Ji­ha­di­sta espul­so, il tri­bu­na­le gli le­va la pa­tria po­te­stà sul­la fi­glio­let­ta

Pa­do­va, le vie­ta­va i car­to­ni ani­ma­ti: «Le bra­ve bim­be por­ta­no il ve­lo». De­ca­du­ta la po­te­stà ge­ni­to­ria­le

Corriere del Veneto (Vicenza e Bassano) - - DA PRIMA PAGINA - Po­le­se

PA­DO­VA Nel gen­na­io del 2017 un am­bu­lan­te ma­roc­chi­no di 38 an­ni re­si­den­te a Pa­do­va era sta­to espul­so per­ché in­neg­gia­va al ji­had e al mar­ti­rio. La sua ex mo­glie ha ot­te­nu­to la so­spen­sio­ne del­la po­te­stà ge­ni­to­ria­le dell’uo­mo sul­la fi­glia di 4 an­ni.

PA­DO­VA Nel gen­na­io del 2017 era sta­to espul­so per­ché in­neg­gia­va al ji­had e al mar­ti­rio, era en­tra­to nel mi­ri­no del­la Di­gos di Pa­do­va per­ché so­spet­ta­to di ter­ro­ri­smo e nel prov­ve­di­men­to di espul­sio­ne del Mi­ni­ste­ro de­gli In­ter­ni si par­la­va di lui co­me del ca­po di una cel­lu­la sa­la­fi­ta ope­ran­te nel ter­ri­to­rio na­zio­na­le. Ciò che non si sa­pe­va del­la vi­ta per­so­na­le di I.G., ma­roc­chi­no di 38 an­ni re­si­den­te nel­la cin­tu­ra ur­ba­na di Pa­do­va, è che ave­va cer­ca­to di for­za­re sua fi­glia di so­li quat­tro an­ni a se­gui­re i pre­cet­ti mu­sul­ma­ni più or­to­dos­si e che la mam­ma del­la pic­co­la, una don­na mol­da­va di 31 an­ni, era ter­ro­riz­za­ta che il ma­ri­to por­tas­se con sé la pic­co­la in Ma­roc­co e che non glie­la fa­ces­se più ve­de­re.

Ora non do­vrà più te­me­re: il Tri­bu­na­le dei Mi­no­ri ha de­fi­ni­ti­va­men­te tol­to all’uo­mo la re­spon­sa­bi­li­tà ge­ni­to­ria­le, il ma­roc­chi­no (la cui iden­ti­tà non vie­ne sve­la­ta per tu­te­la­re la bim­ba, ndr) non po­trà più ave­re al­cun con­tat­to con la pic­co­la. L’iter per ar­ri­va­re fi­no a que­sto prov­ve­di­men­to de­fi­ni­ti­vo è sta­to re­la­ti­va­men­te bre­ve da­ta la pe­ri­co­lo­si­tà dell’uo­mo. Tut­to era par­ti­to da quel­la che or­mai è la sua ex mo­glie. Era sta­ta lei a met­te­re la Di­gos di Pa­do­va sul­la stra­da giu­sta, de­nun­cian­do al­la po­li­zia l’at­teg­gia­men­to sem­pre più ri­gi­do del ma­ri­to.

Nel de­cre­to che to­glie de­fi­ni­ti­va­men­te la pa­tria po­te­stà al ma­roc­chi­no è de­scrit­to il cal­va­rio del­la don­na, e an­che del­la pic­co­la di 4 an­ni che in­con­sa­pe­vol­men­te ave­va su­bi­to for­ti pres­sio­ni da par­te del pa­dre. Scri­vo­no i giu­di­ci: «Do­po che la bam­bi­na tra­scor­re il tem­po con il pa­dre (sia­mo al­la fi­ne del 2016 e la cop­pia non vi­ve­va più in­sie­me dal 2012 ndr), ri­fe­ri­sce al­la madre che an­drà in Ma­roc­co, pa­re inol­tre che pres­so il pa­dre non guar­di i car­to­ni ani­ma­ti per­ché si de­ve ascol­ta­re il Co­ra­no, di­ce che le bra­ve bam­bi­ne si ve­sto­no con la ve­ste lun­ga ne­ra e il ve­lo che la­scia sco­per­to il vol­to, in­du­men­ti che le so­no sta­ti re­ga­la­ti dal pa­dre – con­ti­nua­no i ma­gi­stra­ti – di­ce che il pa­dre le ha det­to che le per­so­ne che man­gia­no il ma­ia­le so­no dei ma­ia­li, di­ce al­la madre che lei e i suoi ge­ni­to­ri so­no cat­ti­vi per­ché non so­no mu­sul­ma­ni».

