To­sca­ni: «Tro­ve­rò l’in­tel­li­ghen­zia tra i clan­de­sti­ni»

Oli­vie­ro To­sca­ni tor­na al fian­co di Luciano Be­net­ton per una nuo­va cam­pa­gna «L’in­te­gra­zio­ne è la sfi­da del fu­tu­ro, a si­ni­stra tan­ti cre­ti­ni Una ri­sa­ta sep­pel­li­rà i no-vax»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Da Prima Pagina - Di Marco Bo­net

«An­dre­mo a tro­va­re l’in­tel­li­ghen­zia tra i clan­de­sti­ni, quel­li che i ve­ne­ti non ama­no». Oli­vie­ro To­sca­ni rac­con­ta la sua nuo­va col­la­bo­ra­zio­ne con Be­net­ton.

gra­ziò per­fi­no lui, mi dis­se: “Sai Oli­vie­ro, mi hai fat­to rie­leg­ge­re tu”».

Lei tor­na a Pon­za­no in un mo­men­to di gran­de dif­fi­col­tà per il marchio Be­net­ton. Co­me pen­sa di ri­lan­ciar­lo? «Ci so­no del­le dif­fi­col­tà, lo­gi­co, ma il va­lo­re del marchio c’è an­co­ra tut­to, è sem­pre lì, non c’è nien­te da ri­lan­cia­re. Be­net­ton è il marchio più eti­co al mon­do, me ne in­di­chi un al­tro se le vie­ne in men­te». Sot­to que­sto aspet­to an­che Be­net­ton è sta­to al cen­tro di po­le­mi­che, pen­so ai Ma­pu­che, nel­la Pa­ta­go­nia ar­gen­ti­na, o al crol­lo del Ra­na Pla­za di Sa­var in Ban­gla­de­sh. «Eh vab­bè in­som­ma, avran­no i lo­ro guai co­me tut­ti, poi c’è la stam­pa che co­me al so­li­to in­gran­di­sce qua­lun­que co­sa quan­do ma­ga­ri

non si trat­ta nem­me­no di fat­ti co­sì gra­vi». Ci at­ten­do­no nuo­ve cam­pa­gne choc?

«Cam­pa­gne choc... mac­ché choc, choc un caz...!, io non ho choc­ca­to pro­prio nes­su­no, ho an­ti­ci­pa­to i tem­pi, smet­tia­mo­la con que­ste ba­na­li­tà, di­cia­mo co­se in­tel­li­gen­ti per fa­vo­re sen­nò riat­tac­co su­bi­to».

Met­tia­mo­la co­sì: è an­co­ra pos­si­bi­le pro­vo­ca­re, rom­pe­re sche­mi e pre­giu­di­zi, in un’epo­ca in cui la pub­bli­ci­tà ha già ol­tre­pas­sa­to mol­ti li­mi­ti?

«Tan­ti cer­ca­no di ave­re idee nuo­ve. Ma non ce la fa­ran­no mai. Non ba­sta cer­ca­re, si de­ve fa­re, io vo­glio il ri­sul­ta­to. E poi se cer­chi le idee, si­gni­fi­ca che non ne hai. Noi le ab­bia­mo, non co­pie­re­mo né quel­lo che fan­no gli al­tri né quel­lo che ab­bia­mo già fat­to noi in pas­sa­to. La pros­si­ma cam­pa­gna Be­net­ton sa­rà tut­ta nuo­va».

Nel 1990 fon­dò Co­lors, la ri­vi­sta glo­ba­le. Og­gi do­mi­na­no Fa­ce­book, In­sta­gram, Goo­gle. Il pas­sag­gio dal­la car­ta al­la Re­te la pre­oc­cu­pa?

tec­no­lo­gie,«No. A cam­bia­re­le piat­ta­for­me.so­no so­lo Per­le me con­ta il con­cet­to, non il mez­zo at­tra­ver­so cui lo tra­smet­to». C’è un te­ma, og­gi, che le sta par­ti­co­lar­men­te a cuo­re?

