Zoe Sal­da­na

Do­po Ava­tar, ora in­ter­pre­to Ni­na Si­mo­ne. Mi piac­cio­no le don­ne lea­der, al ci­ne­ma ce ne so­no po­che. An­che mio ma­ri­to (ita­lia­no) è fem­mi­ni­sta con­vin­to. Tan­to che ha pre­so il mio co­gno­me

Corriere della Sera - Io Donna - - DA PRIMA PAGINA - di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Ch­ris Ni­cholls

To­tal blu in ava­tar, ver­de in Guar­dia­ni del­la Ga­las­sia, na­tu­re - con quel suo ce­le­bre in­car­na­to bron­zo do­ra­to - in tut­ti gli al­tri flm, com­pre­so Li­ve by Night, noir am­bien­ta­to du­ran­te il proi­bi­zio­ni­smo pro­dot­to da Leo­nar­do DiCa­prio e di­ret­to da Ben Af­feck che ini­zie­rà a gi­ra­re a bre­ve. Zoe Sal­da­na cam­bia pel­le fa­cil­men­te. E lo fa in un Pae­se, l’Ame­ri­ca, do­ve a ogni sfu­ma­tu­ra di co­lo­re cor­ri­spon­de una pre­sa di po­si­zio­ne po­li­ti­ca e iden­ti­ta­ria. Ha in­ter­pre­ta­to Ni­na Si­mo­ne in un flm mol­to at­te­so e in­ti­to­la­to sem­pli­ce­men­te Ni­na (usci­rà do­po l’esta­te) ed è sta­ta ac­cu­sa­ta da Li­sa Si­mo­ne Kel­ly, fglia del­la mi­ti­ca per­for­mer jazz, e dai col­le­ghi di co­lo­re, di ave­re la pel­le trop­po chia­ra per es­se­re cre­di­bi­le. Sec­ca la re­pli­ca: «La co­sa im­por­tan­te non è la sfu­ma­tu­ra del­la pel­le, quan­to rac­con­ta­re la sto­ria di Ni­na Si­mo­ne». Ca­pi­to­lo chiu­so. Ar­ruo­la­ta poi nel­lo spa­ru­to drap­pel­lo di at­tri­ci hol­ly­woo­dia­ne che si con­ten­do­no i ti­to­li di Va­rie­ty sul­la di­fe­sa dei di­rit­ti del­le don­ne di Ci­ne­lan­dia, Sal­da­na ha re­cen­te­men­te ag­giun­to la pro­pria vo­ce al co­ro sde­gna­to di Pa­tri­cia Ar­quet­te, Ree­se Wi­ther­spoon e He­len Mir­ren per de­nun­cia­re le per­cen­tua­li im­ba­raz­zan­ti di don­ne re­gi­ste e di­ri­gen­ti, chie­den­do che gli stu­dios crei­no asi­li-ni­do nei po­sti di la­vo­ro, in­ve­ce di coc­co­la­re le star ma­schi­li con re­ga­li di lus­so, su­pe­rat­ti­ci, guar­die del cor­po e jet pri­va­ti. Cer­to, Zoe Sal­da­na par­la da una po­si­zio­ne di pri­vi­le­gio che non ha bi­so­gno di tu­te­le sin­da­ca­li. I suoi flm di fan­ta­scien­za - Ava­tar, Guar­dia­ni del­la Ga­las­sia e Star Trek - han­no in­cas­sa­to com­ples­si­va­men­te piu di 5 mi­liar­di di dol­la­ri. E, aspet­to non tra­scu­ra­bi­le, la vi­ta pri­va­ta fun­zio­na nien­te ma­le. Spo­sa­ta da due an­ni con l’ita­lia­no Mar­co Pe­re­go, ex cal­cia­to­re ora ar­ti­sta con­cet­tua­le, è mam­ma di due ge­mel­li di ot­to me­si, Bo­wie e Cy.

Fa par­te del­le sue ri­ven­di­ca­zio­ni neo­fem­mi­ni­ste il fat­to di in­ter­pre­ta­re sem­pre più spes­so fgu­re fem­mi­ni­li to­ste e com­bat­ti­ve?

Al ci­ne­ma ci so­no trop­pe don­ne che vi­vo­no all’om­bra di un uo­mo sen­za di­ven­ta­re mai lea­der. Cre­do sia do­ve­ro­so pro­por­re

al­tri esem­pi, mo­del­li dif­fe­ren­ti. Se con­ti­nuia­mo a in­ter­pre­ta­re so­lo don­ne in­na­mo­ra­te che han­no l’uo­mo al cen­tro dei pen­sie­ri, le no­stre fi­glie non po­tran­no che so­gna­re di es­se­re prin­ci­pes­se e di in­na­mo­rar­si, non le pa­re? Ci so­no tan­te al­tre co­se nel­la vi­ta, ol­tre agli uo­mi­ni, di cui par­la­re e oc­cu­par­si. Ec­co: vor­rei con­tri­bui­re a of­fri­re im­ma­gi­ni di don­ne di­ver­se, lon­ta­ne da quel­le tra­di­zio­na­li.

