si per non per­de­re la con­cen­tra­zio­ne». A da­re una ma­no c’è la tec­no­lo­gia: i ra­dar ri­le­va­no le per­tur­ba­zio­ni in ar­ri­vo. Per­ché una bom­ba d’ac­qua co­me quel­la che si è ab­bat­tu­ta la scor­sa set­ti­ma­na, po­treb­be pro­vo­ca­re nuo­vi di­stac­chi dal­la mon­ta­gna. E pro­prio ie­ri la pro­te­zio­ne ci­vi­le ha di­ra­ma­to l’al­ler­ta-meteo: fi­no al­le 8 di do­ma­ni so­no at­te­si tem­po­ra­li e ro­ve­sci in Ve­ne­to, con «pos­si­bi­li cri­ti­ci­tà idro­geo­lo­gi­che nell’area do­lo­mi­ti­ca e pe­de­mon­ta­na».

An­che per que­sto mo­ti­vo, al ter­mi­ne del­la riu­nio­ne del Cen­tro ope­ra­ti­vo co­mu­na­le che si è te­nu­ta a Cor­ti­na, è sta­to de­ci­so di pro­lun­ga­re al­me­no fi­no a og­gi il ser­vi­zio di mo­ni­to­rag­gio «a vi­sta» del fron­te fra­no­so. La ri­mo­zio­ne dei mas­si dall’al­veo del Bi­gon­ti­na do­vreb­be ba­sta­re a evi­ta­re nuo­ve tra­ge­die, ma per pre­cau­zio­ne è sta­to rin­via­to an­co­ra di qual­che ora il ri­tor­no a ca­sa del­la tren­ti­na di sfol­la­ti del se­stie­re. Per lo­ro, la de­ci­sio­ne de­fi­ni­ti­va ar­ri­ve­rà que­sta mat­ti­na, nel cor­so di un in­con­tro in pre­fet­tu­ra. «E nel frat­tem­po - con­clu­de Mi­na - noi non ci muo­via­mo da qui».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.