Hpv, il pri­mo far­ma­co che vac­ci­na con­tro il can­cro

Remuzzi: il pa­pil­lo­ma nel 2017, so­lo in Ita­lia, uc­ci­de­rà 2.900 don­ne. A Ber­ga­mo la co­per­tu­ra sul­le un­di­cen­ni è dell’80%

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - D.T.

«Que­sta è la pri­ma vol­ta che la scien­za ha tro­va­to un far­ma­co che vac­ci­na con­tro il can­cro. In­sie­me una gran­de no­ti­zia e una gran­de spe­ran­za»: co­sì il pro­fes­sor Giu­sep­pe Remuzzi (nel­la fo­to) do­po la po­le­mi­ca sul ser­vi­zio del­la tra­smis­sio­ne «Re­port» sul vac­ci­no an­ti Hpv.

«È un vi­rus che, so­lo in Ita­lia, nel 2017 uc­ci­de­rà 2.900 don­ne. E quan­do si par­la di sa­lu­te non si scher­za». Di que­sto kil­ler, il pa­pil­lo­ma vi­rus, che que­st’an­no uc­ci­de­rà die­ci vol­te più del ter­re­mo­to del Cen­tro Ita­lia di un an­no fa, par­la il pro­fes­sor Giu­sep­pe Remuzzi, ri­cer­ca­to­re e coor­di­na­to­re del­le ri­cer­che dell’Isti­tu­to Ma­rio Ne­gri di Ber­ga­mo, do­po che lo scor­so lu­ne­dì ne ha par­la­to «Re­port». Al cen­tro del­la no­ta tra­smis­sio­ne di Rai Tre (e del­la con­se­guen­te bu­fe­ra) il vac­ci­no Hpv che, pro­prio con­tro il pa­pil­lo­ma kil­ler, con­tra­sta lo svi­lup­po di tu­mo­ri al col­lo dell’ute­ro. La co­per­tu­ra vac­ci­na­le an­ti Hpv in Lom­bar­dia è del 67,4 per cen­to e Ber­ga­mo è net­ta­men­te avan­ti la me­dia re­gio­na­le con per­cen­tua­li sul­le un­di­cen­ni ber­ga­ma­sche che ve­leg­gia in­tor­no all’80%. An­ti­ci­pa­to dal­la pre­mes­sa del con­dut­to­re Sig­fri­do Ra­nuc­ci: «I vac­ci­ni so­no la sco­per­ta più im­por­tan­te del­la prevenzione sa­ni­ta­ria de­gli ul­ti­mi 300 an­ni», il ser­vi­zio ti­to­la­va «Reazioni Av­ver­se».

Ma co­sa so­no que­ste «reazioni av­ver­se» al vac­ci­no?

«In que­sto ca­so so­no i pa­re­ri di al­cu­ne ragazze che han­no ri­fe­ri­to peg­gio­ra­men­ti del­le lo­ro con­di­zio­ni di sa­lu­te do­po la vac­ci­na­zio­ne. Pa­re­ri rac­col­ti sen­za al­cu­na scien­ti­fi­ci­tà, che in­ve­ce ri­man­da la va­lu­ta­zio­ne dei fat­ti a la­vo­ri pub­bli­ca­ti su ri­vi­ste in­ter­na­zio­na­li». Che co­sa di­co­no? «Nel pri­mo la­vo­ro, del 2016, so­no sta­te pre­se in esa­me 13 pub­bli­ca­zio­ni, con 4.500 per­so­ne vac­ci­na­te e al­tre 3.500 non vac­ci­na­te. Gli ef­fet­ti ne­ga­ti­vi rav­vi­sa­ti so­no sta­ti do­lo­ri nel­la se­de del­le inie­zio­ni. Nell’al­tro, ri­por­ta­to da una pub­bli­ca­zio­ne in­ter­na­zio­na­le sul­la si­cu­rez­za del far­ma­co, re­cen­tis­si­ma, si re­gi­stra il 10% di do­lo­ri nel­la se­de di inie­zio­ne e al­cu­ne pa­to­lo­gie — ton­sil­li­ti, ga­stroen­te­ri­ti e 4 abor­ti — che i me­di­ci cu­ran­ti non han­no, pe­rò, at­tri­bu­to al vac­ci­no. Que­sta è la ca­si­sti­ca su ol­tre 3 mi­la don­ne co­rea­ne se­gui­te per 6 an­ni».

