Co­mel­lo, il «gat­to­bar­do» in un em­pi­reo di an­ge­li, to­pi e stre­ghe

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Spettacoli - Pao­lo Col­tro © RIPRODUZIONE RISERVATA

Il pa­ra­di­so non può at­ten­de­re, e per­ché do­vreb­be se è pen­sa­to da un cer­vel­lo an­co­ra vi­vo?E non at­ten­de nem­me­no l’uo­mo de­sti­na­to, o al­me­no in pre­di­ca­to, per il pa­ra­di­so. Che a tut­ta pri­ma sem­bra non c’en­trar­ci pro­prio nul­la, con quel look da drui­do in­col­la­to ad­dos­so: ca­pi­glia­tu­ra fluen­te, bar­ba ri­go­glio­sa, ros­sa­stre co­me un tra­mon­to in Ar­go­via, con un’ar­chi­tet­tu­ra fi­si­ca da Ver­cin­ge­to­ri­ge, ven­ti cen­ti­me­tri in me­no in al­tez­za, tren­ta cen­ti­me­tri in più in lar­ghez­za: da im­ma­gi­nar­si con fal­cet­to e vi­schio sa­cro, al­le pre­se con di­vi­ni­tà flu­via­li e mon­ta­ne, piut­to­sto che con i pia­ni al­ti cri­stia­ni. Ep­pu­re Al­do Co­mel­lo, gior­na­li­sta pa­do­va­no d’an­tan e di og­gi, va in pa­ra­di­so. O per­lo­me­no nel­la sa­la d’at­te­sa, un luo­go sen­za pas­sio­ni, con il flui­re va­ga­men­te bu­ro­cra­ti­co del­la fi­la, del tur­no che non ar­ri­va e dà tem­po per per­der­si nei pae­sag­gi ce­le­sti scon­fi­na­ti e nuo­vi, tor­na­re co­me fan­ta­sma nel­la vi­ta pre­ce­den­te ad ac­ca­lap­pia­re ri­cor­di e sen­sa­zio­ni, pri­ma che sia trop­po tar­di. È una sa­ga che si ad­di­ce ad un drui­do sbat­tu­to nell’em­pi­reo cat­to­li­co, pre­gna di fan­ta­sy co­me so­lo i fol­let­ti abi­tan­ti dei bo­schi ter­re­ni pos­so­no in­ven­ta­re. E sic­co­me non ci so­no più quer­ce sot­to le qua­li rac­con­ta­re ad un pub­bli­co ra­pi­to, ma è sta­ta in­ven­ta­ta la stam­pa, ec­co il li­bro di Co­mel­lo, An­ge­li e to­pi (per non par­lar dei gat­ti) (Cleup, 15 eu­ro, pre­sen­ta­zio­ne do­ma­ni ai Ci­vi­ci Mu­sei Ere­mi­ta­ni), in que­ste ore in li­bre­ria. Al­do Co­mel­lo è un pez­zo di sto­ria re­cen­te di Pa­do­va, sto­ria vis­su­ta e rac­con­ta­ta. Ha scrit­to sto­rie del­la sua cit­tà per una vi­ta, pas­san­do dal Re­sto del Car­li­no al Mat­ti­no, dal­la Fie­ra (agli esor­di) al­le ri­vi­ste. Go­liar­da di pen­sie­ro se non d’azio­ne, con una ti­mi­dez­za mi­schia­ta all’un­der­sta­te­ment, con un fi­si­co pos­sen­te che si an­nul­la nel­la dol­cez­za del­lo sguar­do, il gior­na­li­sta Co­mel­lo ha sem­pre avu­to il pen­sie­ro nel­la pen­na. Non un ta­sto è sta­to bat­tu­to sen­za che vi fos­se una ri­fles­sio­ne, un guiz­zo, un met­te­re quel sin­go­lo fat­to den­tro una vi­sio­ne più am­pia. Ma leg­ge­ra nel­lo stes­so tem­po, con uno sguar­do mai di­men­ti­ca­to al­la con­di­zio­ne uma­na, da­gli aspet­ti tra­gi­ci a quel­li per­fi­no più co­mi­ci. Un’at­ten­zio­ne che ren­de­va i suoi re­so­con­ti-rac­con­ti