«Pro­fu­ghi, ora ba­sta», il fron­te dei sin­da­ci Pd

Con­sen­si do­po il no al tra­sfe­ri­men­to dal­la ba­se di Ba­gno­li. E Mi­lan: «Sba­glia la pre­fet­tu­ra»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Mo­ni­ca Zic­chie­ro (han­no col­la­bo­ra­to Sil­via Ma­diot­to e Alessandro Mac­ciò) © RIPRODUZIONE RISERVATA

PA­DO­VA «Ab­bia­mo già dato». I sin­da­ci di cen­tro­si­ni­stra e il Pd par­la­no con una so­la vo­ce. E al co­ro si uni­sce an­che Ro­ber­to Mi­lan, primo cit­ta­di­no di Ba­gno­li che ave­va chie­sto a Pa­do­va di ri­pren­der­si 300 ri­chie­den­ti asi­lo. «Una provocazione per sol­le­ci­ta­re il pre­fet­to: sta abu­san­do di Ba­gno­li».

PA­DO­VA «Ba­gno­li me­ri­ta ri­spet­to, non è un Co­mu­ne di serie B. È un Co­mu­ne co­me Pa­do­va e co­me quel­li dell’Al­ta Pa­do­va­na e non può sop­por­ta­re da so­la la ge­stio­ne dei mi­gran­ti. La pre­fet­tu­ra la­vo­ri più se­ria­men­te». Il sin­da­co di Ba­gno­li Ro­ber­to Mi­lan torna al­la ca­ri­ca sul­lo svuo­ta­men­to dell’hub e sta­vol­ta non par­la a suo­ce­ra (il sin­da­co Ser­gio Gior­da­ni) per­ché in­ten­da la nuo­ra (il pre­fet­to Re­na­to Fran­ce­schel­li). Mi­lan ave­va chie­sto a Gior­da­ni di ria­pri­re la ca­ser­ma Pran­di­na chiu­sa dal pre­de­ces­so­re Mas­si­mo Bi­ton­ci e di ri­pren­der­si tre­cen­to ri­chie­den­ti asi­lo che vi tro­va­va­no ospi­ta­li­tà. «Di ri­pren­der­si i mi­gran­ti non se ne par­la», ha ri­spo­sto il sin­da­co. E ie­ri il suo vi­ce Ar­tu­ro Lo­ren­zo­ni ha con­fer­ma­to. «Ho chia­ma­to Mi­lan per­ché so­no fa­vo­re­vo­le al dia­lo­go - pre­met­te - ma Pa­do­va non può aiu­ta­re, l’aper­tu­ra del­le ca­ser­me non ci com­pe­te. E non sia­mo di­spo­sti a su­bi­re im­po­si­zio­ni da par­te di nes­su­no: sul pun­to tra me e Gior­da­ni c’è to­ta­le uni­tà d’in­ten­ti». Un dop­pio no, in­som­ma.

E se Mi­lan avesse chie­sto ai suoi col­le­ghi del cen­tro­si­ni­stra Achil­le Va­ria­ti a Vi­cen­za, Gio­van­ni Ma­nil­do a Tre­vi­so o Ja­co­po Mas­sa­ro a Bel­lu­no avreb­be ri­ce­vu­to una ri­spo­sta del­lo stes­so te­no­re: «Ab­bia­mo già dato, gra­zie». Ed è an­che la li­nea del Pd «Ha ragione giorn­da­ni - di­ce il con­si­glie­re re­gio­na­le Clau­dio Si­ni­ga­glia Non esi­ste che i sin­da­ci del cen­tro­de­stra non fac­cia­no ac­co­glien­za dif­fu­sa. Co­na e Ba­gno­li so­no an­che col­pa lo­ro».

