LA SCUO­LA CHE SI INNOVA

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Ste­fa­no Al­lie­vi

Dall’an­no pros­si­mo in cen­to scuo­le su­pe­rio­ri d’Ita­lia (ma so­lo in una clas­se per ogni scuo­la) par­ti­rà la spe­ri­men­ta­zio­ne dei co­sid­det­ti «li­cei bre­vi», che pe­ral­tro non sa­ran­no so­lo li­cei: un cor­so di stu­dio di quat­tro an­ni, pa­ri­fi­ca­to a quel­lo quin­quen­na­le (che con­sen­ti­rà quin­di l’ac­ces­so all’uni­ver­si­tà). Già un li­ceo ve­ne­to (il Broc­chi di Bas­sa­no) si è pro­po­sto. E all’An­ti di Vil­la­fran­ca ta­le spe­ri­men­ta­zio­ne è già al ter­zo an­no. Ma c’è da spe­ra­re che sia­no mol­ti i di­ri­gen­ti sco­la­sti­ci a pro­por­si: la ri­fles­sio­ne sui nuo­vi pro­get­ti, an­che quan­do non rea­liz­za­ti, po­treb­be fa­re be­ne a tut­to il si­ste­ma. La scom­mes­sa è si­gni­fi­ca­ti­va. In que­stio­ne non c’è so­lo la du­ra­ta: che, in mol­ti pae­si, è ef­fet­ti­va­men­te più bre­ve, an­che se con mo­du­la­zio­ni di­ver­si­fi­ca­te (spes­so so­no più lun­ghe quel­le che per noi so­no le scuo­le me­die, e più bre­vi le su­pe­rio­ri). Die­tro c’è una for­te spin­ta all’in­no­va­zio­ne sui con­te­nu­ti: con ri­mo­du­la­zio­ne dei per­cor­si, in­tro­du­zio­ne di me­to­do­lo­gie la­bo­ra­to­ria­li, l’ob­bli­go di of­fri­re l’in­se­gna­men­to di al­me­no una di­sci­pli­na in una lin­gua stra­nie­ra ne­gli ul­ti­mi due an­ni, e mo­da­li­tà di al­ter­nan­za (sa­reb­be me­glio di­re di in­ter­con­nes­sio­ne) scuo­la-la­vo­ro più ac­cen­tua­te. Le scuo­le che si pro­por­ran­no sa­ran­no scel­te in ba­se a que­sti cri­te­ri. Il pun­to più de­bo­le è che non cam­bia­no pro­gram­mi e mo­da­li­tà di ve­ri­fi­ca fi­na­li: ma que­sto po­treb­be es­se­re l’esi­to fi­na­le del­la spe­ri­men­ta­zio­ne.