«Il pro­ble­ma del mon­do è l’in­te­gra­zio­ne. Il fu­tu­ro si gio­che­rà tut­to su que­sto, sull’in­tel­li­gen­za “in­te­gra­ti­va”, quel­la che in­te­gra, uni­sce, ap­prez­za la di­ver­si­tà e non ha pau­ra». Il par­la­men­to ha ap­pe­na in­sab­bia­to lo ius so­li.

«Lo ius so­li è un di­rit­to uma­no! Sen­ta, tut­ti voi ve­ne­ti vo­le­te il Ro­lex, giu­sto?». No.

«Va be­ne, tut­te le bel­le ra­gaz­ze (ma lui pre­di­li­ge un ter­mi­ne più strong, ndr.) vo­glio­no il Ro­lex. Be­ne, il Ro­lex è pro­dot­to in un Pae­se ex­tra co­mu­ni­ta­rio (la Sviz­ze­ra, ndr.), pe­rò il Ro­lex, che è un oro­lo­gio, può cir­co­la­re li­be­ra­men­te per il mon­do, men­tre io, che so­no un es­se­re uma­no, no. Le pa­re ci­vi­le que­sto? Se l’uo­mo non è li­be­ro di muo­ver­si non c’è giu­sti­zia né ci­vil­tà».

Il mi­ni­stro dell’In­ter­no Marco Min­ni­ti, che ha ar­re­sta­to i flus­si dal­la Li­bia, è uo­mo dal­la so­li­da sto­ria di si­ni­stra.

«Ma che me ne fre­ga, lei non sa quan­ti cre­ti­ni ci so­no a si­ni­stra. Per ca­ri­tà, di là ce ne so­no an­co­ra di più, an­zi di là lo so­no pro­prio tut­ti, ma an­che di qua ce n’è qual­cu­no». Fa­reb­be una cam­pa­gna a fa­vo­re dei vac­ci­ni?

«Il Ve­ne­to che di­ce no ai vac­ci­ni si fa­rà ri­de­re die­tro da tut­ti, in fu­tu­ro. Pen­si a quan­do di­ran­no: “Ti ri­cor­di quan­do i ve­ne­ti non vo­le­va­no vac­ci­nar­si?”. E ri­de­ran­no». Quel­la dei No-Vax non è una bat­ta­glia di li­ber­tà?

«Ma quale li­ber­tà? Se si va in mac­chi­na si de­ve te­ne­re la de­stra, an­da­re con­tro­ma­no non è li­ber­tà. Ci so­no del­le re­go­le, chi non si vac­ci­na in­qui­na gli al­tri. Sa che le di­co? Voi ve­ne­ti non vac­ci­na­te­vi, sta­te lì con Za­ia, chiu­de­te­vi nel vo­stro ghet­to, im­bria­ga­te­vi e non rom­pe­te più le pal­le. Sa qual è il vo­stro pro­ble­ma? Sie­te di­ven­ta­ti ric­chi trop­po in fret­ta». Ma che c’en­tra?

«Le ho det­to an­che trop­po. Ver­rò a Pon­za­no, la cam­pa­gna par­ti­rà pre­sto, sia pa­zien­te e non ab­bia fret­ta. Ar­ri­ve­der­ci».

Il Ve­ne­to e i ve­ne­ti Za­ia de­ve rin­gra­ziar­mi, con la sto­ria dei ve­ne­ti im­bria­ghi gli ho fat­to ri­vin­ce­re le ele­zio­ni. Voi vo­le­te tut­ti il Ro­lex, vi sie­te ar­ric­chi­ti trop­po in fret­ta

1982 È l’an­no in cui co­min­ciò la col­la­bo­ra­zio­ne tra il fo­to­gra­fo Oli­vie­ro To­sca­ni e Luciano Be­net­ton (a si­ni­stra). Du­re­rà fi­no al 2000 ri­vo­lu­zio­nan­do il rap­por­to tra mo­da e pub­bli­ci­tà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.