In­cu­bi e viag­gi del­la men­te sull’iso­la del­la real­tà vir­tua­le D’Ascen­zo

LA MO­STRA DEL CI­NE­MA La nuo­va se­zio­ne «VR» al Laz­za­ret­to Vec­chio, ac­can­to al Li­do. Una sa­la con se­die gi­re­vo­li, vi­so­ri per «Go­mor­ra» e Lau­rie An­der­son. Ba­rat­ta: «Uno dei fu­tu­ri pos­si­bi­li di Ve­ne­zia»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - di Sa­ra D’Ascen­zo © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Ca­ron­te che vi tra­spor­ta dall’al­tra par­te del­la ri­va è una na­vet­ta mes­sa a di­spo­si­zio­ne dal­la Bien­na­le. Af­fret­tar­si è la pa­ro­la d’or­di­ne, per­ché l’espe­rien­za, al­me­no per que­st’an­no, è riservata so­lo agli ac­cre­di­ta­ti del­la Mo­stra del Ci­ne­ma da do­ma­ni al 5 set­tem­bre (mo­da­li­tà sul si­to www.la­bien­na­le.org). Ep­pu­re ba­sta fa­re un trat­to di la­gu­na che pas­sa in un sof­fio, dal­la ri­va di Co­rin­to, al Li­do, all’iso­la del Laz­za­ret­to Vec­chio, per es­se­re tra­spor­ta­ti in un fu­tu­ro di­sto­pi­co, nel qua­le si è ac­col­ti dal pas­sa­to l’iso­la un tem­po ospi­ta­va i ma­la­ti di pe­ste, poi di­ven­ne pre­si­dio mi­li­ta­re e dai li­den­si è co­no­sciu­ta co­me l’iso­la dei ca­ni, per­ché ospi­ta­va quel­li ab­ban­do­na­ti - at­tra­ver­so il fu­tu­ro.

Per sei gior­ni la Mo­stra del Ci­ne­ma di Ve­ne­zia por­ta i no­stri oc­chi lon­ta­no, nel­la di­men­sio­ne del­la real­tà vir­tua­le, che que­st’an­no, per la pri­ma vol­ta, ha una sua se­zio­ne, con un con­cor­so e una giu­ria, pre­sie­du­ta da John Lan­dis.Nel sol­co di Can­nes, che ha avu­to Car­ne y are­na di Ale­jan­dro G. Iñár­ri­tu (ora al­la fon­da­zio­ne Pra­da), ie­ri si so­no po­tu­te ve­de­re le at­tra­zio­ni che sa­ran­no frui­bi­li da do­ma­ni. Ogni te­sa del Laz­za­ret­to Vec­chio ospi­ta un’espe­rien­za. Per­ché la real­tà vir­tua­le si può ve­de­re se­du­ti co­me in un ci­ne­ma tra­di­zio­na­le con uno smart­pho­ne mon­ta­to in un vi­so­re nel­la di­men­sio­ne più clas­si­ca, il VR Thea­ter, una sa­la da 50 po­sti con se­die gi­re­vo­li. Op­pu­re si può vi­ve­re con gli Stand Ups, vi­so­ri più li­be­ri, do­ve ci si può muo­ve­re e in­di­riz­za­re il film. O an­co­ra con le in­stal­la­tions, do­ve l’iden­ti­fi­ca­zio­ne col pro­get­to è an­co­ra più for­te. In po­co più di un’ora si può di­ven­ta­re Ne­fer­ti­ti in Re­bel Queen o vo­la­re da una fi­ne­stra in La ca­me­ra in­sab­bia­ta di Lau­rie An­der­sen e Hsin-Chien Huang, es­se­re con­fi­na­ti in un let­to d’ospe­da­le in Se­pa­ra­te Si­len­ces di Da­vid We­del, per una ven­ti­na di mi­nu­ti pri­gio­nie­ri dell’in­cu­bo di un in­ci­den­te e di qual­cu­no che, toc­can­do­ti, sti­mo­la la tua men­te ad an­da­re ai con­fi­ni col so­gno.

Il pre­si­den­te Pao­lo Ba­rat­ta l’ha pre­sen­ta­to co­me uno dei pos­si­bi­li fu­tu­ri di Ve­ne­zia, e in ef­fet­ti al Laz­za­ret­to, co­me all’Ar­se­na­le, si re­spi­ra l’at­mo­sfe­ra di un luo­go gra­va­to dal­la sto­ria ma ca­ri­co di pos­si­bi­li­tà, do­ve si in­tra­ve­de che qual­co­sa po­treb­be ac­ca­de­re, so­lo a vo­ler­lo. Il di­spie­ga­men­to di spon­sor e la for­za del pro­get­to fan­no pen­sa­re che que­sto fu­tu­ro po­treb­be av­vi­ci­nar­si a noi quan­to pri­ma, con la po­ten­za di un mez­zo che è ci­ne­ma, ma è an­che in­stal­la­zio­ne d’ar­te con­tem­po­ra­nea, gio­co an­go­scian­te e il so­lo li­mi­te di spin­ger­ci sem­pre di più ver­so l’in­di­vi­dua­li­smo. Co­me in No­thing Hap­pens di Uri e Mi­chel­le Kra­not. Per en­tra­re nel mon­do de­gli au­to­ri do­ve «nul­la è ac­ca­du­to» bi­so­gna to­glier­si le scar­pe e in­fi­lar­si dei san­da­li di gom­ma ne­ra, met­ter­si un cap­pot­to dal ta­glio mi­li­ta­re (si può sce­glie­re tra due mo­del­li) e por­tar­si die­tro per il viag­gio un sas­so che all’ini­zio non pe­sa nul­la e al­la fi­ne di­ven­ta in­sop­por­ta­bi­le. Chiu­den­do gli oc­chi nel vi­so­re, li si ria­pre so­pra un al­be­ro che via via si po­po­la di cor­vi mi­nac­cio­si, sem­pre più vi­ci­ni. Poi li si chiu­de e li si ria­pre dal bor­do di una fos­sa, con una se­rie di per­so­nag­gi pron­ti a scru­ta­re le no­stre pau­re. Per aprir­li an­co­ra una vol­ta, sull’or­lo di un abis­so. Più clas­si­ca ma non me­no coin­vol­gen­te la vi­sio­ne di Go­mor­ra VR - We Own the Stree­ts, la ver­sio­ne in real­tà vir­tua­le del­la se­rie or­mai co­no­sciu­ta in tut­to il mon­do. Lì la gui­da è Ci­ro, in­ter­pre­ta­to da Mar­co D’Amo­re, e la sua vo­glia di far­ci scen­de­re nell’abis­so del­la ca­mor­ra, do­ve il san­gue è de­ci­sa­men­te più san­gue.

Frontiere I vi­so­ri sul Laz­za­ret­to Vec­chio per la nuo­va se­zio­ne de­di­ca­ta al­la real­tà vir­tua­le (Pat­ta­ro/Vi­sion)

Spa­zi «Ve­ne­zia VR» sa­rà aperta fi­no al 5 set­tem­bre: le mo­da­li­tà sul si­to web del­la Bien­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.