Do­naz­zan: «Di­spo­ni­bi­le a can­di­dar­mi»

«So­lo se cit­tà e for­ze di cen­tro­de­stra tro­vas­se­ro un’am­pia sin­te­si sul mio no­me»

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - Da Prima Pagina - Col­li­cel­li

VI­CEN­ZA Le pre­mes­se suo­na­no già co­me un mez­zo an­nun­cio: «Con­si­de­ro Vi­cen­za la mia cit­tà e tut­to quel­lo che po­trò fa­re per la mia cit­tà lo fa­rò».

E pe­rò l’as­ses­so­re re­gio­na­le al La­vo­ro, Ele­na Do­naz­zan, va ol­tre le pre­mes­se e an­nun­cia: «Se la cit­tà e le for­ze di cen­tro­de­stra tro­vas­se­ro un’am­pia sin­te­si sul mio no­me, so­no di­spo­ni­bi­le a can­di­dar­mi». Si can­di­da co­sì ad es­se­re il no­me sul qua­le il cen­tro­de­stra vi­cen­ti­no po­treb­be tro­va­re la qua­dra in vi­sta del­le am­mi­ni­stra­ti­ve del 2018.

VI­CEN­ZA Le pre­mes­se suo­na­no già co­me un mez­zo an­nun­cio: «Con­si­de­ro Vi­cen­za la mia cit­tà e tut­to quel­lo che po­trò fa­re per la mia cit­tà lo fa­rò».

E pe­rò l’as­ses­so­re re­gio­na­le al La­vo­ro, Ele­na Do­naz­zan, va ol­tre le pre­mes­se e an­nun­cia: «Se la cit­tà e le for­ze di cen­tro­de­stra tro­vas­se­ro un’am­pia sin­te­si sul mio no­me, so­no di­spo­ni­bi­le a can­di­dar­mi».

L’espo­nen­te di For­za Ita­lia in Giun­ta re­gio­na­le, 45en­ne bas­sa­ne­se, scen­de di fat­to nell’ago­ne po­li­ti­co cit­ta­di­no e si can­di­da ad es­se­re il no­me sul qua­le il cen­tro­de­stra vi­cen­ti­no po­treb­be tro­va­re la qua­dra in vi­sta del­le pros­si­me ele­zio­ni am­mi­ni­stra­ti­ve del 2018. Il tut­to ad ap­pe­na due gior­ni dal vo­to per le pri­ma­rie di cen­tro­si­ni­stra che ha san­ci­to il can­di­da­to uf­fi­cia­le dell’area po­li­ti­ca di mag­gio­ran­za in Co­mu­ne: Otel­lo Dal­la Ro­sa (Pd). «La sua vit­to­ria de­no­ta la vo­glia di cam­bia­men­to di que­sta cit­tà - af­fer­ma Do­naz­zan - e nel­le pri­ma­rie leg­go un chia­ro se­gna­le di cri­ti­ca da par­te di Vi­cen­za nei con­fron­ti del cen­tro­si­ni­stra che ha go­ver­na­to per die­ci an­ni». In­som­ma, le pri­ma­rie di­ven­ta­no di fat­to il pri­mo da­do lan­cia­to in vi­sta del­le pros­si­me ele­zio­ni nel­la cit­tà del Pal­la­dio.

As­ses­so­re, ora il cen­tro­de­stra co­no­sce il no­me del prin­ci­pa­le av­ver­sa­rio po­li­ti­co al­le pros­si­me ele­zio­ni (Dal­la Ro­sa, ndr).

«Sì, aspet­ta­va­mo que­sto mo­men­to e il can­di­da­to non è da sot­to­va­lu­ta­re. Ma noi stia­mo la­vo­ran­do, da tem­po, per in­di­vi­dua­re un no­me as­sie­me agli al­lea­ti. Que­sta è una fa­se de­li­ca­ta, ci so­no le ele­zio­ni po­li­ti­che di mez­zo e Vi­cen­za è co­mun­que una cit­tà ca­po­luo­go di pro­vin­cia».

