Gli esper­ti bel­gi «as­sol­vo­no» la con­ca Ci­lin­dri ro­tan­ti per aiu­ta­re i pi­lo­ti

Que­rel­le di Ma­la­moc­co, i dub­bi dei tec­ni­ci. Nuo­va por­ta rin­for­za­ta e su una ro­ta­ia

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - VENEZIA & MESTRE - VE­NE­ZIA Al­ber­to Zor­zi

Era una del­le «fis­se» di Pao­lo Co­sta quan­do era al­la gui­da dell’Au­to­ri­tà por­tua­le e il suo suc­ces­so­re Pi­no Mu­so­li­no l’ha già det­to più vol­te: «La con­ca di na­vi­ga­zio­ne al­la boc­ca di por­to di Ma­la­moc­co è sba­glia­ta». Non nel sen­so che quel­la «ca­me­ra» crea­ta per far pas­sa­re le im­bar­ca­zio­ni an­che con il Mose chiu­so sia sta­ta co­strui­ta ma­le; ma sa­reb­be sta­ta pro­prio con­ce­pi­ta ma­le, trop­po ri­stret­ta ri­spet­to al­le esi­gen­ze di un gi­gan­ti­smo na­va­le sem­pre più ac­cen­tua­to e pu­re di­sal­li­nea­ta ri­spet­to al per­cor­so di ac­ces­so, com­pli­ca­to an­che dal­la lu­na­ta che re­strin­ge il pas­sag­gio. Ora pe­rò, sul ta­vo­lo del prov­ve­di­to­re Ro­ber­to Li­net­ti, c’è uno stu­dio del­la so­cie­tà in­ge­gne­ri­sti­ca bel­ga Sbe, che sem­bra ri­spe­di­re al mit­ten­te buo­na par­te del­le ac­cu­se. «La con­ca re­ste­rà co­sì com’è, d’al­tra par­te lo Sta­to non può mi­ca ri­fa­re un’ope­ra co­sta­ta 300 mi­lio­ni di eu­ro», di­ce Li­net­ti. An­che per­ché la ca­me­ra del­la con­ca, che mi­su­ra 380 me­tri per 50, fu co­strui­ta or­mai an­ni fa con del­le get­ta­te di cal­ce­struz­zo all’in­ter­no di sche­le­tri in ac­cia­io, dun­que met­ter­ci ma­no è im­pos­si­bi­le.

