Pd, stop a Go­ri: «Ba­sta pe­sca­re tra i tes­se­ra­ti»

I pa­let­ti del par­ti­to al can­di­da­to go­ver­na­to­re dem

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Bian­co

Cre­sce una cer­ta ten­sio­ne nel Pd di Ber­ga­mo sui no­mi che cir­co­la­no per i pos­si­bi­li can­di­da­ti nel­la Li­sta Go­ri, o me­glio nel­le for­ma­zio­ni (che si an­nun­cia­no due) ispi­ra­te di­ret­ta­men­te dal can­di­da­to pre­si­den­te. Nic­co­lò Carretta, con­si­glie­re co­mu­na­le, o Enea Ba­gi­ni, sin­da­co di Ci­se­ra­no in pri­ma li­nea sul ca­so Zin­go­nia, so­no in­fat­ti tes­se­ra­ti del par­ti­to. Ed è dif­fi­ci­le, per il par­ti­to, na­scon­de­re un cer­to di­sa­gio, no­no­stan­te il man­tra uf­fi­cia­le sia con­cen­tra­to sul­la ne­ces­si­tà di «li­ste com­pe­ti­ti­ve». Fi­no a Na­ta­le, co­mun­que, il to­to can­di­da­ti pro­se­gui­rà, sen­za pun­ti fer­mi. Sia nel Par­ti­to De­mo­cra­ti­co, sia nel cen­tro­de­stra. In cam­po, per la Le­ga, po­treb­be es­ser­ci il con­si­glie­re co­mu­na­le di Ber­ga­mo Al­ber­to Ri­bol­la, pro­ba­bil­men­te non man­che­rà l’as­ses­so­re re­gio­na­le Clau­dia Ter­zi, ma spun­ta an­che il sin­da­co di Spi­ra­no Gio­van­ni Ma­lan­chi­ni. Pos­si­bi­le, inol­tre, che Da­ni­lo Mi­nu­ti cor­ra per la Li­sta Ma­ro­ni. Per il can­di­da­to go­ver­na­to­re dei cin­que­stel­le cor­re, in­ve­ce, il ber­ga­ma­sco Da­rio Vio­li.

Sa­rà un Na­ta­le con not­ti in bian­co per i se­gre­ta­ri dei par­ti­ti e gli aspi­ran­ti can­di­da­ti al­le pros­si­me ele­zio­ni. I gio­chi per le li­ste si de­fi­ni­ran­no in mo­do pre­ci­so pro­prio a ca­val­lo di fi­ne an­no. È ve­ro che le ma­no­vre so­no già ini­zia­te — e che per al­cu­ni no­mi so­no qua­si fat­te — ma man­ca­no al­me­no tre ele­men­ti per po­ter tra­sfor­ma­re le ipo­te­si in can­di­da­tu­re ben pre­ci­se: la da­ta del­le ele­zio­ni, la nuo­va leg­ge elet­to­ra­le re­gio­na­le e la ri­par­ti­zio­ne dei col­le­gi per le po­li­ti­che.

Il Pd e le li­ste di Go­ri

Se è trop­po pre­sto per ra­gio­na­re sul­le li­ste per il Par­la­men­to, c’è una ta­bel­la di mar­cia per le Re­gio­na­li. Po­sto che i due con­si­glie­ri uscen­ti, Ma­rio Bar­bo­ni e Ja­co­po Scan­del­la, sa­ran­no can­di­da­ti, in­sie­me al pre­si­den­te del­la Pro­vin­cia Mat­teo Ros­si, toc­ca ai di­ver­si ter­ri­to­ri espri­me­re al­tri no­mi. Per Ber­ga­mo do­vreb­be es­se­re quel­lo di Mar­zia Mar­che­si, pre­si­den­te del con­si­glio co­mu­na­le. Nel­la Bassa le co­se sa­ran­no un po’ più com­pli­ca­te per­ché il cir­co­lo più gros­so, quel­lo di Tre­vi­glio, ha ge­ne­ra­to ta­li im­ba­raz­zi al par­ti­to ne­gli ul­ti­mi an­ni da es­se­re so­stan­zial­men­te esclu­so dai gio­chi. Più per pre­cau­zio­ne che per pu­ni­zio­ne.

La leg­ge re­gio­na­le in­tro­dur­rà mol­to pro­ba­bil­men­te la dop­pia pre­fe­ren­za di ge­ne­re. In que­sto ca­so il nu­me­ro del­le can­di­da­tu­re per li­sta in pro­vin­cia di Ber­ga­mo po­treb­be sa­li­re da no­ve a die­ci, for­se do­di­ci. Con tre no­mi di pe­so già in cam­po, gli al­tri ri­schia­no di fa­re nu­me­ro. An­che per­ché in pa­ral­le­lo si sta svi­lup­pan­do il la­vo­ro per le li­ste ci­vi­che, quel­la col no­me di Gior­gio Go­ri e quel­la con gli am­mi­ni­stra­to­ri lo­ca­li. Sia nel pri­mo che nel se­con­do ca­so ci so­no già due no­mi, ri­spet­ti­va­men­te Nic­co­lò Carretta (con­si­glie­re co­mu­na­le in cit­tà per la Li­sta Go­ri) ed Enea Ba­gi­ni (sin­da­co di Ci­se­ra­no) con tes­se­ra del Pd. Sia a li­vel­lo re­gio­na­le che pro­vin­cia­le, l’ac­cor­do con Go­ri è che que­ste ri­man­ga­no ec­ce­zio­ni: le ci­vi­che le­ga­te al can­di­da­to go­ver­na­to­re non do­vran­no più pe­sca­re tra gli iscrit­ti de­mo­cra­ti­ci. «L’im­por­tan­te è fa­re li­ste com­pe­ti­ti­ve, per­ché l’im­por­tan­te è vin­ce­re», è il man­tra nel Pd. La ve­ri­tà pe­rò è che le can­di­da­tu­re di Carretta e Ba­gi­ni in­fa­sti­di­sco­no non po­co chi do­vrà cer­ca­re

vo­ti nel­la stes­sa area po­li­ti­ca e nel­le stes­se zo­ne del­la pro­vin­cia. Da qui i pa­let­ti po­sti a Go­ri.