In real­tà, per amo­re la don­na si era con­ver­ti­ta all’Islam quan­do ave­va co­no­sciu­to il ma­roc­chi­no, sal­vo poi ri­tro­var­si se­gre­ga­ta in ca­sa con il per­mes­so di an­da­re so­lo al­la mo­schea. Da qui era­no ini­zia­ti li­ti­gi e di­scus­sio­ni, e il rap­por­to si era in­cri­na­to fi­no al pun­to di se­pa­rar­si. Tut­ta­via la mam­ma la­scia­va che la fi­glia ve­des­se il pa­dre, con­vin­ta dell’im­por­tan­za di quel­la fi­gu­ra ge­ni­to­ria­le. Dal­le fra­si che la bam­bi­na ri­fe­ri­va, pe­rò, ca­pì ben pre­sto il ri­schio che cor­re­va, ov­ve­ro che la follia re­li­gio­sa del ma­ri­to ra­di­ca­liz­za­to por­tas­se sua fi­glia via da lei. È per que­sto che era scat­ta­ta la de­nun­cia, dal­la qua­le era­no ini­zia­te le in­da­gi­ni da par­te del­la po­li­zia, che do­po aver rac­col­to al­tri ele­men­ti a ca­ri­co del 38en­ne, che fa­ce­va l’am­bu­lan­te in cen­tro a Pa­do­va, de­ci­se di av­via­re le pra­ti­che per l’espul­sio­ne.

Do­po aver pre­so at­to di tut­ti que­sti ele­men­ti la don­na, che si era af­fi­da­ta al pe­na­li­sta pa­do­va­no Pie­ri­la­rio Troc­co­lo, ave­va chie­sto che il prov­ve­di­men­to cau­te­la­ti­vo e prov­vi­so­rio ini­zia­le di so­spen­sio­ne del­la pa­tria po­te­stà emes­so nel feb­bra­io del 2017 di­ven­tas­se de­fi­ni­ti­vo. E co­sì è sta­to, nel set­tem­bre suc­ces­si­vo il Tri­bu­na­le dei Mi­no­ri ha di fat­to sta­bi­li­to che l’uo­mo do­vrà te­ner­si per sem­pre lon­ta­no dal­la bam­bi­na. L’at­to del tri­bu­na­le di Pa­do­va del giu­gno del 2018, che sta­bi­li­sce lo scio­gli­men­to del ma­tri­mo­nio tra i due co­niu­gi, ri­ba­di­sce an­co­ra una vol­ta il ca­rat­te­re de­fi­ni­ti­vo del prov­ve­di­men­to di de­ca­den­za del­la re­spon­sa­bi­li­tà ge­ni­to­ria­le del­lo stra­nie­ro ma lo ob­bli­ga a prov­ve­de­re al­le spe­se del­la bam­bi­na, con 200 eu­ro al me­se che do­vran­no ar­ri­va­re al­la mam­ma fi­no a quan­do la pic­co­la non di­ven­te­rà una don­na au­to­no­ma e in­di­pen­den­te. Pro­prio quel ti­po di don­na che il fon­da­men­ta­li­smo ra­di­ca­le ten­ta in ogni mo­do di sof­fo­ca­re.

L’ac­cu­sa L’uo­mo fu espul­so nel 2017 per­ché con­si­de­ra­to a ca­po di una cel­lu­la sa­la­fi­ta il tri­bu­na­le A giu­gno il tri­bu­na­le ha sciol­to il ma­tri­mo­nio Al­la mo­glie de­ve ver­sa­re 200 eu­ro al me­se

An­ti­ter­ro­ri­smo Il ma­roc­chi­no fu espul­so nel gen­na­io del 2017 da Pa­do­va

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.