L’ex pre­si­den­te del Por­to di Ve­ne­zia: im­pa­ria­mo dal quan­to fat­to dal­la To­sca­na a Li­vor­no

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Regione Attualita - Mar­co Bo­net

«Guar­di, si pos­so­no fa­re mil­le ra­gio­na­men­ti, in qual­che ca­so cor­ret­ti, spes­so sug­ge­sti­vi, sem­pre e co­mun­que le­git­ti­mi, ma al­la fi­ne la do­man­da da por­si è una sol­tan­to: quan­to im­por­tan­te è, per il Ve­ne­to di og­gi, l’idro­via? A che pun­to si col­lo­ca que­st’ope­ra nel­la sca­la del­le no­stre prio­ri­tà?». Pao­lo Co­sta, ex ret­to­re di Ca’ Fo­sca­ri, ex sin­da­co di Ve­ne­zia e mi­ni­stro dei La­vo­ri pub­bli­ci, ex pre­si­den­te del Por­to, si fer­ma per qual­che se­con­do. Ci pen­sa su. «Le prio­ri­tà... - so­spi­ra scon­so­la­to - ma la no­stra re­gio­ne ce l’ha una sca­la del­le prio­ri­tà?».

Nel­la do­man­da sem­bra an­ni­dar­si la ri­spo­sta.

«Fac­cia­mo un pas­so in­die­tro, pen­so pos­sa aiu­ta­re a ca­pi­re. In Ita­lia le “Gran­di Ope­re” si rea­liz­za­no da sem­pre con tem­pi tal­men­te di­la­ta­ti tra il mo­men­to del con­ce­pi­men­to e quel­lo del­la rea­liz­za­zio­ne, che poi non ci si ri­cor­da più per­ché le si era­no vo­lu­te fa­re. Ci si guar­da at­tor­no ed è cam­bia­to il con­te­sto, è cam­bia­to il ter­ri­to­rio, so­no cam­bia­te le esi­gen­ze e le “Gran­di Ope­re” non ser­vo­no più, an­che se il can­tie­re è an­co­ra aper­to e il pro­get­to lì sul ta­vo­lo».

È il ca­so dell’idro­via Pa­do­va-Ve­ne­zia?

«Po­trei dir­le che il ca­so dell’Al­ta Ve­lo­ci­tà, rea­liz­za­ta su­bi­to tra Pa­do­va e Ve­ne­zia e poi ri­ma­sta fer­ma per an­ni, co­sì che nel frat­tem­po il go­ver­no ha pre­fe­ri­to con­cen­trar­si al­tro­ve, a Mi­la­no e più a ove­st, ma stia­mo sull’idro­via. Que­st’ul­ti­ma non è af­fat­to una “Gran­de Ope­ra”, è so­lo la pic­co­la par­te di una “Gran­de Ope­ra”, na­ta dall’in­tui­zio­ne gran­dio­sa di In­no­cen­zo Ga­spa­ri­ni, l’ex ret­to­re del­la Boc­co­ni. Per Ga­spa­ri­ni l’idro­via sa­reb­be do­vu­ta par­ti­re da Ve­ne­zia, avreb­be do­vu­to at­tra­ver­sa­re Pa­do­va, ar­ri­va­re a Mi­la­no e poi di lì sa­li­re fi­no a Lo­car­no, in Sviz­ze­ra, re­pli­can­do quel si sta­va rea­liz­zan­do nel Ma­re del Nord con il ca­na­le tra Rot­ter­dam, in va, tre­men­da, è far fi­ni­re di nuo­vo sott’ac­qua Pa­do­va in ca­so di al­lu­vio­ne, o la Bas­sa Pa­do­va­na se si vor­rà sa­cri­fi­ca­re quel­la zo­na per sal­va­re il ca­po­luo­go».

L’im­por­tan­za dell’idro­via, sot­to que­sto se­con­do aspet­to, vie­ne ri­co­no­sciu­ta da tut­ti. Ma la Re­gio­ne, che ha pre­sen­ta­to il nuo­vo pro­get­to pre­li­mi­na­re, di­ce che 461 mi­lio­ni per far­la da sé non ce li ha.

«E se do­ma­ni Pa­do­va fi­ni­sce sott’ac­qua, co­sa si di­rà, “col­pa del­lo Sta­to che non ci ha da­to i sol­di”? Per ca­ri­tà, ma­ga­ri co­sì ci si sgra­va la co­scien­za ma non pen­so che ai pa­do­va­ni ba­ste­rà. Il pun­to è che pri­ma dei sol­di oc­cor­re la vo­lon­tà po­li­ti­ca. E co­sì tor­nia­mo al­la do­man­da ini­zia­le. Il Ve­ne­to ha una clas­se di­ri­gen­te? Que­sta clas­se di­ri­gen­te è in gra­do di espri­me­re la sua lea­der­ship? Io cre­do che la lea­der­ship si eser­ci­ti in­nan­zi­tut­to in­di­can­do del­le prio­ri­tà, una short-li­st del­le co­se da fa­re in fret­ta, qui e ora. At­tor­no a quei pro­get­ti va poi co­strui­to un con­sen­so dif­fu­so, quin­di si de­ve pen­sa­re al­la stra­da per por­tar­li a ca­sa. Se si vuo­le, la stra­da si tro­va, co­me l’ha tro­va­ta la Re­gio­ne To­sca­na, che vuo­le in­ve­sti­re sul por­to di Li­vor­no e per que­sto ha mes­so sul piat­to, di suo, 300 mi­lio­ni. Non ba­sta scri­ve­re una let­te­ra a Ro­ma spe­ran­do che fi­ni­sca tra le ma­ni di qual­che vo­len­te­ro­so di buon cuo­re»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.