Ci so­no già tre can­di­da­ti nell’am­bi­to del cen­tro­de­stra in cit­tà (Fran­ce­sco Ruc­co, Gior­gio Con­te e Ro­ber­to Ciam­bet­ti).

«So­no tut­ti pro­fi­li au­to­re­vo­li, al­cu­ni più co­no­sciu­ti di al­tri, qual­cu­no mol­to spen­di­bi­le per la cit­tà e in li­nea di mas­si­ma tut­ti buo­ni can­di­da­ti. Ades­so è giu­sto che tut­te le li­ste si ani­mi­no e il mio au­spi­cio è che ci sia­no tan­te real­tà a so­me ste­gno di un no­me, che pe­rò sa­rà uno so­lo».

Po­treb­be es­se­re lei? Il suo è tra i più get­to­na­ti nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne in am­bien­ti del cen­tro­de­stra.

«Bi­so­gna es­se­re can­di­da­ti e non can­di­dar­si. Io amo mol­tis­si­mo Vi­cen­za, la con­si­de­ro la mia cit­tà e quel­lo che po­trò fa­re per Vi­cen­za lo fa­rò».

Dun­que sa­reb­be di­spo­ni­bi­le an­che a can­di­dar­si sin­da­co?

«Cer­to. Ma vo­glio pre­ci­sa­re una co­sa: c’è bi­so­gno di una can­di­da­tu­ra che ten­ga in­sie- non so­lo i par­ti­ti del cen­tro­de­stra, ma sap­pia crea­re un’am­pia sin­te­si in un’area mol­to più im­por­tan­te del­la cit­tà. E dun­que in que­sto sen­so il mio non è l’uni­co no­me. An­che per­chè io la­vo­re­rò per Vi­cen­za in ogni ca­so».

Quin­di pen­sa a un cen­tro­de­stra uni­to al­le ele­zio­ni?

«Ci so­no tut­te le con­di­zio­ni per ar­ri­va­re uni­ti e vin­ce­re e so­no con­vin­ta che al­la fi­ne la con­ver­gen­za di tut­te le for­ze po­li­ti­che ci sa­rà, su un uni­co can­di­da­to. La cit­tà ha bi­so­gno di un cam­bia­men­to e le prio­ri­tà so­no quel­le più ti­pi­ca­men­te del cen­tro­de­stra co­me la si­cu­rez­za, da­re pre­ce­den­za ai vi­cen­ti­ni e agli ita­lia­ni in ge­ne­ra­le, pre­sta­re at­ten­zio­ne ai si­ste­mi pro­dut­ti­vi e non ad in­te­res­si eli­ta­ri e ave­re a cuo­re la vi­ta nei quar­tie­ri piut­to­sto del­le ac­ce­zio­ni ra­di­cal­chic dei sa­lot­ti».

Tor­nan­do al cen­tro­si­ni­stra, co­me leg­ge il vo­to del­le pri­ma­rie di do­me­ni­ca?

«C’è sta­ta una gran­de par­te­ci­pa­zio­ne al vo­to e cre­do che sia un bel se­gna­le, di­mo­stra la vo­glia di espri­mer­si del­la gen­te».

E co­me si so­no espres­si i vi­cen­ti­ni se­con­do lei?

«Cre­do che il si­gni­fi­ca­to del vo­to del­le pri­ma­rie sia che Vi­cen­za ha una gran vo­glia di cam­bia­men­to. Ha vin­to un can­di­da­to che non è la per­so­na sul­la qua­le ha pun­ta­to il gros­so del par­ti­to de­mo­cra­ti­co e nep­pu­re il sin­da­co uscen­te. E io ve­do in que­sto una gran­de ma­ni­fe­sta­zio­ne di cri­ti­ca ri­spet­to al cen­tro­si­ni­stra di go­ver­no a Vi­cen­za».

L’as­ses­so­re al la­vo­ro Do­naz­zan è espo­nen­te di For­za Ita­lia in giun­ta re­gio­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.