«Vi­cen­za ha già dato tut­to quel­lo che po­te­va da­re in ter­mi­ni di so­li­da­rie­tà - ri­pe­te Va­ria­ti - Ab­bia­mo già 900 ri­chie­den­ti asi­lo nel ter­ri­to­rio co­mu­na­le e la mi­su­ra è col­ma». A Vi­cen­za c’è un ri­fu­gia­to ogni 124 vi­cen­ti­ni, Pa­do­va ne ac­co­glie 630 (uno ogni 334 abi­tan­ti), Bel­lu­no 120 (rap­por­to di uno a 300), Tre­vi­so uno ogni 210 cit­ta­di­ni e a Ba­gno­li con 750 ospi­ti nell’hub e 3.600 re­si­den­ti si rag­giun­ge la vet­ta di uno a cin­que. «Nei rap­por­ti tra sin­da­ci so­no sem­pre sta­to un so­ste­ni­to­re della di­stri­bu­zio­ne sul ter­ri­to­rio, tra Tre­vi­so e Ca­sier ab­bia­mo una con­cen­tra­zio­ne al di là della nor­ma­li­tà­spie­ga Ma­nil­do - Ba­gno­li è an­co­ra più spro­por­zio­na­to ma so­no con­cen­tra­zio­ni ine­vi­ta­bi­li quan­do l’ac­co­glien­za dif­fu­sa non è re­sa pos­si­bi­le da sin­da­ci che si ri­fiu­ta­no di ade­ri­re ai progetti. In­ve­ce io cre­do sem­pre che, con le giu­ste ga­ran­zie da par­te del­lo Sta­to e per le per­so­ne che ne han­no di­rit­to, ogni sin­da­co deb­ba fa­re la sua par­te. Pre­mes­so que­sto, avrei ri­spo­sto co­me Gior­da­ni, non è solo una que­stio­ne po­li­ti­ca. Pa­do­va sta già fa­cen­do la sua par­te, ci so­no in­ve­ce Co­mu­ni che non han­no al­cun ospi­te. Per que­sto de­ve su­ben­tra­re un sen­so col­let­ti­vo di ge­stio­ne del te­ma, so­prat­tut­to nel mo­men­to in cui fi­nal­men­te il nu­me­ro de­gli ar­ri­vi è in ca­lo del 3,5% ri­spet­to all’an­no scor­so».

Quel­lo di «ognu­no fac­cia la sua par­te è il re­frain ina­scol­ta­to» non solo dai sin­da­ci del cen­tro­de­stra e della Le­ga. «Con Lo­ren­zo­ni ci sia­mo chia­ri­ti­spie­ga il sin­da­co di Ba­gno­li - Lui con­di­vi­de il mio pun­to di vi­sta: è ne­ces­sa­ria una re­di­stri­bu­zio­ne, il mio Co­mu­ne non può sop­por­ta­re da solo il pe­so. Quel­la di ri­pren­der­si i tre­cen­to ri­chie­den­ti asi­lo era una provocazione, un mo­do per di­re: Pa­do­va, se ci sei bat­ti un col­po per­ché la tua pa­ro­la va­le di più e aiu­ta­mi a di­re che l’in­te­ra pro­vin­cia de­ve fa­re la sua par­te - in­cal­za Mi­lan – Il pre­fet­to di Pa­do­va sta abu­san­do di Ba­gno­li, 700 per­so­ne so­no una pol­ve­rie­ra di ten­sio­ne: la­vo­ri più se­ria­men­te. E so­prat­tut­to non di­ca che i sin­da­ci le­ghi­sti non vo­glio­no ac­co­glie­re per­ché gli fa solo pub­bli­ci­tà. La ve­ri­tà è che nel­la bas­sa pa­do­va­na ci so­no sin­da­ci le­ghi­sti che ac­col­go­no e i pro­fu­ghi fi­ni­sco­no tut­ti qui per­ché gli af­fit­ti co­sta­no me­no ri­spet­to all’Al­ta Pa­do­va­na».

La col­la­bo­ra­zio­ne con la pre­fet­tu­ra è fon­da­men­ta­le a Bel­lu­no,do­ve i mi­gran­ti in­se­gna­no fran­ce­se nelle scuo­le, aiu­ta­no a te­ne­re pu­li­te le stra­de e a ri­di­pin­ge­re i can­cel­li del­le scuo­le. Un mo­del­lo di in­te­gra­zio­ne por­ta­to ad esem­pio in Eu­ro­pa. «Fan­no un cor­so di ita­lia­no e pren­do­no le­zio­ni ob­bli­ga­to­rie sul­la cul­tu­ra del no­stro pae­se af­fin­ché non ci sia­no frain­ten­di­men­ti sul ruo­lo del­le don­ne - pre­ci­sa il sin­da­co Mas­sa­ro - San­no che non de­vo­no chie­de­re l’ele­mo­si­na, al­tri­men­ti van­no via: quin­di­ci dall’ini­zio dell’an­no, so­no sta­ti rim­pa­tria­ti- Il no­stro mo­del­lo fun­zio­na per­ché il ter­ri­to­rio, il Co­mu­ne, fa squa­dra con lo Sta­to, la pre­fet­tu­ra. Bisogna ave­re un pro­get­to, cre­der­ci e ave­re una pre­fet­tu­ra di­spo­ni­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.