Il su­per reat­to­re in viag­gio tra fiu­mi e na­vi

Par­ti­to dal­la Fbm Hud­son per l’Asia: «Co­sti di lo­gi­sti­ca trop­po al­ti»

Corriere della Sera (Bergamo) - - DA PRIMA PAGINA - Di Do­na­tel­la Ti­ra­bo­schi

Pe­sa 400 ton­nel­la­te ed è lun­go più di 60 me­tri: so­no que­ste le di­men­sio­ni del su­per reat­to­re pro­dot­to dal­la Fbm Hud­son di Ter­no d’Iso­la che ie­ri è par­ti­to al­la vol­ta dell’Asia (de­sti­na­zio­ne top se­cret). Viag­ge­rà su una chiat­ta sul Po per poi rag­giun­ge­re una na­ve.

Il viag­gio che lo por­te­rà a de­sti­na­zio­ne, tra più di due me­si, in una lo­ca­li­tà asia­ti­ca top se­cret, è co­min­cia­to ie­ri se­ra al­le 23 quan­do si so­no chiu­si i can­cel­li del­la Fbm Hud­son Ita­lia­na di Ter­no d’Iso­la. La «be­stia», co­me è sta­to bat­tez­za­to, un reat­to­re nel cui in­ter­no si sno­da un la­bi­rin­to di al­ta in­ge­gne­ria (an­che que­sto top se­cret) do­ve av­ven­go­no rea­zio­ni chi­mi­che di so­stan­ze (co­me il me­ta­no­lo), ha im­pie­ga­to una gior­na­ta in­te­ra per pas­sa­re, su una di­stan­za di 100 me­tri, dal ca­pan­no­ne al can­cel­lo e dal can­cel­lo al piaz­za­le pri­ma di muo­ver­si in stra­da, con un tra­spor­to che più ec­ce­zio­na­le di co­sì non si può. Se un con­vo­glio lun­go ses­san­ta me­tri, al­to sei e con un pe­so di 400 ton­nel­la­te può es­se­re pa­ra­go­na­to a qual­co­sa, si po­treb­be pen­sa­re ad un mez­zo con­do­mi­nio viag­gian­te, tan­to che an­che le Ferrovie del­lo Sta­to, in tar­da se­ra­ta, so­no in­ter­ve­nu­te con mez­zi spe­cia­li per al­za­re i ca­vi del­le li­nee e riu­sci­re a far­ce­lo pas­sa­re sot­to.

Tra il so­pra dei ca­val­ca­via e il sot­to dei ca­vi elet­tri­ci un tran­si­to del ge­ne­re, pun­ta di un iceberg di un’in­du­stria mec­ca­ni­ca dal know how che tut­to il mon­do in­vi­dia, è una co­sa com­pli­ca­ta. Il con­vo­glio è di­ret­to a Mar­ghe­ra ma, cau­sa ina­gi­bi­li­tà di un pa­io di pon­ti, in par­ti­co­la­re quel­lo di Pon­te Mo­li­no sul Tar­ta­ro, tra Lom­bar­dia e Ve­ne­to è co­stret­to a de­via­re ver­so Man­to­va, al por­to di Val­da­ro. Qui la «be­stia» ver­rà mes­sa su una chiat­ta e via ca­na­le rag­giun­ge­rà Mar­ghe­ra: il viag­gio, tra gom­ma e ac­qua, du­re­rà non me­no di due set­ti­ma­ne.