Fi­no a Na­ta­le va­le tut­to an­che nel cen­tro­de­stra. I no­mi cir­co­la­ti nel­le ul­ti­me set­ti­ma­ne so­no cre­di­bi­li. Tra i le­ghi­sti, ad esem­pio, Clau­dia Ter­zi, Si­mo­na Per­gref­fi, Gio­van­ni Ma­lan­chi­ni, Al­ber­to Ri­bol­la, To­ni Iwo­bi han­no al­te pos­si­bi­li­tà di es­se­re can­di­da­ti ma è an­co­ra trop­po pre­sto per ca­pi­re do­ve: po­li­ti­che o re­gio­na­li? Di­pen­de­rà mol­to dal nu­me­ro di col­le­gi ber­ga­ma­schi per l’uni­no­mi­na­le e dall’ac­cor­do che si

tro­ve­rà con For­za Ita­lia per la di­stri­bu­zio­ne sul ter­ri­to­rio del­le can­di­da­tu­re. Gli az­zur­ri, che al­le po­li­ti­che co­mun­que avran­no spa­zi più ri­stret­ti ri­spet­to al Car­roc­cio in pro­vin­cia, han­no un po’ me­no scel­ta. Al mo­men­to Ales­san­dro Sor­te e Gre­go­rio Fon­ta­na so­no de­sti­na­ti a tor­na­re ri­spet­ti­va­men­te in Re­gio­ne e a Roma, per il re­sto si ve­drà.

Una va­ria­bi­le è rap­pre­sen­ta­ta dal­la Li­sta Ma­ro­ni, che si ri­pre­sen­te­rà al­le re­gio­na­li. Mol­to pro­ba­bi­le la ri­can­di­da­tu­ra di La­ra Ma­go­ni. Il pos­si­bi­le in­se­ri­men­to di Da­ni­lo Mi­nu­ti nel­la for­ma­zio­ne le­ga­ta al go­ver­na­to­re uscen­te crea qual­che so­vrap­po­si­zio­ne nell’area di de­stra cit­ta­di­na. L’ex sin­da­co Fran­co Ten­to­rio ha fat­to da me­dia­to­re con Ma­ro­ni per da­re al suo ex as­ses­so­re la pos­si­bi­li­tà di cor­re­re. Que­sto po­treb­be spo­sta­re un po’ di vo­ti fuori dall’area di Fra­tel­li d’Ita­lia, che co­mun­que fa­rà una li­sta di età me­dia ab­ba­stan­za bassa, pe­scan­do tra i fra­tel­li An­drea e Ar­ri­go Tre­ma­glia, i due coor­di­na­to­ri Da­nie­le Zuc­chi­na­li e Giu­lia­no Ver­di, la tre­vi­glie­se Va­len­ti­na Tu­gno­li.

Sul­lo sfon­do di tut­to que­sto c’è la cit­tà. Se ne par­le­rà con­cre­ta­men­te so­lo do­po il vo­to di pri­ma­ve­ra. A quel pun­to si ca­pi­rà se esi­ste sul­la piaz­za di Ber­ga­mo un no­me cre­di­bi­le dal mondo del­le pro­fes­sio­ni o dell’im­pren­di­to­ria, un pro­fi­lo non trop­po le­ga­to ai par­ti­ti. In ca­so con­tra­rio, sa­ran­no pri­ma­rie.

I cin­que­stel­le

Nel gi­ro di qual­che gior­no sa­rà in­ve­ce no­to il no­me del can­di­da­to go­ver­na­to­re del Mo­vi­men­to 5 stel­le. In cor­sa c’è an­che Da­rio Vio­li, con­si­glie­re re­gio­na­le uscen­te. Ma è cer­to che al­tri ber­ga­ma­schi si sia­no pro­po­sti al­le pri­ma­rie on li­ne, sul­le qua­li al mo­men­to il M5S man­tie­ne la mas­si­ma ri­ser­va­tez­za. Ol­tre all’in­di­ca­zio­ne di un no­me per sfi­da­re Ma­ro­ni e Go­ri, le re­gio­na­rie da­ran­no un pri­mo elen­co di can­di­da­ti per il con­si­glio re­gio­na­le e, di con­se­guen­za, di mi­li­tan­ti che non po­tran­no poi con­cor­re­re per i po­sti in Par­la­men­to.

La con­cor­ren­za Nel Pd c’è in­sof­fe­ren­za per i no­mi in cam­po con le ci­vi­che: «Ma con­ta so­lo vin­ce­re»

Il sin­da­co Enea Ba­gi­ni gui­da il Co­mu­ne di Ci­se­ra­no, in cor­sa per la Li­sta Go­ri

Il con­si­glie­re Da­rio Vio­li è in cor­sa per can­di­dar­si co­me go­ver­na­to­re del M5S

Ex as­ses­so­re Da­ni­lo Mi­nu­ti, li­sta Ten­to­rio, po­treb­be cor­re­re per Ma­ro­ni

Il Car­roc­cio Al­ber­to Ri­bol­la è con­si­glie­re del­la Le­ga da due man­da­ti

Pre­si­den­te Mar­zia Mar­che­si (Pd) pre­sie­de il con­si­glio co­mu­na­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.