I trent’an­ni del­la «Ban­ca de­gli Oc­chi» «Un tra­pian­to su due con i no­stri tes­su­ti»

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Regione Attualità - Gia­co­mo Co­sta

VE­NE­ZIA «Mio pa­dre ha ini­zia­to a trat­ta­re le cor­nee in ma­nie­ra qua­si clan­de­sti­na, pri­ma che ar­ri­vas­se la leg­ge, di­cen­do che aspet­ta­va il giu­di­ce con il co­rag­gio di fer­mar­lo. Pe­rò ne era si­cu­ro: “Quan­do mo­ri­rò, mi fa­ran­no san­to”, scher­za­va. E og­gi ce­le­bria­mo i trent’an­ni del­la “sua” Ban­ca de­gli Oc­chi e la do­na­zio­ne nu­me­ro 100mi­la». Pao­lo Ra­ma, fi­glio d’ar­te, ie­ri ri­cor­da­va co­sì l’im­pe­gno del pa­dre Gio­van­ni, che nel 1987 riu­scì a da­re vi­ta al­la fon­da­zio­ne che og­gi, so­la, co­pre il fab­bi­so­gno di qua­si il 50 per cen­to di tut­ta Ita­lia, ol­tre a spe­di­re tes­su­ti in Eu­ro­pa e nel re­sto del mondo.

Ie­ri, nel pa­di­glio­ne dell’ospe­da­le dell’An­ge­lo di Me­stre in­ti­to­la­to pro­prio al lu­mi­na­re dell’ocu­li­sti­ca, per ce­le­bra­re il tren­ten­na­le del­la Ban­ca è sta­to lo stes­so pre­si­den­te del­la On­lus, Giu­sep­pe Di Fal­co, ac­com­pa­gna­to dal di­ret­to­re sa­ni­ta­rio, Die­go Pon­zin, a ri­cor­da­re i nu­me­ri da re­cord del­la fon­da­zio­ne: «Nel 2016 è sta­ta do­na­ta la ci­fra, mai rag­giun­ta pri­ma, di ol­tre cin­que­mi­la cor­nee; so­lo in Ve­ne­to le do­na­zio­ni di tes­su­ti ocu­la­ri so­no sta­te 2.367. Ep­pu­re nei pri­mi tre tri­me­stri del 2017 la do­na­zio­ne ha già re­gi­stra­to un au­men­to del 15 per cen­to ri­spet­to all’an­no precedente, con 4.300 tes­su­ti do­na­ti (so­lo dal Ve­ne­to so­no 3.731 cor­nee, ndr). Og­gi il 48 per cen­to dei tra­pian­ti di cor­nea rea­liz­za­ti in Ita­lia so­no ef­fet­tua­ti con tes­su­ti ocu­la­ri pro­ces­sa­ti dal­la Ban­ca, che ol­tre­tut­to sta ren­den­do il pro­ce­di­men­to sem­pre più ef­fi­cien­te, la­vo­ran­do sui sin­go­li strati del­la cor­nea».

Il cen­tro non la­scia nul­la al ca­so: quin­di­ci me­di­ci so­no co­stan­te­men­te in viag­gio at­tra­ver­so tut­ta la re­gio­ne (ma an­che in Friu­li Ve­ne­zia Giu­lia) per re­cu­pe­ra­re e tra­spor­ta­re tes­su­ti, men­tre nei la­bo­ra­to­ri me­stri­ni si con­ti­nua a spe­ri­men­ta­re nuo­ve me­to­do­lo­gie di la­vo­ro, che già guar­da­no al fu­tu­ro pro­mes­so dal­le cel­lu­le sta­mi­na­li.

«Ra­ma è sta­to un me­di­co il­lu­mi­na­to: in un epo­ca in cui par­la­re di do­na­zio­ne e di tra­pian­to era dif­fi­ci­le, ha sa­pu­to da­re vi­ta a una real­tà tan­to im­por­tan­te da por­tar­ci, in so­li trent’an­ni, ai ver­ti­ci dell’ec­cel­len­za mon­dia­le» ha ri­cor­da­to il go­ver­na­to­re ve­ne­to Lu­ca Za­ia.

«I ve­ne­ti - pro­se­gue il go­ver­na­to­re - so­no si­len­ti ma mai as­sen­ti: non è un ca­so che nel no­stro ter­ri­to­rio una per­so­na su cin­que fac­cia vo­lon­ta­ria­to. Con un tra­pian­to di cor­nea, una vi­ta per­du­ta ne ac­cen­de un’altra, che può tor­na­re a ve­de­re, è qual­co­sa di straor­di­na­rio quel­lo che si fa qui. Il ri­schio og­gi pe­rò è quel­lo di sud­di­vi­de­re equa­men­te il ma­les­se­re: non è pos­si­bi­le che se il Ve­ne­to do­na da so­lo cin­que­mi­la cor­nee men­tre l’in­te­ro sud Ita­lia si fer­ma a me­no di 350 tes­su­ti, al­la fi­ne ci si li­mi­ti a fa­re la som­ma e a di­ve­de­re per due. Dob­bia­mo pre­ser­va­re le no­stre ec­cel­len­ze».

Ri­cer­ca Nei la­bo­ra­to­ri me­stri­ni, gli spe­cia­li­sti con­ti­nua a spe­ri­men­ta­re nuo­ve me­to­do­lo­gie di la­vo­ro

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.