So­gni e ta­len­to il cam­pus dei pic­co­li ge­ni

Han­no trai 4 e i 17 an­ni. Una settimana tra scac­chi, mu­si­ca e quiz

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di An­drea Prian­te

Nel Trevigiano si è svol­to un cam­pus esti­vo ri­ser­va­to a bim­bi «plu­sdo­ta­ti»: 33 pic­co­li ge­ni giun­ti da tut­ta Ita­lia con le lo­ro fa­mi­glie.

PADERNO DEL GRAPPA (TRE­VI­SO) «Co­sa fa­rò da gran­de? Me lo do­man­do spes­so…». A tre­di­ci an­ni ci sta, non ave­re an­co­ra le idee chia­re. An­che se le mae­stre ti han­no con­si­glia­to di pas­sa­re di­ret­ta­men­te dal­la pri­ma alla ter­za ele­men­ta­re, fai par­te di un’as­so­cia­zio­ne che riu­ni­sce i bam­bi­ni plu­sdo­ta­ti e i te­st ti at­tri­bui­sco­no un quo­zien­te in­tel­let­ti­vo di 158, quan­do qua­lun­que dei tuoi com­pa­gni di clas­se rac­co­glie­reb­be un pun­teg­gio tra 85 e 115. Un ge­nio. Ma pur sem­pre un ra­gaz­zi­no: «Sto va­lu­tan­do due op­zio­ni: il gio­ca­to­re di ba­sket op­pu­re lo scien­zia­to. Spe­ro di in­ven­ta­re un me­to­do che mi con­sen­ta di ab­bi­na­re que­ste due pas­sio­ni».

Ste­fa­no par­la co­sì: con un lin­guag­gio da adul­to, mai una sba­va­tu­ra, un’in­si­cu­rez­za. E sua ma­dre lo sta a sen­ti­re sen­za pre­oc­cu­par­si trop­po. «Se la sa ca­va­re benissimo da so­lo», as­si­cu­ra.

Lei e il fi­glio ven­go­no da Pa­do­va. In­tor­no ci so­no al­tri bam­bi­ni – dai quat­tro ai 17 an­ni - ar­ri­va­ti da ogni par­te d’Ita­lia, tut­ti ac­com­pa­gna­ti dai ge­ni­to­ri e tut­ti ac­cu­mu­na­ti da do­ti su­pe­rio­ri alla me­dia. Una sor­ta di ra­du­no na­zio­na­le dei pic­co­li ge­ni.

Per la pri­ma vol­ta, il camp esti­vo di «Step-net» - la On­lus con se­di in tut­to il ter­ri­to­rio na­zio­na­le, che met­te in re­te le fa­mi­glie di bam­bi­ni «ad al­to po­ten­zia­le» - è sta­to or­ga­niz­za­to in Ve­ne­to. Una settimana di va­can­za con­clu­sa sa­ba­to e tra­scor­sa all’in­ter­no di una gran­de strut­tu­ra sul­le col­li­ne di Paderno del Grappa. Tren­ta­tré i par­te­ci­pan­ti con un quo­zien­te in­tel­let­ti­vo di al­me­no 120 («Ma non ci pia­ce l’idea che la po­ten­zia­li­tà ven­ga mi­su­ra­ta con un nu­me­ro», pre­ci­sa­no i re­spon­sa­bi­li), ai qua­li si so­no ag­giun­ti pa­pà, mam­me e fra­tel­li­ni.

Cia­scu­no ha il pro­prio ta­len­to. Ci so­no i pro­di­gi del­la mu­si­ca: un bim­bo di 9 an­ni che è ap­pe­na sta­to dichiarato ido­neo all’am­mis­sio­ne al Con­ser­va­to­rio di Mi­la­no (suo­na la cor­net­ta in­gle­se), o l’un­di­cen­ne con­si­de­ra­to la più gio­va­ne pro­mes­sa del pia­no­for­te. Dell’in­for­ma­ti­ca (Fi­lip­po a 9 an­ni ha rea­liz­za­to un pro­gram­ma di ani­ma­zio­ne in 3D per spie­ga­re il si­ste­ma so­la­re ai suoi com­pa­gni di clas­se), del­la ma­te­ma­ti­ca o del lin­guag­gio. Per­ché la ge­nia­li­tà, spes­so, è que­stio­ne di pun­ti di vi­sta.