Cer­to, fa ri­flet­te­re che ci si af­fi­di a una pro­gram­ma­zio­ne lo­ca­le, dal bas­so, del­le no­vi­tà da in­tro­dur­re – che non ci sia una pro­po­sta, di fon­do. Ma for­se è be­ne co­sì. Di in­no­va­zio­ne c’è mol­to bi­so­gno, in una scuo­la, quel­la su­pe­rio­re, che sof­fre più del­la scuo­la dell’ob­bli­go o dell’uni­ver­si­tà di una crisi di sen­sa­tez­za cre­scen­te, che pro­du­ce in trop­pi ca­si in­se­gnan­ti de­mo­ti­va­ti e stu­den­ti svo­glia­ti, che non san­no be­ne per­ché so­no lì, e a fa­re co­sa. E il fat­to che non si trat­ti dell’en­ne­si­ma ri­for­ma, ma di una me­di­ta­ta spe­ri­men­ta­zio­ne, che pe­ral­tro ha ra­di­ci in quat­tro o cin­que mi­ni­stri fa, at­te­sta la se­rie­tà del me­to­do: co­sa c’è di più scien­ti­fi­co che far svol­ge­re pro­get­ti pa­ral­le­li, per poi com­pa­rar­ne i ri­sul­ta­ti, ad­di­rit­tu­ra all’in­ter­no de­gli stes­si ples­si sco­la­sti­ci, per ve­de­re qua­le ha da­to ri­sul­ta­ti mi­glio­ri? Cer­to, non è la lun­ghez­za che fa la qua­li­tà e la sen­sa­tez­za dell’in­se­gna­men­to, né in un sen­so né nell’al­tro. Ab­bre­via­re il ci­clo di stu­di po­treb­be an­da­re a di­sca­pi­to di en­tram­be, pa­ven­ta­no mol­ti. Ma è al­tret­tan­to ve­ro che il si­ste­ma at­tua­le sof­fre di pro­ble­mi evi­den­ti. Se ba­stas­se il tem­po, la ri­cet­ta per mi­glio­ra­re la qua­li­tà del­la scuo­la ce l’avrem­mo bell’e pron­ta: al­lun­ga­re la du­ra­ta de­gli stu­di… Ma non è co­sì: i pro­ble­mi at­tua­li del­la scuo­la si ag­gra­ve­reb­be­ro, an­zi­ché al­le­viar­si. Se­gno che le cri­ti­ci­tà stan­no al­tro­ve: nel co­sa e nel co­me, non nel quan­to. Il che te­sti­mo­nia a fa­vo­re di una ri­fles­sio­ne e di una spe­ri­men­ta­zio­ne in­no­va­ti­va, al­ter­na­ti­va all’at­tua­le si­ste­ma. Bi­so­gne­reb­be an­da­re ad­di­rit­tu­ra ol­tre. Non ha più nes­sun sen­so – nel mondo di og­gi – un si­ste­ma ri­gi­do che scan­di­sce i per­cor­si di vi­ta: con 13 (o 18, in­clu­den­do i due li­vel­li dell’uni­ver­si­tà) an­ni con­se­cu­ti­vi di stu­dio, poi, di­cia­mo, una qua­si cin­quan­ti­na di la­vo­ro, e in­fi­ne ven­ti o più di pen­sio­ne. Og­gi il la­vo­ro ha – e avrà sempre di più – bi­so­gno di ag­gior­na­men­to con­ti­nuo, con pe­rio­di di for­ma­zio­ne in­fram­mez­za­ti al per­cor­so la­vo­ra­ti­vo. La ter­za età è sempre di più – an­che per­ché sia­mo me­dia­men­te più in buo­na sa­lu­te – un pe­rio­do in cui si con­ti­nua­no a svol­ge­re at­ti­vi­tà pa­ra­la­vo­ra­ti­ve e an­che di ag­gior­na­men­to. E la scuo­la, sempre di più, sco­pre che si può av­van­tag­gia­re dall’es­se­re in­fram­mez­za­ta da mo­men­ti la­vo­ra­ti­vi o da al­tri ti­pi di espe­rien­za, mi­glio­ran­do sia la qua­li­tà del­lo stu­dio suc­ces­si­vo, sia la com­pren­sio­ne del mondo del la­vo­ro. Sempre più, in ogni ca­so, si va ver­so per­cor­si me­no li­nea­ri che in pas­sa­to, con usci­te e rien­tri, espe­rien­ze di­ver­si­fi­ca­te, tra­iet­to­rie più in­di­vi­dua­liz­za­te, che pre­ve­do­no isti­tu­zio­ni sco­la­sti­che più dut­ti­li e ca­pa­ci di fun­ge­re da po­lo di ri­fe­ri­men­to. Quel­lo che è cer­to, co­mun­que, è che c’è una for­te spin­ta (non tan­to del mer­ca­to, ma de­gli in­di­vi­dui stes­si, in­clu­so chi nel­la scuo­la ci vi­ve, co­me do­cen­te e co­me stu­den­te) a non la­scia­re le co­se co­me stan­no. Che sa­reb­be la peg­gio­re del­le po­li­ti­che. Spe­ri­men­tan­do, e com­pa­ran­do i ri­sul­ta­ti rag­giun­ti dal­le di­ver­se clas­si si po­tran­no trar­re – lai­ca­men­te, e con qual­che da­to in più, ri­spet­to al­la di­scus­sio­ne pre­ven­ti­va, spes­so ideo­lo­gi­ca e schie­ra­ta su po­si­zio­ni di di­fe­sa aprio­ri­sti­ca del­lo sta­tus quo – le ne­ces­sa­rie con­clu­sio­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.