Per sem­pli­fi­ca­re: si può ave­re il mal di pan­cia per al­tri mo­ti­vi e non per­ché si è fat­to il vac­ci­no...

«Il vac­ci­no è sta­to iniet­ta­to, in que­sti an­ni, su mi­lio­ni di per­so­ne, con le pa­to­lo­gie tra le più di­spa­ra­te, le più ba­na­li. Il me­di­co de­ve poi de­ci­de­re se ri­por­ta­re que­sti sin­to­mi al vac­ci­no, fer­mo re­stan­do che pos­so­no in­sor­ge­re an­che sug­ge­stio­ni psi­co­lo­gi­che. Non c’è nul­la di quel­lo che è sta­to vi­sto

Nul­la in me­di­ci­na ha sal­va­to tan­te vi­te quan­to i vac­ci­ni

in tra­smis­sio­ne che pos­sa es­se­re ri­con­dot­to a una rea­zio­ne av­ver­sa al vac­ci­no an­ti Hpv».

Tre mo­ti­vi per cui vac­ci­na­re una bam­bi­na.

«Non so­lo fem­mi­ne, ma an­che maschi, per­ché pu­re lo­ro pos­so­no con­trar­re l’in­fe­zio­ne e tra­smet­ter­la. Tan­to per co­min­cia­re, il vi­rus è co­mu­ne, si tra­smet­te per via ses­sua­le. Nel­la mag­gior par­te dei ca­si non è pe­ri­co­lo­so, pe­rò ci so­no ca­si in cui può por­ta­re al­lo svi­lup­po di tu­mo­ri del col­lo dell’ute­ro o di in­fe­zio­ni cro­ni­che. L’ef­fi­ca­cia è di­mo­stra­ta dal fat­to che da quan­do c’è que­sta vac­ci­na­zio­ne, nel­le gio­va­ni don­ne, le in­fe­zio­ni da cep­pi che pos­so­no cau­sa­re i tu­mo­ri, è di­mi­nui­ta del 90%».

I vac­ci­ni so­no un ter­re­no di scon­tro...

«Non sia­mo più abi­tua­ti a fron­teg­gia­re le ma­lat­tie in­fet­ti­ve. Un tem­po le per­so­ne era­no ter­ro­riz­za­te, un po’ co­me cer­te mam­me che cor­ro­no a vac­ci­na­re i fi­gli do­po aver sen­ti­to di ca­si di me­nin­gi­te. Og­gi che va­io­lo, ti­fo e po­lio “non ci so­no più” uno pen­sa: ma che mi vac­ci­no a fa­re? Ma non c’è nul­la in me­di­ci­na che ha sal­va­to tan­te vi­te quan­to i vac­ci­ni».

L’Ame­ri­ca sta lan­cian­do l’al­lar­me: in Ita­lia c’è il mor­bil­lo...

«Cer­te ma­lat­tie si re­pu­ta­no de­bel­la­te. Non ci si vac­ci­na più e que­ste poi ri­tor­na­no, co­me ap­pun­to il mor­bil­lo. In­fi­ne, non di­men­ti­chia­mo una co­sa im­por­tan­tis­si­ma: che que­sta è la pri­ma vol­ta che la scien­za ha tro­va­to un far­ma­co che vac­ci­na con­tro il can­cro. In­sie­me una gran­de no­ti­zia e una gran­de spe­ran­za».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.