LA SFI­DA CUL­TU­RA­LE DEL TIRAMISÙ

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Vittorio Filippi

Del fa­mo­so des­sert det­to tiramisù, og­get­to di una cu­rio­sa sin­go­lar ten­zo­ne esti­va tra Ve­ne­to e Friu­li – ten­zo­ne che da ga­stro­no­mi­ca si fa per­fi­no po­li­ti­ca - van­no det­te al­cu­ne co­se che pos­so­no sve­le­ni­re gli ani­mi e far­lo co­no­sce­re con mag­gior ri­go­re. In­nan­zi­tut­to, sia­mo sin­ce­ri, non ha una gran­de sto­ria al­le sue spal­le. La sua ri­cet­ta non era pre­sen­te nei li­bri di cu­ci­na de­gli an­ni ses­san­ta e set­tan­ta tan­to è ve­ro che vie­ne ac­col­to nei di­zio­na­ri della lin­gua ita­lia­na so­lo nel 1980. Inol­tre, co­me tutti i fi­gli che co­no­sco­no un va­sto e ra­pi­do suc­ces­so, ha una pa­ter­ni­tà tan­to plu­ri­ma quan­to in­cer­ta. E pro­ba­bil­men­te de­sti­na­ta a ri­ma­ne­re ta­le, no­no­stan­te i nu­me­ro­si pa­dri giu­ri­no sul­la lo­ro uni­ci­tà ge­ne­ra­ti­va. C’è una ori­gi­ne ve­ne­ta – e più pre­ci­sa­men­te tre­vi­gia­na – a cui si ne è af­fian­ca­ta con for­za una friu­la­na, car­ni­ca o go­ri­zia­na. E non man­ca­no al­tre lon­ta­ne pre­te­se geo­gra­fi­che, anche se di mi­nor plau­si­bi­li­tà sto­ri­ca. Ma il tiramisù, che co­me tutti i pro­dot­ti ga­stro­no­mi­ci è un pro­dot­to cul­tu­ra­le, è il (buon) ri­sul­ta­to di un me­tic­cia­men­to pro­fon­do di di­ver­si pro­dot­ti di di­ver­se ori­gi­ni. Se­con­do il ga­stro­no­mo Maf­fio­li, che par­teg­gia per la ge­ne­si tre­vi­gia­na, il des­sert na­sce dall’in­se­ri­men­to dell’espe­rien­za fat­ta in Ger­ma­nia del cuo­co che lo creò, il qua­le all’an­ti­co e po­ve­ro (ma ener­ge­ti­co) dol­ce lo­ca­le det­to «sba­tu­din» e alla zup­pa in­gle­se di ori­gi­ne emi­lia­no­to­sca­na, ag­giun­se i sapori dei dol­ci al cuc­chia­io ba­va­re­si da lui co­no­sciu­ti nel suo la­vo­ra­re in ter­ra te­de­sca.

Men­tre i sa­vo­iar­di ri­man­da­no alla char­lot­te fran­ce­se ed alla cul­tu­ra dol­cia­ria pie­mon­te­se ed il ma­scar­po­ne sem­bra es­se­re tri­bu­ta­rio della ga­stro­no­mia lom­bar­da. Ma al di là del suo sin­cre­ti­smo de­gli in­gre­dien­ti ciò che ne esce è un pro­dot­to de­li­ca­to e ro­bu­sto al tem­po stes­so, e quin­di dal sa­po­re de­ci­so ed in­con­fon­di­bi­le. Il sa­po­re è il prin­ci­pa­le ele­men­to del co­sid­det­to si­ste­ma del­le die­ci es­se, che se­gna­no la qua­li­tà dell’ali­men­ta­re. Ed è, di con­se­guen­za, un dol­ce (giu­sta­men­te) no­to: è pre­sen­te nel vo­ca­bo­la­rio di 23 dif­fe­ren­ti lin­gue ed è in Eu­ro­pa la quin­ta parola ita­lia­na più co­no­sciu­ta. Si trat­ta ora di va­lo­riz­zar­lo di­fen­den­do­lo ed ag­gan­cian­do­lo al ter­ri­to­rio. Di­fen­der­lo si­gni­fi­ca tu­te­lar­ne la qua­li­tà, sia ne­gli in­gre­dien­ti sia nel­la pre­pa­ra­zio­ne. Ol­tre che im­pe­den­do il più pos­si­bi­le che gi­ri­no nel mon­do co­pie in­ve­ro­si­mi­li dal­la dub­bia re­sa or­ga­no­let­ti­ca e gu­sta­ti­va. E poi c’è il ter­ri­to­rio, per­ché ogni pro­dot­to ga­stro­no­mi­co na­sce e se­gna una cul­tu­ra lo­ca­le, di cui il ci­bo è me­dium im­por­tan­tis­si­mo. Ter­ri­to­rio si­gni­fi­ca anche tu­ri­smo, un tu­ri­smo che sa ap­prez­za­re i gia­ci­men­ti go­lo­si (per dir­la con Pao­li­ni: tu­ri­sti ga­stro­nau­ti e food­trot­ter) co­glien­do­ne ti­pi­ci­tà ed uni­ci­tà. In­som­ma il tiramisù, sto­ria bre­ve ma suc­ces­so lun­go, è chia­ma­to sem­pre più a con­no­ta­re i luo­ghi del gu­sto e la lo­ro iden­ti­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.