NA­PO­LI E LE DUE FAC­CE

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Mas­si­mi­lia­no Me­lil­li

Pro­ba­bil­men­te la cau­sa dev’es­se­re l’ini­zia­le del no­me: V co­me Va­len­ti­na o Va­le­ria. For­se è il sor­ti­le­gio di Na­po­li: uni­co. Ma­ga­ri è tut­ta col­pa del­la let­te­ra­tu­ra e di An­na Ma­ria Or­te­se, l’au­tri­ce de «Il ma­re non ba­gna Na­po­li»: «Que­sta cit­tà i fo­re­stie­ri la ama­no con oc­chi e cuo­ri di­ver­si dai no­stri». Fatto sta che già il 26 ago­sto 2015, Va­len­ti­na, pro­fes­sio­ni­sta to­sca­na di 36 an­ni, col­la­bo­ra­tri­ce far­ma­ceu­ti­ca da To­ri­no a Tor­re An­nun­zia­ta per due an­ni, sa­lu­tò Na­po­li con un po­st strap­pa­la­cri­me su Fa­ce­book che asfal­tò chi­lo­me­tri di luo­ghi co­mu­ni: «Na­po­li puz­za? Puz­za di sfo­glia­tel­le, di pan­ni ste­si al so­le, di piz­za sfor­na­ta a ri­pe­ti­zio­ne, di sal­se­di­ne, di li­mo­ni, di gel­so­mi­no. Na­po­li è trop­po cao­ti­ca?. Na­po­li è ri­sa­te, ogni gior­no è una com­me­dia». Og­gi è il tur­no di Va­le­ria. Iro­nia del­la sor­te, la sua sto­ria pa­re uno scio­gli­lin­gua par­te­no­peo. Co­me la li­vel­la di To­tò. Per­chè la pro­ta­go­ni­sta del re­ma­ke se­mi-rea­le di «Ben­ve­nu­ti al Sud», di co­gno­me fa Ge­no­va, è tre­vi­gia­na, ha una lau­rea in Fi­lo­so­fia ma tan­to prag­ma­ti­smo, ha vis­su­to a Lon­dra e da ie­ri è neo ido­lo dei na­po­le­ta­ni. An­che lei si è tra­sfe­ri­ta due an­ni fa con ma­ri­to e fi­glia all’om­bra del Ve­su­vio. Ora è in at­te­sa di ri­tra­sfe­rir­si: a Ro­ma. La sua let­te­ra su Fa­ce­book è vi­ra­le: «Amo Na­po­li e la di­fen­de­rò sem­pre, di­ven­te­rò sua am­ba­scia­tri­ce». Ri­sul­ta­to: ol­tre 30mi­la «li­ke», mi­glia­ia fra sms e spet­ta­to­ri del­le sue di­ret­te po­sta­te. Da­van­ti ad una fi­glia del Ve­ne­to che per sua stes­sa am­mis­sio­ne non ha più «la can­ti­le­na ve­ne­ta», (de)ca­de per­si­no il mo­ni­to del­la non­na: «Vai a Na­po­li? At­ten­ta al­le pal­lot­to­le vo­lan­ti».

