De­ri­va­ti ,Vittorio Ve­ne­to fa cau­sa a In­te­sa

I con­trat­ti «swap» sot­to­scrit­ti dal­la giun­ta Scot­tà. Il Co­mu­ne: «Nel­le car­te qual­co­sa che non va»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Treviso - Gian­ni Fa­ve­ro © RIPRODUZIONE RISERVATA

VITTORIO VE­NE­TO Quan­do fu­ro­no sot­to­scrit­ti, a me­tà del de­cen­nio scor­so, il mi­to del­la «fi­nan­za crea­ti­va» era al suo api­ce e ad es­se­re se­dot­to dal­le de­can­ta­te po­ten­zia­li­tà dei ti­to­li de­ri­va­ti fu an­che il Co­mu­ne di Vittorio Ve­ne­to. Og­gi, che la som­ma an­ti­ci­pa­ta al­lo­ra da In­te­sa San­Pao­lo alla giun­ta a tra­zio­ne le­ghi­sta di Gian­car­lo Scot­tà, se­con­do il mo­du­lo del con­trat­to «swap», co­sta all’at­tua­le am­mi­ni­stra­zio­ne in­te­res­si de­sti­na­ti a in­ver­ti­re il be­ne­fi­cio com­ples­si­vo per le cas­se pub­bli­che già dall’ini­zio del pros­si­mo de­cen­nio, in mu­ni­ci­pio è scat­ta­to l’allarme. E la giun­ta To­non ha de­ci­so di in­ten­ta­re cau­sa all’isti­tu­to di cre­di­to.

Sem­pli­fi­can­do, i due fi­nan­zia­men­ti elar­gi­ti da In­te­sa, alla lo­ro sca­den­za, fra il 2024 ed il 2026, avran­no fatto usci­re dai for­zie­ri co­mu­na­li mol­to più di quan­to que­sti ave­va­no ri­ce­vu­to die­ci an­ni fa.

Per ave­re un’idea, con ri­fe­ri­men­to sol­tan­to al mag­gio­re dei con­trat­ti, a fron­te dei 6,2 mi­lio­ni di eu­ro in­ca­me­ra­ti dal 2006 al 2015, la som­ma da re­sti­tui­re a In­te­sa San­Pao­lo da og­gi al 2024 va­le 10 mi­lio­ni e mez­zo. Di fron­te alla ta­bel­la con gra­fi­co de­gli one­ri in im­pen­na­ta – dai 538 mi­la eu­ro già ver­sa­ti lo scor­so an­no al mi­lio­ne e 658 mi­la che toc­che­rà pa­ga­re nel 2024 - l’at­tua­le am­mi­ni­stra­zio­ne, di co­lo­re di­ver­so dal­le pre­ce­den­ti, si è de­ci­sa a ri­guar­da­re be­ne i con­trat­ti. Sco­pren­do che, al­me­no se­con­do l’in­ter­pre­ta­zio­ne del­lo stu­dio le­ga­le in­ca­ri­ca­to, vi sa­reb­be più di qual­che ir­re­go­la­ri­tà, suf­fi­cien­te a di­chia­ra­re nul­lo il rap­por­to e a re­vo­car­ne quin­di gli ef­fet­ti.

Si trat­ta di que­stio­ni mol­to tec­ni­che e com­ples­se e sul­le qua­li In­te­sa San­Pao­lo fi­no ad og­gi non avreb­be vo­lu­to sen­ti­re ra­gio­ni. «Sta di fatto – sot­to­li­nea l’as­ses­so­re al Bi­lan­cio, Gio­van­ni Na­pol – che nel no­stro, co­me in mol­ti al­tri ca­si, la Cor­te dei Con­ti ha ac­ce­so un fa­ro. Fi­no al 2014 la giun­ta del­la cit­tà era in li­nea con quel­la che fir­mò il con­trat­to con la ban­ca e dun­que fu evi­den­te­men­te pre­fe­ri­to non met­te­re in di­scus­sio­ne le scel­te. Si so­no man­gia­ti l’uo­vo e pu­re la gal­li­na, noi do­vrem­mo pa­ga­re per le lo­ro im­pru­den­ze. Ma in quel­le car­te c’è qual­co­sa che non va». Fi­no a og­gi gli av­vo­ca­ti han­no cer­ca­to di in­di­vi­dua­re un pun­to di ac­cor­do con la ban­ca e di chiu­de­re la con­tro­ver­sia in mo­do bo­na­rio, con un pa­ri e pat­ta sen­za ul­te­rio­ri dan­ni, che aiu­te­reb­be a di­men­ti­ca­re an­che le au­da­ci acro­ba­zie fi­nan­zia­rie di chi co­man­da­va pri­ma. Ma sen­za successo. «Que­sta am­mi­ni­stra­zio­ne è chia­ma­ta a tu­te­la­re gli in­te­res­si del Co­mu­ne e per­ciò – con­clu­de Na­pol - non ab­bia­mo al­tra scel­ta che pro­muo­ve­re un’azio­ne giu­di­zia­ria».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.