Un cam­pa­ni­le di San Mar­co in Ca­na­da

Rea­liz­za­to da oriun­di ve­ne­ti. Ma in gi­ro per il mon­do ce ne so­no tan­te al­tre co­pie

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - DA PRIMA PAGINA - Bu­set­to

Clo­na­ta per la cen­te­si­ma vol­ta. Que­sta vol­ta Ve­ne­zia si du­pli­ca a To­ron­to con un cam­pa­ni­le bis di San Mar­co in sca­la due a tre. Tut­to frut­to di una col­let­ta (500 dol­la­ri l’of­fer­ta mi­ni­ma) del­la co­mu­ni­tà dei ve­ne­zia­ni dell’On­ta­rio che han­no vo­lu­to riap­pro­priar­si del­la tor­re cam­pa­na­ria dei lo­ro an­te­na­ti con tan­to di rin­toc­chi ori­gi­na­li, che co­min­ce­ran­no a echeg­gia­re nel cen­tro ve­ne­to di Wood­brid­ge, a nord di To­ron­to, sa­ba­to in sin­cro­nia con quel­li di Ve­ne­zia.

Clo­na­ta per la cen­te­si­ma vol­ta. Que­sta vol­ta, Ve­ne­zia, si du­pli­ca a To­ron­to con un cam­pa­ni­le bis di San Mar­co in sca­la due a tre. Tut­to frut­to di una col­let­ta (500 dol­la­ri l’of­fer­ta mi­ni­ma) del­la co­mu­ni­tà dei ve­ne­zia­ni dell’On­ta­rio. So­no lo­ro ad aver­lo rea­liz­za­to.

Han­no vo­lu­to riap­pro­priar­si del­la tor­re cam­pa­na­ria dei lo­ro an­te­na­ti con tan­to di rin­toc­chi ori­gi­na­li, che co­min­ce­ran­no a echeg­gia­re nel cen­tro ve­ne­to di Wood­brid­ge, a nord di To­ron­to, sa­ba­to pros­si­mo, in sin­cro­nia con quel­li di Ve­ne­zia. Un det­ta­glio, que­sto, che va­le al «fa­ke d’ol­treo­cea­no» il ti­to­lo di co­pia più fe­de­le al cam­pa­ni­le no­stra­no.

La co­pia ca­na­de­se nei suoi 35 me­tri d’al­tez­za ri­pro­du­ce con do­vi­zia an­che il ca­stel­lo cam­pa­na­rio, con tan­to di «bron­zi». La cam­pa­gna di au­to­tas­sa­zio­ne di que­sti ita­lo ca­na­de­si ha per­mes­so di ar­ri­va­re al­la pun­ta do­po ap­pe­na due an­ni di la­vo­ri.

Ma To­ron­to non è la pri­ma cit­tà né l’ul­ti­ma a lam­bi­re un fram­men­to di Ve­ne­zia. C’è un cam­pa­ni­le di San Mar­co an­che nel gol­fo di Ma­ra­cai­bo e tra le pal­me del­la Flo­ri­da. IL più fo­to­gra­fa­to (ori­gi­na­le a par­te ov­via­men­te) è quel­lo di Ve­ne­tian, ho­tel di lus­so di Las Ve­gas, che non ha ri­nun­cia­to nep­pu­re al pon­te di Rial­to.

Sì per­ché han­no ten­ta­to di ri­pro­dur­re Ve­ne­zia, del tut­to, in par­te, o so­lo nel no­me, a mi­glia­ia di chi­lo­me­tri di di­stan­za an­che nei cen­tri com­mer­cia­li di Las Ve­gas e sul­le mon­ta­gne del­lo Utah. Una è in via di de­fi­ni­zio­ne al lar­go de­gli Emi­ra­ti (con stan­ze sot­ter­ra­nee e ca­na­li per­cor­ri­bi­li da bar­che che por­ta­no i clien­ti nel­le lo­ro stan­ze). È un mol­ti­pli­car­si con­ti­nuo nel ten­ta­ti­vo di af­fer­ra­re l’ini­mi­ta­bi­le.

Ne sa qual­co­sa Gui­do Mol­te­do, che sul­le ve­ne­zie in pre­sti­to nel mon­do ha scrit­to un li­bro, «Wel­co­me to Ve­ni­ce»: «So­no un cen­ti­na­io le so­le lo­ca­li­tà che han­no ru­ba­to il no­me a Ve­ne­zia. Al­cu­ne han­no po­co o nul­la di ri­le­van­te, dal pun­to di vi­sta ar­ti­sti­co ar­chi­tet­to­ni­co. Ma so­lo il no­me, per com­pen­sa­zio­ne, rie­sce ad im­pre­zio­sir­le. In Brasile esi­sto­no ve­ne­zie fon­da­te da ve­ne­ti e friu­la­ni in cui si par­la an­co­ra la lin­gua veneta».

C’è chi Ve­ne­zia la vuo­le clo­na­re a sco­po tu­ri­sti­co, co­me nel ca­so di Las Ve­gas ed Emi­ra­ti Ara­bi, e chi la vuo­le evo­ca­re per un sen­so di ap­par­te­nen­za sto­ri­co al­la no­stra ter­ra, co­me fa­ran­no gli im­mi­gra­ti ve­ne­ti del Ca­na­da. «In Croa­zia e in Ve­ne­zue­la - di­ce l’au­to­re esi­sto­no di­ver­si cam­pa­ni­li in sti­le ve­ne­zia­no. Nel Gol­fo di Ma­ra­cai­bo c’è una co­pia esat­ta del­la tor­re cam­pa­na­ria di San Mar­co, nel com­ples­so del­la chie­sa di San Fran­ce­sco d’As­si­si».

Che sia ini­zia­ti­va iden­ti­ta­ria o pu­ro fa­sci­no dell’imi­ta­zio­ne, il pri­ma­to del­le clo­na­zio­ni mo­nu­men­ta­li lo con­qui­sta il pon­te di Rial­to, ma pri­ma an­co­ra c’è la gon­do­la ma­de in Usa sdo­ga­na­ta ol­tre la­gu­na: «C’è an­che il nuo­vo fe­no­me­no dei gon­do­lie­ri in Ame­ri­ca, che si stan­no mol­ti­pli­can­do - ri­le­va Mol­te­do - e che va di pa­ri pas­so con il pul­lu­la­re di gon­do­le per fiu­mi e cor­si che non so­no i no­stri. Sen­za di­men­ti­ca­re il leo­ne di San Mar­co, che or­mai si tro­va ovun­que».

An­che la Ca­li­for­nia non si è fat­ta man­ca­re la sua Ve­ne­zia, lì volevano ri­pro­dur­la ta­le e qua­le. Pec­ca­to che nel gi­ro di po­chi an­ni il ten­ta­ti­vo è fallito: i ca­na­li si so­no in­ter­ra­ti, l’evo­lu­zio­ne di un’al­tra mor­fo­lo­gia cit­ta­di­na ha fat­to il suo cor­so. Ep­pu­re ri­ma­ne an­co­ra una del­le lo­ca­li­tà più no­te de­gli Sta­tes.

Tro­va le dif­fe­ren­ze A si­ni­stra il cam­pa­ni­le «ve­ro», al cen­tro quel­lo co­strui­to a To­ron­to, a destra quel­lo dell’ho­tel Ve­ne­tian a Las Ve­gas

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.