LA VIO­LEN­ZA OL­TRE I SILENZI

Corriere della Sera (Brescia) - - Da Prima Pagina - Di Lui­sa Mo­ni­ni © RIPRODUZIONE RISERVATA

Non è il ca­so di at­ten­de­re Il 25 no­vem­bre, Gior­na­ta mon­dia­le per l’eli­mi­na­zio­ne del­la vio­len­za con­tro le don­ne, per par­la­re di una del­le più dif­fu­se vio­la­zio­ni dei di­rit­ti uma­ni che col­pi­sce don­ne di ogni età, et­nia, cul­tu­ra e ce­to so­cia­le. Va­le la pe­na ri­cor­da­re che la vio­len­za con­tro le don­ne rap­pre­sen­ta, se­con­do l’ OMS, una emer­gen­za sa­ni­ta­ria mon­dia­le ed è la pri­ma cau­sa di mor­te e di in­va­li­di­tà per­ma­nen­te tra le don­ne di età com­pre­sa tra i 16 e i 44 an­ni. Il 35% del­le don­ne e le ra­gaz­ze nel mon­do (quin­di una su tre) è vit­ti­ma di vio­len­za fi­si­ca e/o ses­sua­le da par­te del part­ner o di sco­no­sciu­ti. In tut­to il mon­do le bam­bi­ne, a qual­sia­si ce­to so­cia­le es­se ap­par­ten­ga­no, so­no spes­so vit­ti­me di abu­si di va­rio ge­ne­re, di at­ti di vio­len­za inau­di­ta in­fer­ti lo­ro pro­prio da chi do­vreb­be tu­te­lar­ne istru­zio­ne, sa­lu­te e fu­tu­ro. Il ve­ro e gran­de pro­ble­ma del­la vio­len­za è di fat­to le­ga­to a dop­pio fi­lo al­le com­ples­se di­na­mi­che fa­mi­lia­ri che si con­su­ma­no tra le mu­ra do­me­sti­che e che ve­do­no nel ruo­lo del car­ne­fi­ce il ma­ri­to, fi­dan­za­to, pa­dre, con­vi­ven­te, ex co­niu­ge, co­mun­que per­so­na spes­so ama­ta da lei che in­car­na il ruo­lo del­la vit­ti­ma. Nel no­stro Pae­se, ne­gli ul­ti­mi an­ni, le vio­len­ze ses­sua­li de­nun­cia­te so­no au­men­ta­te per­ché fi­nal­men­te le don­ne esco­no al­lo sco­per­to e se­gna­la­no i lo­ro per­se­cu­to­ri. Nel pe­rio­do com­pre­so tra gen­na­io e lu­glio 2017 le vio­len­ze de­nun­cia­te so­no sta­te 2333, con­tro le 2345 nel­lo stes­so pe­rio­do dell’an­no scor­so. Da­ti re­cen­ti for­ni­ti dal Mi­ni­ste­ro dell’In­ter­no evi­den­zia­no che so­no in au­men­to le vio­len­ze ses­sua­li com­mes­se da­gli ita­lia­ni (1534 nei pri­mi set­te me­si di que­st’an­no con­tro i 1474 del­lo stes­so pe­rio­do del 2016), men­tre di­mi­nui­sco­no di po­co quel­le che ve­do­no gli stra­nie­ri re­spon­sa­bi­li dei 3/5 de­gli stu­pri ( 904 da gen­na­io a lu­glio di que­st’an­no con­tro le 909 del­lo stes­so pe­rio­do dell’an­no scor­so). Da­ti que­sti che aiu­ta­no a fa­re chia­rez­za so­pra­tut­to sul­le di­na­mi­che che cau­sa­no gli at­ti di vio­len­za, spes­so frut­to di una lu­ci­da e per­ver­sa stra­te­gia che mi­ra a sta­bi­li­re do­mi­ni e di­su­gua­glian­ze. Per spin­ge­re le vit­ti­me a rac­con­ta­re gli or­ro­ri su­bi­ti oc­cor­re che tut­ta la so­cie­tà ci­vi­le si im­pe­gni in un pro­get­to cul­tu­ra­le di cam­bia­men­to e di ac­co­glien­za. Trop­po fa­ci­le vol­ta­re la fac­cia e far fin­ta di non sen­ti­re né ve­de­re. È co­sì che il si­len­zio del­le vit­ti­me di­ven­ta si­len­zio del­la so­cie­tà. Ma quan­do le vit­ti­me in­con­tra­no qual­cu­no di­spo­sto ad ascol­ta­re: par­la­no. Quan­do in­con­tra­no chi sa ve­de­re: mo­stra­no. Quan­do in­con­tra­no chi sa da­re il giu­sto no­me al­le fe­ri­te lo­ro in­fer­te: ri­fe­ri­sco­no, an­che ciò che ave­va­no ri­mos­so e se­pol­to. Se par­tia­mo da que­sti pre­sup­po­sti al­lo­ra si po­tran­no fi­nal­men­te tro­va­re nuo­ve e de­fi­ni­ti­ve so­lu­zio­ni ai pro­ble­mi le­ga­ti al­la vio­len­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.