Gio­va­ne in car­ce­re per il G20 Il pm con­te­sta l’av­vo­ca­to: per Fa­bio ora c’è il ri­schio di re­sta­re sen­za di­fe­sa

Corriere del Veneto (Treviso e Belluno) - - Belluno - Da­vi­de Piol © RI­PRO­DU­ZIO­NE RI­SER­VA­TA

BEL­LU­NO Fa­bio Vet­to­rel ri­schia di ri­ma­ne­re sen­za av­vo­ca­ti. Il pro­ces­so al gio­va­ne fel­tri­no, ar­re­sta­to il 7 lu­glio ad Am­bur­go du­ran­te le ma­ni­fe­sta­zio­ni con­tro il G20, è in­ciam­pa­to su una leg­ge te­de­sca che la pm ha ri­cor­da­to ie­ri all’ini­zio del­la se­con­da udien­za. Uno stes­so av­vo­ca­to non può di­fen­de­re più per­so­ne coin­vol­te ne­gli stes­si fat­ti. Mo­ti­vo? Le pro­ve rac­col­te po­treb­be­ro fa­vo­ri­re un im­pu­ta­to a di­sca­pi­to di un al­tro. «C’è il pe­ri­co­lo di per­de­re due av­vo­ca­ti in un col­po so­lo – ha com­men­ta­to la ma­dre Ja­mi­la Ba­ro­ne – È ve­nu­to fuori che se­gui­va­no al­tri ca­si poi ab­ban­do­na­ti per Fa­bio». Gli av­vo­ca­ti di­fen­so­ri han­no pre­so tem­po. Ri­spon­de­ran­no og­gi, al­le 9, du­ran­te la ter­za udien­za. Ie­ri non ci so­no sta­te gran­di no­vi­tà. La di­scus­sio­ne in au­la è ini­zia­ta al­le 12 ed è finita po­co do­po le 16. La pm ha mo­stra­to del­le im­ma­gi­ni di un fil­ma­to ri­pre­so dal­le te­le­ca­me­re pre­sen­ti nel par­cheg­gio del­lo sta­dio do­ve era­no ac­cam­pa­ti i ra­gaz­zi e do­ve si ve­dreb­be Fa­bio. «È sta­ta pre­sen­ta­ta co­me una pro­va ag­giun­ti­va – ha con­ti­nua­to la Ba­ro­ne – ma si ve­do­no so­lo dei ra­gaz­zi che cam­mi­na­no. Il cam­peg­gio era in­fat­ti di­stan­te dai luo­ghi di ri­vol­ta». È sta­to vi­sto an­che un fil­ma­to del­la po­li­zia ri­pre­so da die­tro l’idran­te usa­to con­tro i ma­ni­fe­stan­ti e poi sen­ti­to un po­li­ziot­to te­de­sco, se­con­do dei set­te te­sti­mo­ni chia­ma­ti dall’ac­cu­sa. L’uo­mo ha rac­con­ta­to che, al mo­men­to dei fat­ti, si tro­va­va in au­to e che i ma­ni­fe­stan­ti ave­va­no co­min­cia­to a lan­cia­re og­get­ti sen­za pe­rò col­pi­re per­so­ne o vei­co­li. Avreb­be poi in­se­gui­to il grup­po fi­no ad ar­ri­va­re vi­ci­no all’idran­te usa­to dal­la po­li­zia. «Una te­sti­mo­nian­za po­co cre­di­bi­le – ha af­fer­ma­to la ma­dre di Fa­bio – Ha ri­co­no­sciu­to la sua au­to nel vi­deo ma non si è ri­cor­da­to di aver vi­sto l’idran­te, la po­li­zia dall’altra par­te del­la stra­da e i fe­ri­ti». Una ri­co­stru­zio­ne con­fu­sa che non fa lu­ce sul ca­so del gio­va­ne fel­tri­no in car­ce­re da più di quat­tro me­si. Il po­li­ziot­to am­met­te di non aver­lo vi­sto. I mo­ti­vi del­la de­ten­zio­ne pre­ven­ti­va di Fa­bio so­no la sua «pre­di­spo­si­zio­ne al­la vio­len­za» e il suo non es­ser­si al­lon­ta­na­to dal luo­go del­la ma­ni­fe­sta­zio­ne. «Fa­bio è con­ten­to che il pro­ces­so con­ti­nui – ha con­clu­so la Ba­ro­ne – Sod­di­sfat­ta an­che l’av­vo­ca­to. Obiet­ti­va­men­te è an­da­ta be­ne per­ché non han­no al­cu­na pro­va. Mio fi­glio pe­rò è an­co­ra in car­ce­re». Nel­la ter­za udien­za di og­gi, al­le 9, sa­rà pre­sen­te an­che il con­so­le.

In car­ce­re Fa­bio Vet­to­rel è in car­ce­re da più di quat­tro me­si per i di­sor­di­ni del G20

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.