VE­NE­ZIA «Quan­to sia­mo idio­ti noi del Nord a vi­ve­re di pre­giu­di­zi, guar­dan­do Na­po­li co­me il co­vo del­lo schi­fo, del­la cri­mi­na­li­tà e del­le ne­fan­dez­ze. Sia­mo pic­co­li, mol­to pic­co­li». E an­co­ra: «E’ bel­lis­si­ma an­che Tre­vi­so, non è una pe­co­ra ne­ra, pe­rò c’è la Le­ga. Por­to qui pu­re Gen­ti­li­ni e Sal­vi­ni, co­sì li fac­cia­mo ri­cre­de­re». Stral­ci del­la let­te­ra d’amo­re scrit­ta da Va­le­ria Ge­no­va a Na­po­li su Fa­ce­book, il pri­mo, e di una del­le sue tan­te di­ret­te sul­lo stes­so so­cial, il se­con­do. Un af­fre­sco nel qua­le pe­rò i le­ghi­sti ve­ne­ti non si ri­co­no­sco­no. A par­ti­re dal go­ver­na­to­re Lu­ca Za­ia: «Tan­ti vo­glio­no be­ne a Na­po­li. E io so­no sta­to quel mi­ni­stro dell’Agri­col­tu­ra che ele­vò al ran­go di Spe­cia­li­tà ter­ri­to­ria­le ga­ran­ti­ta la piz­za na­po­le­ta­na. Il mas­si­mo ri­co­no­sci­men­to a li­vel­lo eu­ro­peo, che fu vis­su­to dal­la cit­tà del so­le co­me un fatto sto­ri­co, epo­ca­le. I piz­za­io­li na­po­le­ta­ni mi de­di­ca­ro­no una sta­tuet­ta del pre­se­pe nel mer­ca­ti­no di San Gre­go­rio Ar­me­no. Il ri­spet­to per Na­po­li e per i na­po­le­ta­ni non pos­so­no tut­ta­via of­fu­sca­re la pre­oc­cu­pa­zio­ne e l’an­sia per una ma­la ge­stio­ne che col­pi­sce di­ret­ta­men­te tan­ti, trop­pi abi­tan­ti di quel­la cit­tà».

E poi, sot­to­li­nea Pao­la Goi­sis, ex par­la­men­ta­re e bos­sia­na di fer­ro, «an­che il Nord sof­fre, ma è sem­pre in se­con­do pia­no sul fron­te de­gli aiu­ti sta­ta­li». E pre­ci­sa: «Per esem­pio, se aves­se­ro vo­lu­to ri­co­no­scer­ci l’au­to­no­mia lo avreb­be­ro fatto tan­to tem­po fa, non ci sa­reb­be bi­so­gno del re­fe­ren­dum del 22 ot­to­bre, che alla fi­ne è una pro­vo­ca­zio­ne. Pen­sa­re che poi cam­bie­rà tut­to, per il Ve­ne­to, è un’uto­pia. La so­li­da­rie­tà e l’uma­ni­tà del­la gen­te del Sud so­no in­ne­ga­bi­li, le co­no­scia­mo tut­ti, ma non pos­so­no far di­men­ti­ca­re la gran­de sof­fe­ren­za del Nord, che con­ti­nua a man­da­re sol­di al Me­ri­dio­ne ben­ché af­flit­to dal­la cri­si eco­no­mi­ca e dal pe­so de­gli ex­tra­co­mu­ni­ta­ri. C’è gen­te che con­ti­nua ad am­maz­zar­si per­ché non ce la fa ad ar­ri­va­re a fi­ne me­se, non ha la ca­sa, as­se­gna­ta in­ve­ce ai nuo­vi ar­ri­va­ti, né la­vo­ro. Tan­ti cit­ta­di­ni non han­no nem­me­no i sol­di per cu­rar­si — in­si­ste Goi­sis — ci so­no an­zia­ni co­stret­ti ad an­da­re a rac­cat­ta­re avan­zi di ci­bo fuo­ri dai su­per­mer­ca­ti. Ma qui la gen­te non pro­te­sta ab­ba­stan­za, non scen­de in piaz­za spes­so co­me al­tro­ve. C’è un al­tro Dna».

