Viag­gio tra le per­le del Gar­da

Le iso­le mi­no­ri del Gar­da so­no gio­iel­li na­tu­ra­li­sti­ci da am­mi­ra­re, so­prat­tut­to in que­sta sta­gio­ne Cin­que sco­gli af­fio­ran­ti che con la lo­ro ve­ge­ta­zio­ne e gli splen­di­di fon­da­li im­pre­zio­si­sco­no il Be­na­co

Corriere della Sera (Brescia) - - DA PRIMA PAGINA - Di Co­stan­zo Gatta a pa­gi­na

Che ne di­re­ste di una gi­ta in mo­to­sca­fo e una vi­si­ta al­le cin­que iso­le del Gar­da? La sta­gio­ne è idea­le. L’au­tun­no re­ga­la co­lo­ri stu­pen­di. Met­tia­mo di par­ti­re da San Bia­gio, ri­ta­glio di un et­ta­ro di ter­ra a po­chi me­tri da Pun­ta Bel­ve­de­re di Ma­ner­ba. È det­ta an­che dei co­ni­gli, pre­sen­ti dal 1500 se­con­do l’eru­di­to Sil­van Cat­ta­neo che abi­ta­va vil­la Bel­gio­io­so di Ma­ner­ba. Ab­bon­da­va­no pu­re le le­pri, gio­ia dei cac­cia­to­ri. Nell’iso­lot­to un so­lo abi­tan­te: un gio­va­ne pen­ti­to­si di aver fat­to il sol­da­to e ri­ti­ra­to­si a me­di­ta­re in so­li­tu­di­ne. Og­gi la stri­scia di ter­ra ap­par­tie­ne al cam­ping San Bia­gio e in pie­na sta­gio­ne la af­fol­la­no i tu­ri­sti. Se il la­go è bas­so pos­so­no ar­ri­var­vi cam­mi­nan­do con l’ac­qua fi­no ai gi­noc­chi. Al­tri­men­ti c’è un ta­xi mo­to­sca­fo.

In di­re­zio­ne nord est, a po­che bracciate di di­stan­za, af­fio­ra­no al­tri mi­nu­sco­li iso­lot­ti; per lo più sco­gli ri­co­per­ti da ve­ge­ta­zio­ne. Il più gran­de è det­to «Sco­glio dell’al­ta­re». Nel pas­sa­to, una vol­ta all’an­no lo cir­con­da­va­no con le lo­ro bar­che i pe­sca­to­ri del la­go. E as­si­ste­va­no al­la messa ce­le­bra­ta sul­la pie­tra. La bel­la tra­di­zio­ne si è per­sa. La pa­re­te roc­cio­sa scen­de fi­no a 150 me­tri di pro­fon­di­tà ed è luo­go gra­di­to ai sub. Pre­sen­ta poi una grot­ta ri­fu­gio del per­si­co rea­le e due bal­co­na­te ric­che di spu­gne.

«Pae­ne in­su­la­rum, Sir­mio, in­su­la­rum­que ocel­le…». Ca­tul­lo de­can­ta Sir­mio­ne, gem­ma del­le pe­ni­so­le ed iso­le. «Quan­to vo­len­tie­ri e quan­to fe­li­ce ti scor­go». Ave­va ra­gio­ne. Iso­la è an­che Sir­mio. Dif­fi­ci­le ac­cor­ger­se­ne. Un pon­te col­le­ga la par­te me­ri­dio­na­le all’in­gres­so del Ca­stel­lo che è sul­la par­te più stret­ta dell’ ist­mo. In­cre­di­bi­le ma ve­ro.

Chi poi rag­giun­ge­rà la spon­da ve­ro­ne­se — me­ta l’iso­la del So­gno — tro­ve­rà il bis. Sul­la co­sta ve­ne­ta, fra As­sen­za di Bren­zo­ne e Mal­ce­si­ne a so­li 30 me­ri dal­la pe­ni­so­la det­ta del So­gno spun­ta un pez­zo di ter­ra gran­de po­co più di un cam­po da cal­cio, chia­ma­to Iso­la di So­gno. An­che in que­sto ca­so, co­me per l’iso­la di san Bia­gio, nei pe­rio­di di bas­so la­go al­lo sco­glio si ar­ri­va a pie­di. Ci fos­se un pon­te si ri­pe­te­reb­be la si­tua­zio­ne di Sir­mio­ne. Luo­go da vi­si­ta­re e fo­to­gra­fa­re è gra­di­tis­si­mo ai su­bac­quei. Ad una pro­fon­di­tà di 30 me­tri gia­ce un ca­bi­na­to di 15 me­tri, af­fon­da­to nel 1987.