All’in­ter­no del camp i par­te­ci­pan­ti tra­scor­ro­no le gior­na­te col­ti­van­do le lo­ro pas­sio­ni, se­gui­ti da un team di esper­ti, edu­ca­to­ri e psi­co­lo­gi. Gi­te sui col­li ma an­che po­me­rig­gi pas­sa­ti leg­gen­do ma­nua­li, o nei la­bo­ra­to­ri di ma­te­ma­ti­ca o gio­can­do a ri­sol­ve­re com­pli­ca­tis­si­mi pro­ble­mi di lo­gi­ca.

Un bam­bi­no di 8 an­ni di Mi­la­no cor­re in­con­tro ai ge­ni­to­ri pian­gen­do. «C’è ri­ma­sto ma­le spie­ga la mam­ma men­tre lo con­so­la - per­ché ha ap­pe­na bat­tu­to il mae­stro di scac­chi e nes­su­no dei suoi ami­chet­ti gli cre­de…».

È la so­li­tu­di­ne dei pic­co­li ge­ni. «Quan­do ave­va due an­ni – rac­con­ta un pa­pà – i gio­chi dei suoi coe­ta­nei lo an­no­ia­va­no: era­no sem­pli­ci, scon­ta­ti. E co­sì si in­ven­ta­va dei pas­sa­tem­pi. Ma quan­do gli al­tri bam­bi­ni si av­vi­ci­na­va­no non riu­sci­va­no a di­ver­tir­si, per­ché ciò che fa­ce­va era trop­po com­ples­so».

Dif­fi­ci­le tro­va­re un equi­li­brio quan­do a tre an­ni d’età sai già scri­ve­re in cor­si­vo, o a cin­que fai ad­di­zio­ni a sei ci­fre. «Un gior­no, cre­do aves­se cin­que o sei an­ni, l’ho tro­va­to in ca­me­ret­ta che di­scu­te­va con sua so­rel­la del­le cri­ti­ci­tà del­la Li­bia po­st-Ghed­da­fi», rac­con­ta un al­tro ge­ni­to­re.

Ste­fa­no, il ge­niet­to pa­do­va­no, spa­lan­ca gli oc­chio­ni az­zur­ri: «In que­sti cam­pus mi di­ver­to per­ché in­con­tro dei ra­gaz­zi­ni che so­no co­me me, che mi ca­pi­sco­no. A scuo­la è più dif­fi­ci­le tro­va­re de­gli ami­ci: al­cu­ni so­no un po’ in­vi­dio­si, al­tri mi pren­do­no in gi­ro».

Ep­pu­re è que­sta «la me­glio gio­ven­tù», quel­la che dav­ve­ro ha le po­ten­zia­li­tà per cam­bia­re il mondo. «Ma non è det­to che un bam­bi­no plu­sdo­ta­to si tra­sfor­mi in un adul­to al­tret­tan­to ta­len­tuo­so», av­ver­te Vi­via­na Ca­stel­li, pre­si­den­te di Step-net. «La lo­ro in­tel­li­gen­za li ren­de dei bim­bi mol­to sen­si­bi­li e con un al­to sen­so del­la giu­sti­zia. Pe­rò oc­cor­re ri­co­no­sce­re le lo­ro do­ti e sti­mo­lar­le, met­ter­li nel­le con­di­zio­ni di uti­liz­zar­le fi­no in fon­do. Al­tri­men­ti ri­schia­no di dis­si­pa­re il ta­len­to».

Per que­sto mo­ti­vo la On­lus si bat­te af­fin­ché il Mi­ni­ste­ro or­ga­niz­zi dei cor­si per in­se­gna­re ai do­cen­ti a di­stin­gue­re gli stu­den­ti plu­sdo­ta­ti, co­sì da for­ni­re lo­ro un pia­no di­dat­ti­co per­so­na­liz­za­to. Il ri­schio? «Nei con­fron­ti di uno di que­sti bam­bi­ni, le mae­stre ave­va­no se­gna­la­to il so­spet­to di ipe­rat­ti­vi­tà e di de­fi­cit di at­ten­zio­ne. In real­tà as­su­me­va dei com­por­ta­men­ti sba­glia­ti so­lo per­ché a scuo­la si an­no­ia­va a mor­te». Og­gi, a no­ve an­ni, è un ge­nio del com­pu­ter.

Il tre­di­cen­ne pa­do­va­no Co­sa fa­rò da gran­de? So­no in­de­ci­so: il gio­ca­to­re di ba­sket op­pu­re lo scien­zia­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.