Quel­la fo­to di grup­po di una chie­sa de­mo­cra­ti­ca

Corriere della Sera (Brescia) - - PAOLO VI SANTO - di Pier Gior­da­no Ca­bra

La ca­no­niz­za­zio­ne di Pao­lo VI «in grup­po» con al­tri «san­ti mi­no­ri» è sem­bra­ta a qual­cu­no uno sgar­bo nei con­fron­ti del gran­de Pon­te­fi­ce, già pe­na­liz­za­to dal­la de­bo­le po­po­la­ri­tà. Ma qua­le sgar­bo? Sem­bra di es­se­re ri­tor­na­ti nel 1622, ad­dì 12 mar­zo, quan­do i ro­ma­ni ac­cor­re­va­no al­la ca­no­niz­za­zio­ne di Fi­lip­po Ne­ri, mal­con­ten­ti che il lo­ro ro­ma­nis­si­mo san­to fos­se mes­so as­sie­me ad al­tri spa­gno­li di cui non ri­cor­da­va­no nep­pu­re i no­mi. E que­sti po­co sim­pa­ti­ci spa­gno­li era­no nien­te­me­no che Igna­zio di Loyo­la, Te­re­sa d’Avi­la e Fran­ce­sco Za­ve­rio. In cie­lo si en­tra non per gra­di ge­rar­chi­ci, ma per gra­di di san­ti­tà. Si sa­le più in al­to in cie­lo quan­to più si di­scen­de in bas­so sul­la ter­ra. La car­rie­re ce­le­ste è so­ven­te in­ver­sa­men­te pro­por­zio­na­le al­la car­rie­ra ter­re­stre. E chi in ter­ra sa­le, de­ve di­scen­de­re mol­to in umil­tà, se vuol sa­li­re in cie­lo, dal mo­men­to che l’umil­tà è la so­rel­la pri­ma del­la ca­ri­tà. Ve­de­re il gran­de Pa­pa ac­can­to a umi­li pre­ti e ad umi­lis­si­me suo­re, per non par­la­re del gio­va­ne lai­co bea­ti­fi­ca­to pro­prio da Pao­lo VI e pe­sca­to, sem­bra, all’ul­ti­mo mi­nu­to, al­lar­ga il cuo­re. Se la chie­sa vi­si­bi­le è ge­rar­chi­ca, quel­la in­vi­si­bi­le è de­mo­cra­ti­ca, ret­ta dal so­lo po­te­re del­la san­ti­tà, che qui da noi ra­ra­men­te vie­ne mi­su­ra­ta ade­gua­ta­men­te. Riu­ni­re as­sie­me ad una del­le per­so­na­li­tà più si­gni­fi­ca­ti­ve del XX se­co­lo, qua­le è sta­to Pao­lo VI, un Ve­sco­vo eli­mi­na­to co­me sco­mo­do dal po­te­re del suo pic­co­lo pae­se e al­tre per­so­ne pra­ti­ca­men­te igno­te al gran­de pub­bli­co, si­gni­fi­ca che gli at­to­ri del­la Sto­ria che re­sta, quel­la scrit­ta da­gli An­ge­li, so­no ben di­ver­si dai pro­ta­go­ni­sti che ap­pa­io­no fre­quen­te­men­te su­gli scher­mi te­le­vi­si­vi o di cui si par­la sui so­cial, at­to­ri di una sto­ria che per lo più si dis­sol­ve nell’in­con­si­sten­za dell’oblio. Que­sta fo­to di grup­po ha an­che il van­tag­gio di po­ter pre­sen­ta­re un vol­to di­ver­so del­la Chie­sa an­che ad un pub­bli­co in­te­res­sa­to più ai suoi scan­da­li che ai suoi san­ti. Qui si tro­va­no riu­ni­ti rap­pre­sen­tan­ti dell’ «Al­to Cle­ro», quel­li del «Bas­so Cle­ro e del­le mo­na­che», ol­tre al­la ca­te­go­ria dei «po­ve­ri cri­stia­ni». Il grup­po ha in co­mu­ne il pro­gram­ma di vi­ve­re e di ser­vi­re nel no­me de Si­gno­re,«in no­mi­ne Do­mi­ni», co­me re­ci­ta lo stem­ma epi­sco­pa­le di Gio­van­ni Bat­ti­sta Mon­ti­ni. Un pro­gram­ma che li­be­ra e so­stie­ne me­ra­vi­glio­se ener­gie mes­se al ser­vi­zio dell’al­tro. Avan­ti dun­que in no­mi­ne do­mi­ni, per crea­re al­tre fo­to di grup­po do­ve si ren­de più lu­mi­no­sa la vi­ta cri­stia­na e più cri­stia­na la vi­ta uma­na.

In­sie­meCon Pao­lo VI ver­rà ca­no­niz­za­to il ve­sco­vo­mar­ti­re Oscar Ro­me­ro, ma an­che il sa­cer­do­te ber­ga­ma­sco Fran­ce­sco Spi­nel­li(fo­to) che con la suo­ra ca­mu­na Ca­te­ri­na Co­men­so­li ha da­to vi­ta ad alcuni or­di­ni re­li­gio­si

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.