Tro­va la pre­sa di po­si­zio­ne di Va­le­ria un po’ ana­cro­ni­sti­ca Mas­si­mo Bi­ton­ci, pre­si­den­te re­gio­na­le del Car­roc­cio: «Ognu­no può scri­ve­re ciò che vuo­le, pe­rò ne­gli ul­ti­mi an­ni è sotto gli oc­chi di tut­ti l’evo­lu­zio­ne del par­ti­to: cer­te espres­sio­ni so­no sta­te com­ple­ta­men­te can­cel­la­te o ri­dot­te a bat­tu­te di spi­ri­to, che esi­sto­no da una par­te e dall’al­tra. Non c’è nes­su­na se­pa­ra­zio­ne con i me­ri­dio­na­li, nel Ve­ne­to una gros­sa fet­ta di po­po­la­zio­ne ar­ri­va dal Sud e si è sta­bil­men­te in­se­ri­ta a tut­ti i li­vel­li: all’uni­ver­si­tà, nel­la sa­ni­tà, nel­le for­ze dell’or­di­ne, nell’eser­ci­to. An­che il mes­sag­gio in­si­to nel re­fe­ren­dum per l’au­to­no­mia è chia­ro: ve­ne­to è chi vi­ve e la­vo­ra in que­sta re­gio­ne, ne ac­cet­ta le re­go­le di vi­ta e so­cia­li. Io non sen­to i pre­giu­di­zi di cui par­la Va­le­ria. Sì, il Sud è gra­va­to dal fe­no­me­no del­la ma­fia, che pe­rò ha al­lun­ga­to i suoi ten­ta­co­li al Nord e quin­di è una bat­ta­glia che uni­sce, non di­vi­de, per­ché va com­bat­tu­ta in­sie­me». Sce­glie to­ni pa­triot­ti­ci Gian­car­lo Gen­ti­li­ni: «So­no pron­to a in­con­tra­re, ad ab­brac­cia­re Va­le­ria e a dir­le: sei una mia fan. Ma mi ha chia­ma­to in cau­sa a spro­po­si­to, per­ché ho sem­pre am­mi­ra­to la gen­te del Sud non ge­sti­ta dal­la ma­fia, amo il po­po­lo ve­ro e se­rio, che la­vo­ra e si com­por­ta be­ne co­me la raz­za Pia­ve. Nel 1944, a guer­ra ap­pe­na fi­ni­ta, ho sal­va­to due pa­ler­mi­ta­ni del­le Bri­ga­te Ne­re. Il mio amo­re per tut­ti i cit­ta­di­ni d’Ita­lia è sem­pre sta­to que­sto, sen­za dif­fe­ren­ze. E in­fat­ti per 22 an­ni il Co­mu­ne di Tre­vi­so è sta­to me­ta di mol­ti me­ri­dio­na­li, che vo­le­va­no co­no­sce­re me, il sin­da­co-sce­rif­fo del Nord. Io amo il po­po­lo ita­lia­no più di Va­le­ria — ri­ba­di­sce — amo il tri­co­lo­re e sotto c’è po­sto per tut­ti. An­che se so­no ar­ri­va­to so­lo fi­no a Ro­ma...».

Esclu­de pre­con­cet­ti pu­re Fa­bri­zio Bo­ron, pre­si­den­te del­la com­mis­sio­ne Sa­ni­tà in Re­gio­ne: «Na­po­li è me­ra­vi­glio­sa, co­me tan­ti al­tri po­sti d’Ita­lia, ma che di­ven­ti te­ma po­li­ti­co per cri­ti­ca­re la Le­ga è con­tro­pro­du­cen­te. Fa ot­te­ne­re alla gio­va­ne tre­vi­gia­na il ri­sul­ta­to con­tra­rio di quel­lo vo­lu­to, cioè at­trar­re buo­ni pen­sie­ri sul­la cit­tà del so­le. So­no fie­ro di es­se­re ve­ne­to ma ciò non si­gni­fi­ca es­se­re con­tro qual­cu­no. In Ve­ne­to la­vo­ra­no mi­glia­ia di per­so­ne del Sud e non mi ri­sul­ta che qual­cu­na sia scap­pa­ta per­ché qui ab­bia tro­va­to l’in­fer­no. An­zi — ag­giun­ge Bo­ron — si so­no sta­bi­li­te in que­sta ter­ra ed è la ri­spo­sta più for­te all’ac­cu­sa di un Nord pre­ve­nu­to. Per la Le­ga il pre­giu­di­zio è sba­glia­to. Se vo­glia­mo l’in­di­pen­den­za ed es­se­re pa­dro­ni a ca­sa no­stra non è per an­da­re in an­ti­te­si a qual­cu­no ma per va­lo­riz­za­re la no­stra iden­ti­tà e il no­stro sen­so di ap­par­te­nen­za. Gli ste­reo­ti­pi esi­sto­no: vo­glia­mo par­la­re del ve­ne­to che nel­le fic­tion fa sem­pre la par­te del­lo sce­mo o dell’igno­ran­te?». (m.n.m.)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.