«Wer­der sei for­te, ma io vo­glio par­ti­re»

Lu­ca Cal­di­ro­la guar­da dal­la tri­bu­na le par­ti­te del­la Bundesliga e striz­za l’oc­chio all’Ita­lia «A Bre­scia ho la­scia­to il cuo­re, è una piaz­za im­por­tan­te che me­ri­ta al­tri pal­co­sce­ni­ci»

Corriere della Sera (Brescia) - - SPORT - Da­vi­de Za­nel­li

«Ca­ro Wi­ki­pe­dia, per pia­ce­re cam­bia la mia fo­to per­ché non pos­so più ve­der­mi con que­sti ca­pel­li». Di Lu­ca Cal­di­ro­la si è tor­na­to a par­la­re per que­sto sim­pa­ti­co tweet ri­vol­to all’en­ci­clo­pe­dia più fa­mo­sa del web, che nel­la pa­gi­na de­di­ca­ta al gio­ca­to­re pre­sen­ta­va una fo­to­gra­fia in cui an­co­ra non era cal­vo. Ma a Bre­scia del di­fen­so­re cen­tra­le scuo­la In­ter si par­la da tem­po e non è un mistero che il pre­si­den­te Cel­li­no e il di­ret­to­re ge­ne­ra­le Mar­roc­cu ci ab­bia­no fat­to un pen­sie­ri­no du­ran­te l’ul­ti­ma ses­sio­ne di cal­cio­mer­ca­to. Al pun­to che lo stes­so Mar­roc­cu dis­se che uno co­me Cal­di­ro­la pri­ma o poi sa­reb­be tor­na­to a ve­sti­re la ma­glia del­le Ron­di­nel­le, in­dos­sa­ta tra il 2012 e il 2013.

Cal­di­ro­la, sod­di­sfat­to del­la nuo­va fo­to su Wi­ki­pe­dia?

«(Ri­de, ndr) Sì, di­cia­mo che è sta­ta una co­sa par­ti­co­la­re. So­no an­da­to a ta­glia­re i ca­pel­li vi­ci­no ca­sa, il bar­bie­re mi ha ri­co­no­sciu­to e mi ha fat­to ve­de­re Wi­ki­pe­dia. Il tweet vo­le­va es­se­re una co­sa sim­pa­ti­ca, non sa­pe­vo nem­me­no ci fos­se­ro que­stio­ni di co­py­right».

Il Wer­der Bre­ma è se­con­do nel cam­pio­na­to te­de­sco, ma lei non sta gio­can­do.

«Beh, per la squa­dra è un gran­de mo­men­to, per me in­ve­ce è dif­fi­ci­le. Do­po una bel­la sta­gio­ne in pre­sti­to al Darm­stadt un gra­ve in­for­tu­nio mi ha te­nu­to fer­mo per qua­si un an­no e me ne ha fat­ti per­de­re due. So­no fuo­ri ro­sa da lu­glio: mi han­no ag­gre­ga­to al­la se­con­da squa­dra e non pos­so gio­ca­re le par­ti­te. La so­cie­tà mi ha fat­to ca­pi­re la sua vo­lon­tà e a gennaio non cre­do che osta­co­le­ran­no una mia par­ten­za».

Si era par­la­to di Bre­scia. Quan­to è sta­to vi­ci­no a tor­na­re in bian­co­blù?

«C’era sta­to so­lo un con­tat­to, non una trat­ta­ti­va. Era un po’ dif­fi­ci­le far com­ba­cia­re al­cu­ne co­se. Con Bre­scia ho un le­ga­me par­ti­co­la­re: lì ho an­co­ra tan­ti ami­ci ed è si­cu­ra­men­te la so­cie­tà ita­lia­na in cui mi so­no tro­va­to me­glio».

Quin­di tor­ne­reb­be?

«Io non chiu­do mai le por­te a nes­su­no. La mia prio­ri­tà sa­reb­be un mas­si­mo cam­pio­na­to, ma per me l’im­por­tan­te è tor­na­re a gio­ca­re».

Non c’è quin­di la vo­lon­tà di tor­na­re vi­ci­no a ca­sa o spo­sa­re un pro­get­to che, co­me nel ca­so di Bre­scia, pun­ta al­la Se­rie A?

«Tor­na­re vi­ci­no a ca­sa sa­reb­be una prio­ri­tà so­prat­tut­to per i miei ge­ni­to­ri, che mi ve­do­no mol­to po­co. Il Bre­scia sta ri­par­ten­do, ho sem­pre det­to che è una piaz­za che me­ri­ta ben al­tri pal­co­sce­ni­ci. Ma tra il di­re e il fa­re c’è tan­to di mez­zo, per­ché sap­pia­mo be­ne che la Se­rie B è un cam­pio­na­to mol­to stra­no».

Par­la­va di ami­ci a Bre­scia. Con chi è ri­ma­sto in con­tat­to?

«Beh, io e Tre­mo­la­da ci sen­tia­mo pra­ti­ca­men­te sem­pre e sia­mo mol­to ami­ci dai tem­pi dell’In­ter. Mi ave­va chie­sto di Bre­scia in esta­te e gli ave­vo con­si­glia­to di an­dar­ci, poi lui ha in­si­sti­to per un mio ri­tor­no, ma non era sem­pli­ce».

È an­che ami­co di Ca­rac­cio­lo. Co­me ha pre­so il suo ad­dio?

«Sin­ce­ra­men­te, ma­le. Se pen­si a Ca­rac­cio­lo pen­si al Bre­scia e vi­ce­ver­sa: con le do­vu­te pro­por­zio­ni è un po’ co­me per Totti e la Ro­ma. Ma ca­pi­sco an­che che una so­cie­tà deb­ba fa­re del­le scel­te».

Co­me ve­de la nuo­va so­cie­tà?

«Bre­scia de­ve rin­gra­zia­re Cel­li­no. Ha ri­sa­na­to i de­bi­ti e sta in­ve­sten­do mol­to: non lo co­no­sco per­so­nal­men­te, ma so che sta fa­cen­do gran­di sfor­zi. Lu­ca (Tre­mo­la­da, ndr) mi ha par­la­to del nuo­vo cen­tro spor­ti­vo. Que­sta squa­dra me­ri­ta al­tro».

Lu­ca Cal­di­ro­la Tra il 2012 e il 2013 ha in­dos­sa­to la ma­glia del­le ron­di­nel­le. Ora gio­ca in Germania, nel Wer­der Bre­ma, se­con­da in cam­pio­na­to, ma lui re­sta in tri­bu­na ed è pron­to a par­ti­re. Bre­scia gli è gra­di­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.