mol­to al di so­pra del­la me­die­tà da te­le­gra­fi­sti del­la no­ti­zia. Di­cia­mo­lo: più in­te­res­san­te del­la no­ti­zia era il mo­do il cui Al­do la rac­con­ta­va. Per noi col­le­ghi un po’ più gio­va­ni, una di quel­le boc­ca­te d’os­si­ge­no che ti se­gna la stra­da. Di più: la tra­smis­sio­ne di un va­lo­re, la scrit­tu­ra, dal­la vi­ta se­guen­te ac­ci­den­ta­ta per non di­re de­re­lit­ta. Ma la fa­sci­na­zio­ne del­le pa­ro­le mes­se as­sie­me al­tro non era che il tra­sfor­mar­si in co­sa vi­si­bi­le e leg­gi­bi­le di un pen­sie­ro li­be­ro, cu­rio­so, sle­ga­to dai luo­ghi co­mu­ni del­la com­pren­sio­ne scon­ta­ta e del­la con­ve­nien­za. Un mae­stro, per bre­vi­tà: ma an­che que­sto è un luo­go co­mu­ne al qua­le Co­mel­lo sfug­ge an­co­ra og­gi vo­len­tie­ri. So­prat­tut­to per man­can­za di di­scen­ti, im­pos­si­bi­li­ta­ti ad es­ser­lo per la tra­vol­gen­te ri­vo­lu­zio­ne-in­vo­lu­zio­ne dei gior­na­li: boc­cheg­gian­ti ne­gli spa­zi, nei tem­pi, nel­le ven­di­te. Pa­do­va leg­ge­va Co­mel­lo con il pia­ce­re de­di­ca­to al­la let­tu­ra e non so­lo all’in­for­ma­zio­ne. Per tem­po e giu­sta­men­te, l’ha no­mi­na­to tra i suoi «cit­ta­di­ni il­lu­stri» con tan­to di me­da­glia, ol­tre agli ov­vi pre­mi «Pen­na d’oca» e «Una vi­ta da cro­ni­sta». Ep­pu­re un po’ di mu­se­ruo­la il drui­do Co­mel­lo l’ave­va. Lo ca­pia­mo ades­so, che con que­sto suo li­bro se l’è tol­ta, e viag­gia an­cor più li­be­ro con la sua fan­ta­sia. Tan­to da al­lon­ta­nar­si dal­la ter­ra e vi­ve­re gli spa­zi ce­le­sti: ma ri­go­ro­sa­men­te in com­pa­gnia di tre gat­te caf­fet­tie­re, una stre­ga dal­le mol­te­pli­ci vi­te e tor­nan­do ap­pe­na può ai ri­cor­di e agli ami­ci ter­re­stri. Co­sì l’uma­no ed il po­st uma­no si me­sco­la­no in un tour­bil­lon di vi­sio­ni, rac­con­ti, sen­sa­zio­ni sen­za l’ob­bli­go dell’in­ci­pit e del­la con­clu­sio­ne, in un cro­giuo­lo che met­te in­sie­me la vi­ta e l’al­di­là. An­co­ra una vol­ta, l’idea ba­se è quel­la del­la li­ber­tà: da tut­to, dal de­ter­mi­ni­smo del­le azio­ni, dal vin­co­lo cau­sa-ef­fet­to, per li­brar­si nel tem­po e nel­lo spa­zio, per li­be­rar­si per­fi­no da dio, quel­la lu­ce che è so­lo lu­ce. Co­mel­lo, uo­mo so­lo per ca­so con i pie­di per ter­ra, ne tie­ne uno amo­ro­sa­men­te po­sa­to a Pa­do­va e con l’al­tro si av­ven­tu­ra nel pa­ra­di­so. Ne avreb­be bi­so­gno di un ter­zo, che va ol­tre o a me­tà stra­da: nel suo ama­to uni­ver­so, luo­go di stel­le e bu­chi ne­ri ma an­che di far­fal­le e fio­ri. E di gat­ti, rac­con­ta­ti co­me e me­glio de­gli es­se­ri uma­ni. A pen­sar­ci be­ne Al­do non è un drui­do, è un bar­do. Co­mel­lo è un gat­to­bar­do.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.