«Ma più che una questione di tem­pi — evi­den­zia con mal­ce­la­ta pre­oc­cu­pa­zio­ne Se­con­do Fu­stel­la, ge­ne­ral ma­na­ger di Fbm Hud­son Ita­lia­na — so­no i co­sti che lie­vi­ta­no in mo­do paz­ze­sco. Per un trans­fer co­me que­sto, si va dai 200 ai 300 mi­la eu­ro». Un’in­ci­den­za che sul co­sto del ma­nu­fat­to, dai 5 ai 6 mi­lio­ni, è, dal pun­to di vi­sta in­du­stria­le, trop­po al­ta, ol­tre il dop­pio di quel­lo che si spen­de­reb­be se tut­to fi­las­se li­scio. E cioè se il tran­si­to su gom­ma fos­se ga­ran­ti­to dal­la par­ten­za all’ar­ri­vo. Ma lo sno­do fon­da­men­ta­le do­ve pas­sa­no le mer­ci dell’in­du­stria del­la cal­da­re­ria di tut­to il Nord Ita­lia, il Pon­te Mo­li­no, è sta­to chiu­so dall’Anas ai tra­spor­ti ec­ce­zio­na­li do­po i crol­li di Lecco e di An­co­na. «Pur­trop­po que­sto fat­to­re del­la via­bi­li­tà è un cap­pio al col­lo che ci sta fa­cen­do per­de­re com­pe­ti­ti­vi­tà nel­la fa­se fi­na­le — pro­se­gue il ma­na­ger — e in un mer­ca­to in­ter­na­zio­na­le co­me il no­stro, con gros­si clien­ti che ope­ra­no nell’am­bi­to dell’oil&gas, la lo­gi­sti­ca è un fat­to­re stra­te­gi­co».

Fu­stel­la rac­con­ta de­gli in­con­tri con i clien­ti top: «Che si met­to­no a ri­de­re. Guar­da­no la car­ti­na dell’Ita­lia e chie­do­no: tra Ber­ga­mo e Mar­ghe­ra ci so­no le mon­ta­gne? Cer­to che no, ri­spon­do io. Ci re­sto ma­lis­si­mo, e a que­sto pun­to, ri­ve­lan­do co­me stan­no le co­se, con una via­bi­li­tà in­ter­rot­ta, i clien­ti si fan­no l’idea di un’Ita­lia do­ve le co­se non fun­zio­na­no. Di col­po, e pro­prio per col­pa del­la lo­gi­sti­ca, per­dia­mo quel­la com­pe­ti­ti­vi­tà che nes­sun al­tro co­strut­to­re al mon­do può van­ta­re. In no­me di che co­sa dob­bia­mo abiu­ra­re la no­stra ec­cel­len­za?». L’en­gi­nee­ring, in­som­ma, si va­ni­fi­ca. «Per­ché non ci fan­no più par­te­ci­pa­re ai ban­di, pre­fe­ren­do si­ti pro­dut­ti­vi vi­ci­ni al ma­re, ad esem­pio ne­gli Emi­ra­ti Ara­bi, sen­za que­ste dif­fi­col­tà».

Ma sa­reb­be una scia­gu­ra an­che so­lo la de­lo­ca­liz­za­zio­ne a Mar­ghe­ra per i 250 di­pen­den­ti che la­vo­ra­no nel si­to di Ter­no, su 4 ca­pan­no­ni e 150 mi­la me­tri qua­dra­ti. Tem­po tre me­si e qui ver­rà sfor­na­to il fra­tel­lo­ne del­la «be­stia», un reat­to­re «be­stio­ne», più gran­de del 30% ri­spet­to al pri­mo pez­zo.

Il gri­do d’al­lar­me I pon­ti non reg­go­no il pe­so del tra­spor­to «Co­sì per­dia­mo com­pe­ti­ti­vi­tà»

❞ Trop­pe dif­fi­col­tà e co­sì al­ti, co­sì ci ven­go­no pre­fe­ri­ti si­ti pro­dut­ti­vi vi­ci­ni al ma­re che non pre­sen­ta­no que­ste com­pli­ca­zio­ni sul pia­no lo­gi­sti­co Se­con­do Fu­stel­la Ge­ne­ral ma­na­ger di Fbm Hud­son Ita­lia­na

La «be­stia» Co­sì è sta­to so­pran­no­mi­na­to il reat­to­re par­ti­to ie­ri se­ra dal­la Fbm Hud­son di Ter­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.