Ve­ne­zia, una Frec­cia per Asco­li In­za­ghi: «Sia­mo vi­ci­ni al top»

In­so­li­ta tra­sfer­ta in tre­no, il tec­ni­co pen­sa al 3-5-2 vi­sto con­tro il Car­pi

Corriere del Veneto (Venezia e Mestre) - - SPORT - Di­mi­tri Ca­nel­lo

Si par­te in tre­no, con un gior­no di an­ti­ci­po. Ap­pun­ta­men­to al­la sta­zio­ne di Me­stre po­co do­po le 15 per il Frec­cia Ros­sa Ve­ne­zia-An­co­na sul qua­le Filippo In­za­ghi e i suoi gio­ca­to­ri so­no sa­li­ti al vo­lo per rag­giun­ge­re Asco­li.

Al «Ci­no e Lil­lo Del Du­ca» sa­ba­to po­me­rig­gio, in uno sta­dio sto­ri­co e co­no­sciu­to che ha vis­su­to mo­men­ti epi­ci in se­rie A ai tem­pi del­la pre­si­den­za di Co­stan­ti­no Roz­zi, an­drà in sce­na una par­ti­ta che ha il sa­po­re del­la pos­si­bi­le con­sa­cra­zio­ne per il Ve­ne­zia. L’Asco­li di og­gi fa de­ci­sa­men­te me­no pau­ra, ma nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne ha in­ne­sta­to le mar­ce al­te e si è mes­so a cor­re­re, a di­mo­stra­zio­ne che la ca­te­go­ria è dif­fi­ci­le e in­si­dio­sa per tut­ti. E che tut­to può dav­ve­ro suc­ce­de­re. «La tra­sfer­ta l’ab­bia­mo af­fron­ta­ta in tre­no — spie­ga In­za­ghi men­tre viag­gia ver­so le Mar­che — per­ché era la so­lu­zio­ne lo­gi­sti­ca­men­te più co­mo­da e rin­gra­zio la so­cie­tà per que­sto. Sia­mo par­ti­ti un gior­no pri­ma pro­prio per­ché in pull­man il viag­gio sa­reb­be sta­to trop­po lun­go al­la vi­gi­lia del­la par­ti­ta. In que­sto mo­do, in­ve­ce, tut­to è ri­sul­ta­to più sem­pli­ce e pos­sia­mo af­fron­ta­re an­che que­sta tra­sfer­ta in con­di­zio­ni ot­ti­ma­li». La no­ti­zia dell’an­ti­vi­gi­lia è che non ci sa­rà Evans So­li­go, men­tre Stefano Mo­reo sta lot­ghi tan­do con­tro il tem­po per po­ter es­se­re al­me­no in pan­chi­na. A dar ret­ta al­le in­di­ca­zio­ni spar­se del­la set­ti­ma­na, qua­si cer­ta­men­te In­za­ghi con­fer­me­rà mo­du­lo e uo­mi­ni vi­sti all’ope­ra con­tro il Car­pi, con con­di­zio­ni ot­ti­ma­li di gran par­te del grup­po.

«I ra­gaz­zi stan­no tut­ti be­ne — evi­den­zia Su­per­pip­po — non ci sa­rà So­li­go ma re­cu­pe­ria­mo di­ver­si pro­ta­go­ni­sti e an­che Mo­reo sa­rà con noi. Le scel­te? An­co­ra non le ho de­fi­ni­te, Gei­jo è a di­spo­si­zio­ne ma è chia­ro che non scen­de in cam­po per una par­ti­ta in­te­ra da tan­to tem­po e do­vrò va­lu­ta­re co­me im­pie­gar­lo nel mo­do ot­ti­ma­le. Io cre­do che la no­stra for­za sia il grup­po, non mi stan­che­rò mai di ri­pe­ter­lo: quan­do ve­do Stu­lac en­tra­re in cam­po ad Avel­li­no do­po che non gio­ca­va da me­si con il pi­glio del gran­de gio­ca­to­re o Mar­su­ra sfrut­ta­re nel mi­glio­re dei mo­di l’oc­ca­sio­ne che gli è sta­ta da­ta, co­me al­le­na­to­re non pos­so che es­se­re mol­to con­ten­to». Via li­be­ra, dun­que, an­co­ra una vol­ta al 3-5-2, con un chia­ri­men­to tat­ti­co nel mo­men­to in cui non ci sa­rà Zam­pa­no sul­la cor­sia de­stra. «In quel ruo­lo il suo so­sti­tu­to na­tu­ra­le è Fa­bris — spie­ga In­za- — an­zi cre­do che Vittorio dia il me­glio di sé con que­sto mo­du­lo e in que­sta po­si­zio­ne. So­no con­ten­to dei gio­ca­to­ri che ho a di­spo­si­zio­ne, Bru­sca­gin in­ve­ce lo ve­do co­me cen­tra­le di­fen­si­vo e non co­me ester­no, men­tre a de­stra, se fos­si­mo in emer­gen­za, con cer­ti ac­cor­gi­men­ti po­treb­be es­se­re im­pie­ga­to an­che Fal­ze­ra­no. Per quan­to ri­guar­da Si­gno­ri sta be­ne e ha rag­giun­to una buo­na con­di­zio­ne, ma in que­sto mo­men­to le scel­te che fac­cio ri­ca­do­no sui gio­ca­to­ri che mi of­fro­no le mi­glio­ri ga­ran­zie. Fran­ce­sco si sta com­por­tan­do egre­gia­men­te, da ec­cel­len­te pro­fes­sio­ni­sta e al­la lun­ga sa­rà fon­da­men­ta­le per la no­stra squa­dra».

Per In­za­ghi «il Ve­ne­zia è pro­ba­bil­men­te nel suo mi­glior mo­men­to ma lo è an­che l’Asco­li, sa­rà un clien­te sco­mo­do da af­fron­ta­re». Dul­cis in fun­do, un pen­sie­ro per Ful­vio Fio­rin, che sie­de­rà sul­la pan­chi­na bian­co­ne­ra e che con In­za­ghi ha con­di­vi­so espe­rien­ze esal­tan­ti al Mi­lan. «Mi fa mol­to pia­ce­re ri­tro­va­re Ful­vio, mi ha in­se­gna­to tan­to, è sta­to un gran­de in­se­gnan­te di cal­cio che ho avu­to co­me se­con­do ne­gli Al­lie­vi e nel­la Pri­ma­ve­ra e co­me col­la­bo­ra­to­re del­la pri­ma squa­dra al Mi­lan».

Ve­ne­zia Per la squa­dra di Pip­po In­za­ghi do­ma­ni la tra­sfer­ta di Asco­li

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.