Con­ti­nuia­mo la gi­ta ver­so al­tre pic­co­le iso­let­te che af­fio­ra­no. Trop­po no­ta l’Iso­la del Gar- da o iso­la Bor­ghe­se, og­gi dei Ca­vaz­za. La sua lun­ghez­za è di ol­tre un chi­lo­me­tro ed una lar­ghez­za che va dai 60 ai cen­to me­ri ed un’al­tez­za di 20 me­tri dal pe­lo del la­go.

Con­ti­nuan­do ver­so Ri­va del Gar­da , al­tro mi­nu­sco­lo pun­to che spun­ta dal blu è la sel­vag­gia Iso­la dell’Oli­vo nel­le vi­ci­nan­ze di Mal­ce­si­ne. Per chi vo­les­se vi­si­tar­la, nes­su­na dif­fi­col­tà nell’at­trac­co. Il sel­vag­gio e per que­sto af­fa­sci­nan­te iso­lot­to è for­ma­to da roc­ce li­sce con mol­tis­si­ma ve­ge­ta­zio­ne. È poi pa­ra­di­so dei su­bac­quei che già a 13 me­tri di pro­fon­di­tà tro­va­no l’im­boc­co di una grot­ta che spro­fon­da fi­no a 30. Un luo­go ir­rea­le per chi sa fa­re fo­to­gra­fie.

Più a nord ec­co l’iso­la di Tri­me­lo­ne che vi­sto dall’al­to sem­bra un fu­so ada­gia­to sul­le ac­que. Sta di fron­te ad As­sen­za Bren­zo­ne ed è iso­la for­ti­fi­ca­ta fin dal X se­co­lo. Og­gi è il pa­ra­di­so ter­re­stre di cor­mo­ra­ni e pel­li­ca­ni. Fi­no a po­chi an­ni or so­no era una pol­ve­rie­ra. Co­me spet­tri si ve­do­no le co­stru­zio­ni mi­li­ta­ri, le ca­se­mat­te, i for­ti­ni ora si­gil­la­ti Se­gni di an­ni di odio e vio­len­ze L’iso­la che pri­ma era pia­ciu­ta an­che ai pit­to­ri fu­tu­ri­sti con le guer­re è di­ve­nu­ta una pol­ve­rie­ra. Ol­tre cen­to­mi­la pez­zi di va­ria ar­ti­glie­ria del­le due guer­re, pro­iet­ti­li, gra­na­te, bom­be in­cen­dia­rie al fo­sfo­ro e re­si­dua­ti bel­li­ci. Ven­ne­ro rac­col­ti, e poi fat­ti esplo­de­re nel­le ca­ve di Tor­ri e di Ca­pri­no. Ora l’iso­la è bo­ni­fi­ca­ta. Po­co più a nord, a cir­ca 200 me­tri, è pos­si­bi­le un’im­mer­sio­ne sul­la vi­ci­na sec­ca che scen­de fi­no a -8 me­tri a ri­dos­so di una pa­re­te che ter­mi­na con una roc­cia ar­ro­ton­da­ta da do­ve, sub esper­ti, han­no trac­cia­to tre per­cor­si che scen­do­no a -45 me­tri.

Sul­la via del ritorno — sa­rà di cer­to do­po il tra­mon­to — il sug­ge­ri­men­to è di de­via­re ver­so Sir­mio­ne e fer­mar­si vi­ci­no al­le grot­te. Chi ci cre­de, e in ge­ne­re so­no le per­so­ne in­na­mo­ra­te, può ve­de­re nell’ac­qua il vol­to di Ca­tul­lo. Lo di­se­gna­ro­no le la­cri­me di Qui­zia, l’etè­ra re­den­ta che ave­va giu­ra­to fe­del­tà al poe­ta. Quan­do un brut­to gior­no ven­ne cre­du­ta ve­ra la no­ti­zia che Ca­tul­lo era mor­to in Bi­ti­nia, la po­ve­ret­ta pian­se fi­no a mo­ri­re.

San­ta­bar­ba­ra

L’iso­la del Tri­me­lo­ne (o Tre­mel­lo­ne) af­fio­ra da­van­ti a Bren­zo­ne ed è sta­ta in un re­cen­te pas­sa­to un de­po­si­to di mu­ni­zio­ni e di ar­mi

Iso­la del So­gno Af­fio­ra a cir­ca tren­ta me­tri dal­la ri­va fra As­sen­za di Bren­zo­ne e Mal­ce­si­ne Iso­la dell’oli­vo È si­tua­ta nei pres­si di Mal­ce­si­ne: è for­ma­to da roc­ce li­sce co­per­te dal­la ve­ge­ta­zio­ne

Iso­la del Tri­me­lo­neÈ si­tua­ta da­van­ti ad As­sen­za di Bren­zo­ne e fin dal X se­co­lo è sta­ta for­ti­fi­ca­ta

A Ma­ner­ba Una ve­du­ta dall’al­to dell’Isol­da dei co­ni­gli

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.