La ca­ri­ca di Pi­not­ti: Ber­ga­mo­bi­ci in cri­si ma la pas­sio­ne re­si­ste

Pi­not­ti: «Che pec­ca­to non ve­de­re da an­ni ci­cli­sti ber­ga­ma­schi al top Ma al pas­sag­gio del­la Corsa la no­stra ter­ra fa­rà sen­ti­re il suo ca­lo­re per le due ruo­te»

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Do­na­tel­la Ti­ra­bo­schi

«Ca­vo­lo, mi so­no det­to. So­no ses­sant’an­ni che un ber­ga­ma­sco non man­ca al Gi­ro. Se non c’è nes­su­no mi ri­met­to in sel­la io». Pas­sa­no gli an­ni e i Gi­ri, ma il can­do­re spon­ta­neo di Mar­co Pi­not­ti non sbia­di­sce. È sem­pre di un ro­sa in­ten­sis­si­mo co­me i ri­cor­di del­la Corsa che lo ac­com­pa­gna­no.

Set­te Gi­ri pe­da­la­ti a pie­ni pol­mo­ni val­go­no un set­te­bel­lo di ri­cor­di so­vra­sta­ti dal più bel­lo di tut­ti, quel­lo del 2010 quan­do vin­se l’ultima tap­pa con la sua spe­cia­li­tà; far cor­re­re il ven­to sul­la fac­cia. Ma an­che il 2007 fu a suo mo­do epi­co, 4 gior­ni in ma­glia ro­sa. Ades­so che al Gi­ro ci an­drà su un’am­mi­ra­glia, quel­la del­la Bmc di cui è di­ven­ta­to ap­prez­za­to al­le­na­to­re, i sentimenti dell’in­ge­gne­re di Osio Sot­to so­no, per sua stes­sa am­mis­sio­ne, «agro­dol­ci». I dol­ci so­no fa­ci­li da spie­ga­re, ma quel­li agri? Pi­not­ti ri­de. «Li ho pro­va­ti una set­ti­ma­na fa, al­la se­ra­ta di ga­la del­le tap­pe ber­ga­ma­sche». Tut­ta «col­pa» dell’amar­cord gra­zie a cui so­no fi­ni­ti sul pal­co tut­te le glo­rie di Ber­ga­mo­bi­ci, de­ci­ne di ex pro­fes­sio­ni­sti che han­no fat­to la sto­ria del ciclismo.

«È un ram­ma­ri­co enor­me con­sta­ta­re che le le­ve ci­cli­sti­che di un tem­po non ci so­no più», at­tac­ca «Pi­no». Per­ché se è pur ve­ro, co­me ha ri­fe­ri­to il nu­me­ro due di Fe­der­ci­cli­smo Mi­chè­le Gam­ba, che il mo­vi­men­to oro­bi­co tie­ne al­la ba­se, il pro­ble­ma emer­ge quan­do la «pi­ra­mi­de» si as­sot­ti­glia. Que­sto si­gni­fi­ca che del­le cen­ti­na­ia di «gio­va­nis­si­mi», so­lo po­chi superstiti ap­pro­da­no al­la ca­te­go­ria Ju­nio­res. E i so­gni tra chi cal­cia un pal­lo­ne e chi pe­da­la se­gna­no, a quell’età, un di­va­rio in­col­ma­bi­le. «En­tra­no in gio­co tan­te va­ria­bi­li fi­si­che e psi­co­lo­gi­che ed è dif­fi­ci­le per un ra­gaz­zo pre­ve­de­re il fu­tu­ro. Per­ché — pro­se­gue Pi­not­ti — se la stra­da di un gio­va­ne cal­cia­to­re è più o me­no se­gna­ta da un ri­co­no­sci­men­to di ta­len­to e fi­si­ci­tà, per un ci­cli­sta que­sto non av­vie­ne. La ma­tu­ra­zio­ne può ri­chie­de­re tem­pi più lun­ghi. Si può ar­ri­va­re, co­me nel mio ca­so, do­po i 25 an­ni, men­tre c’è chi co­me Sa­gan o Sa­ron­ni, già a vent’an­ni fa­ce­va sfra­cel­li. Oc­cor­re ac­com­pa­gna­re un per­cor­so di cre­sci­ta con una pa­zien­za che mol­ti non han­no».

Mo­ra­le: i più im­pa­zien­ti si per­do­no per stra­da e, sen­za pun­te ago­ni­sti­che a far da trai­no, an­che la tra­di­zio­ne ago­ni­sti­ca più glo­rio­sa po­treb­be sfi­lac­ciar­si. La pas­sio­ne, quel­la, in­ve­ce è in­tat­ta. Pi­not­ti è si­cu­ro: «La ri­tro­ve­re­mo sul­le no­stre stra­de nel­la tap­pa che por­te­rà la Ca­ro­va­na a Ber­ga­mo. Sa­rà qual­co­sa di spet­ta­co­la­re, per­ché la no­stra gen­te fa­rà di­ven­ta­re quell’ul­ti­mo trat­to uno sta­dio. Ro­ba da brivido. Il gior­no do­po, in­ve­ce, bi­so­gne­rà guar­da­re in fac­cia le mon­ta­gne con un oc­chio al me­teo: i più for­ti ter­ran­no una me­dia di 30 all’ora. Sa­ran­no 7 ore in sel­la, spe­ran­do che non ne­vi­chi e non fac­cia trop­po fred­do». Il Pi­not­ti-pro­no­sti­co è pre­sto fat­to: Quin­ta­na su tut­ti, e su­bi­to die­tro Ni­ba­li, ora sen­za il fi­do scu­die­ro Va­not­ti, in una squa­dra tut­ta nuo­va. «È più sua, è sta­ta fat­ta su di lui, ma è un am­bien­te nuo­vo a cui for­se si de­ve an­co­ra adat­ta­re».

Cre­sci­ta Per un ra­gaz­zo è dif­fi­ci­le pre­ve­de­re se sa­rà un buon ci­cli­sta. La ma­tu­ra­zio­ne può ri­chie­de­re tem­pi lun­ghi, ser­ve pa­zien­za

Pro­no­sti­co Il mio fa­vo­ri­to per la clas­si­fi­ca ge­ne­ra­le è Quin­ta­na. Su­bi­to die­tro Ni­ba­li, ha una squa­dra tut­ta nuo­va e si de­ve an­co­ra adat­ta­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.