I bel­gi han­no con­fer­ma­to che la co­sid­det­ta «na­ve di pro­get­to» – la più gran­de che ci può en­tra­re sul­la car­ta: 280 me­tri di lar­ghez­za, 39 di lar­ghez­za e 12 di pe­scag­gio – ci pas­sa, chec­ché ne di­ca­no pi­lo­ti e pre­si­den­ti del Por­to. Cer­to, i tec­ni­ci del Con­sor­zio Ve­ne­zia Nuo­va non igno­ra­no che qual­che dif­fi­col­tà ci sia e lo stes­so il prov­ve­di­to­re. E’ per que­sto che Li­net­ti ha da­to man­da­to di stu­dia­re un si­ste­ma per ren­de­re più si­cu­ro il tran­si­to at­tra­ver­so la con­ca. La so­lu­zio­ne «par­to­ri­ta» sa­reb­be quel­la di in­stal­la­re dei ci­lin­dri ro­tan­ti sul la­to sud del­la con­ca, in mo­do ta­le che le na­vi in en­tra­ta o in usci­ta, nel ca­so di con­di­zio­ni me­teo­ma­ri­ne dif­fi­ci­li, per esem­pio di bo­ra, si pos­sa­no ap­pog­gia­re e «sci­vo­la­re» sen­za pro­ble­mi. Al­lo stu­dio c’è an­che la pos­si­bi­li­tà di crea­re un «al­lun­ga­men­to» in gom­ma all'in­gres­so, in mo­do che le na­vi si pos­sa­no al­li­nea­re ed es­se­re in­stra­da­te. In­ter­ven­ti i cui co­sti co­no an­co­ra in fa­se di va­lu­ta­zio­ne, ma che sem­bra­no il giu­sto com­pro­mes­so. In real­tà tra i pi­lo­ti, che so­no poi co­lo­ro che – tec­ni­ci e mo­del­li­sti a par­te – do­vran­no por­ta­re le na­vi at­tra­ver­so la con­ca, lo scet­ti­ci­smo re­sta. Fi­no a due an­ni so­no sta­te fat­te pro­ve con mez­zo mi­glia­io di na­vi, ma una da 280 me­tri non è mai en­tra­ta. «La più lun­ga che ho por­ta­to è sta­ta di 212 me­tri, lar­ga 32 - ri­cor­da Saul Maz­zuc­co, ex ca­po pi­lo­ta - Il pro­ble­ma è che la na­ve di pro­get­to è sta­ta sta­bi­li­ta dai tec­ni­ci sen­za chie­de­re un pa­re­re a noi, che de­ci­dia­mo nel ca­so con­cre­to en­tra­re o me­no: e le as­si­cu­ro che dob­bia­mo es­se­re si­cu­ri al 100 per cen­to, il 99 non ba­sta». Il te­ma ri­guar­da non so­lo le na­vi com­mer­cia­li, sul­le qua­li pe­ral­tro è in cor­so uno stu­dio del Por­to per crea­re pro­prio sul­la lu­na­ta del Mose un por­to ad al­ti fon­da­li in mo­do da por­ta­re a Ve­ne­zia an­che quel­le più gran­di, fuo­ri dal­la la­gu­na. C’è in­fat­ti la par­ti­ta del­le cro­cie­re, che or­mai sem­bra in­stra­da­ta sull’ipo­te­si di un dop­pio bi­na­rio: una par­te all’at­tua­le Ma­rit­ti­ma tra­mi­te il ca­na­le Vit­to­rio Ema­nue­le, le più gran­di a Mar­ghe­ra, ma sem­pre en­tran­do dal ca­na­le dei pe­tro­li.

Ma i pro­ble­mi del­la con­ca ri­guar­da­no an­che la por­ta la­to ma­re. Un paio d’an­ni fa una ma­reg­gia­ta la dan­neg­giò e ai bel­gi era sta­ta chie­sta una so­lu­zio­ne an­che su que­sto pun­to. Il ri­sul­ta­to è sta­to un pro­get­to che mo­di­fi­ca ra­di­cal­men­te la por­ta: quel­la ori­gi­na­ria ave­va una su­per­fi­cie piat­ta e scor­re­va su un si­ste­ma av­ve­ni­ri­sti­co, l’hy­dro­lift, che la te­ne­va sol­le­va­ta con get­ti d’aria; ora invece ver­rà ri­co­strui­ta su un bi­na­rio e sa­rà rin­for­za­ta gra­zie a una su­per­fi­cie a gra­do­ni nel­la par­te bas­sa, per rom­pe­re me­glio le on­de, che nel ca­so di chiu­su­ra del­le pa­ra­to­ie del Mose sa­ran­no an­co­ra più vio­len­te. Un in­ter­ven­to che po­treb­be co­sta­re fi­no a una ven­ti­na di mi­lio­ni, ma su cui Li­net­ti è pron­to a fa­re cau­sa a chi l’ha pro­get­ta­ta (Tech­ni­tal), co­strui­ta (Ci­mo­lai) e in­stal­la­ta (Man­to­va­ni). «Noi an­ti­ci­pia­mo i sol­di per ac­ce­le­ra­re i la­vo­ri, ma ci cau­te­le­re­mo in tri­bu­na­le - di­ce Li­net­ti - quel che è cer­to è che non sa­rà un la­vo­ro che si ac­col­le­rà lo Sta­to».

Il pas­sag­gio Uno dei te­st ef­fet­tua­ti al­la con­ca di na­vi­ga­zio­ne di Ma­la­moc­co. Se­con­do i pi­lo­ti il pas­sag­gio non è fa­ci­le per la dif­fi­col­tà di al­li­nea­men­to e la vi­ci­nan­za con la lu­na­ta del Mose

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.