È sta­to fa­ci­le per lei rag­giun­ge­re l’in­di­pen­den­za di giu­di­zio di cui dà pro­va?

A mia ma­dre la vi­ta non ha of­fer­to mol­to: non era sta­ta edu­ca­ta all’in­di­pen­den­za. È cre­sciu­ta con­vin­ta di ap­par­te­ne­re ani­ma e cor­po al­la fa­mi­glia e al ma­ri­to. Per que­sto, sep­pu­re in­con­scia­men­te, ha sem­pre de­si­de­ra­to ave­re fi­gli ma­schi. For­se pen­sa­va che se la sa­reb­be­ro ca­va­ta più fa­cil­men­te. E in­ve­ce ha avu­to tut­te fem­mi­ne! Per­ciò noi sia­mo cre­sciu­te sa­pen­do di do­ve­re com­bat­te­re per il no­stro spa­zio vi­ta­le. Og­gi cre­do di es­se­re con­sa­pe­vo­le dei miei di­rit­ti e non ho in­ten­zio­ne di chie­de­re il per­mes­so a nes­su­no. Se poi qual­cu­no non è d’ac­cor­do, è me­glio non la­vo­rar­ci in­sie­me. Non mi va di spre­ca­re tem­po.

Una don­na par­ti­co­la­re, sua ma­dre.

Era dav­ve­ro spe­cia­le. Non era la don­na più dol­ce e ac­co­mo­dan­te del mon­do; pro­va­va un gran­de amo­re per noi, ma era spes­so sec­ca e du­ra, non in­do­ra­va mai la pil­lo­la. A vol­te ci sem­bra­va trop­po se­ve­ra, ma og­gi ca­pi­sco per­ché si com­por­ta­va in quel mo­do: ci trat­ta­va co­me se fos­si­mo sta­te dei ma­schi!

Una bel­la le­zio­ne per lei che ades­so è ma­dre di due ge­mel­li.

Cer­to, e so be­ne qual è og­gi la mia mis­sio­ne di ma­dre. È una sfi­da che ac­cet­to: fa­re dei miei fi­gli due uo­mi­ni aper­ti, di cuo­re, due per­so­ne gen­ti­li che sap­pia­no es­se­re fra­gi­li e for­ti. Avrei ti­ra­to su due bam­bi­ne nel­lo stes­so mo­do, pe­rò.

È spo­sa­ta con un ita­lia­no, Mar­co Pe­re­go: un’espe­rien­za fe­li­ce, mi pa­re di ca­pi­re.

Mio ma­ri­to è un ar­ti­sta stu­pen­do: di­pin­ge, crea in­stal­la­zio­ni e pro­get­ti con­cet­tua­li; ora sta la­vo­ran­do al suo pri­mo fi lm ani­ma­to, un so­gno che in­se­gue fin da quan­do era bam­bi­no. In­sie­me stia­mo vi­ven­do un mo­men­to bel­lis­si­mo, sia­mo innamoratissimi. Ave­re poi que­ste due me­ra­vi­glio­se crea­tu­re ha rad­dop­pia­to la no­stra fe­li­ci­tà. An­co­ra non rie­sco a cre­de­re di ave­re fi­nal­men­te tro­va­to la mia me­tà; Mar­co mi la­scia sem­pre stu­pe­fat­ta.

Ri­spet­ta an­che la sua au­to­no­mia?

È un fem­mi­ni­sta con­vin­to, le don­ne le ado­ra e le ri­spet­ta. Mi spin­ge sem­pre ad af­fer­ma­re e di­fen­de­re i miei di­rit­ti, ri­cor­dan­do­mi tut­to il tem­po che so­no un’ar­ti­sta: «De­vi cre­de­re nei tuoi pro­get­ti, non pen­sa­re al box-of­fi­ce».

In­fat­ti ha de­ci­so di cam­bia­re il suo co­gno­me in Sal­da­na. Lei co­me ha rea­gi­to?

Una cin­quan­ti­na di an­ni fa sa­reb­be sta­to im­pen­sa­bi­le, og­gi è il fu­tu­ro. So­no fe­li­ce di ama­re un uo­mo che adot­ta il no­me del­la mo­glie sen­za ti­mo­re di ve­ni­re me­no al­la pro­pria iden­ti­tà di ma­schio, ma an­zi con l’idea di ren­der­la an­co­ra più for­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.