Pa­si­ni: non c’è fu­tu­ro sot­to­pa­gan­do i la­vo­ra­to­ri

Giu­sep­pe Pa­si­ni: «Il­le­ga­li­tà vuol dire con­cor­ren­za slea­le. Ba­sta sot­to­pa­ga­re gli ope­rai»

Corriere della Sera (Brescia) - - Da Prima Pagina - Di Tho­mas Ben­di­nel­li

Con­fron­to a più vo­ci ie­ri tra gli in­du­stria­li Giu­sep­pe Pa­si­ni (Aib, nel­la fo­to) e Dou­glas Si­vie­ri (Api) e i se­gre­ta­ri di Cgil, Ci­sl e Uil. Pa­si­ni: «Non c’è fu­tu­ro se si sot­to­pa­ga­no i la­vo­ra­to­ri».

Sa­rà che a fi­ne lu­glio c’è vo­glia di fe­rie, sa­rà che il di­bat­ti­to si è te­nu­to all’in­ter­no di una fe­sta, quel­la del­la Cgil in cor­so a Col­le­bea­to, re­sta che l’in­con­tro pub­bli­co di ie­ri se­ra tra i tre se­gre­ta­ri ge­ne­ra­li di Cgil, Ci­sl, Uil e i due pre­si­den­ti di Aib e Apin­du­stria ha avu­to qua­si so­lo no­te di sin­to­nia co­mu­ne che non mo­ti­vi di con­tra­sto.

Il neo pre­si­den­te Aib Giu­sep­pe Pa­si­ni — alla sua prima usci­ta pub­bli­ca — ha ad­di­rit­tu­ra strap­pa­to l’ap­plau­so in tra­sfer­ta quan­do, pren­den­do spun­to da una fra­se di Gal­let­ti del­la Cgil, ha det­to di ver­go­gnar­si co­me im­pren­di­to­re quan­do leg­ge di buo­ne usci­te ver­go­gno­se di mi­lio­ni di eu­ro per i ma­na­ger. E sem­pre Pa­si­ni ha rac­col­to con­sen­si tra­sver­sa­li quan­do ha os­ser­va­to che la for­ma­zio­ne de­ve es­se­re in­nan­zi­tut­to a ca­ri­co del­le im­pre­se e che que­ste ab­bia­no una gran­de re­spon­sa­bi­li­tà so­cia­le an­che nel­le po­li­ti­che di in­clu­sio­ne. Per tut­ti gli in­ter­ve­nu­ti nel di­bat­ti­to mo­de­ra­to dal gior­na­li­sta Er­mi­nio Bis­so­lot­ti il pun­to di par­ten­za è la ne­ces­si­tà di co­strui­re re­la­zio­ni con­ti­nua­ti­ve rea­li, che va­da­no oltre gli scam­bi di au­gu­ri a Natale e po­co più , par­ten­do dal pre­sup­po­sto di quel­la che è la si­tua­zio­ne at­tua­le.

«L’eco­no­mia bre­scia­na va abbastanza bene ma il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne è an­co­ra ele­va­to, so­prat­tut­to gio­va­ni­le — ha ri­cor­da­to Pa­si­ni — An­che il con­te­sto po­li­ti­co è de­li­ca­to e dif­fi­ci­le. Tut­ti sia­mo con­sa­pe­vo­li di que­sta si­tua­zio­ne e del­le sfi­de che ab­bia­mo da­van­ti. Noi co­me im­pren­di­to­ri dob­bia­mo fa­re la no­stra par­te, ma ab­bia­mo bi­so­gno an­che dei la­vo­ra­to­ri». Ma qua­li sa­ran­no que­sti la­vo­ra­to­ri, si è in­ter­ro­ga­to Gal­let­ti, te­nen­do con­to di mi­gra­zio­ni da un la­to e ca­lo del­la po­po­la­zio­ne dall’al­tra? Te­mi cen­tra­li, che im­pon­go­no re­la­zio­ni con­ti­nua­ti­ve per tro­va­re ri­spo­ste, ha det­to il se­gre­ta­rio Cgil. Il pre­si­den­te di Apin­du­stria Si­vie­ri ha po­sto l’ac­cen­to sul­la for­ma­zio­ne, «all’al­ter­nan­za scuo­la lavoro che de­ve es­se­re fat­ta in mo­do se­rio, con i ra­gaz­zi dav­ve­ro all’in­ter­no dei pro­ces­si pro­dut­ti­vi», ma che de­ve ri­guar­da­re an­che i più an­zia­ni, che do­vran­no re­sta­re al lavoro più a lun­go. «La for­ma­zio­ne dei la­vo­ra­to­ri — ha sot­to­li­nea­to Si­vie­ri - è la for­za pro­fon­da in gra­do di man­te­ne­re le azien­de sul mer­ca­to». «Le ri­sor­se che lo Sta­to ha de­sti­na­to agli in­cen­ti­vi in­du­stria 4.0 so­no sta­ti so­prat­tut­to per am­mor­ta­men­ti, e svi­lup­po - ha os­ser­va­to il il se­gre­ta­rio Ci­sl Fran­ce­sco Dio­ma­iu­ta - ma po­co o nul­la alla for­ma­zio­ne, che non è un co­sto ma un in­ve­sti­men­to». Il se­gre­ta­rio Uil Ma­rio Bai­lo ha ri­pre­so al­cu­ni dei clas­si­ci dell’azio­ne sin­da­ca­le: «Va bene il 4.0 ma non di­men­ti­chia­mo­ci che Ita­lia ab­bia­mo an­che trop­pe azien­de 0.2. E che ri­schia­mo di da­re ai no­stri fi­gli un fu­tu­ro peg­gio­re del no­stro in ter­mi­ni di di­rit­ti ed equi­tà». Da par­te sua an­che il ri­chia­mo al gran­de bu­co ne­ro dell’eva­sio­ne fi­sca­le e dell’il­le­ga­li­tà, te­ma ri­pre­so pro­prio da Pa­si­ni: «Il­le­ga­li­tà vuol dire an­che con­cor­ren­za slea­le tra le im­pre­se. Chi pen­sa di an­da­re avanti pa­gan­do po­co i la­vo­ra­to­ri non ha fu­tu­ro». Cli­ma più che cor­dia­le, in­som­ma, con tan­to di ce­na con­vi­via­le fi­na­le alla fe­sta.

Pa­si­ni Il tas­so di di­soc­cu­pa­zio­ne è an­co­ra trop­po ele­va­to, so­prat­tut­to tra i giovani Si­vie­ri La for­ma­zio­ne è la for­za pro­fon­da che man­tie­ne le azien­de sul mer­ca­to

Il con­fron­to

Un mo­men­to del di­bat­ti­to sul pal­co del­la Cgil

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.