“IN AMO­RE ME­NO SI PAR­LA, ME­GLIO È”

Isa­bel­la Ra­go­ne­se ce l’ha con il vi­zio del­le don­ne di sta­re sem­pre a spie­ga­re, ma an­che con chi spro­lo­quia sen­za sa­pe­re. A pro­po­si­to de­gli immigrati, per esem­pio, uno dei te­mi del suo nuo­vo flm. E dà a Mat­teo Sal­vi­ni un sug­ge­ri­men­to spe­cia­le...

Corriere della Sera - Io Donna - - CHE CARATTERE! - Di Ma­ria Lau­ra Gio­va­gni­ni, fo­to di Fa­bio Lo­vi­no gio­va­ne fa­vo­lo­so Die­ci in­ver­ni Vio­la di ma­re Tut­ta la vi­ta da­van­ti Il lis­si­mo, In un po­sto bel-

dia i te­st psi­co­lo­gi­ci. «Pre­va­len­za di ri­spo­ste A, e ti ri­tro­vi in­ca­sel­la­to da un ag­get­ti­vo. In­sen­sa­to! Noi sia­mo mil­le co­se, e la vi­ta ci cam­bia in con­ti­nua­zio­ne... È me­no no­io­sa per­si­no dei flm: se hai più sce­ne in cui tor­ni a ca­sa, ti ri­pren­do­no sem­pre men­tre se­gui la stes­sa stra­da. Nel­la real­tà, in­ve­ce, una se­ra ma­ga­ri ti va di sce­glie­re il gi­ro lar­go...». E a Isa­bel­la Ra­go­ne­se pia­ce tan­to sfug­gi­re al­le def­ni­zio­ni quan­to “sce­glie­re i gi­ri lar­ghi”. Il ri­sul­ta­to? Una se­rie di pel­li­co­le (e di par­ti) mol­to di­ver­se fra lo­ro - dram­mi e com­me­die, pro­du­zio­ni ric­che co­me

o a bas­so bud­get. « o non avran­no ot­te­nu­to nu­me­ri in­cre­di­bi­li al bot­te­ghi­no, ma chi li ha vi­sti se li por­ta nel cuo­re. E non par­lia­mo di quel che ha rap­pre­sen­ta­to di Vir­zì per una ge­ne­ra­zio­ne: al­le ma­ni­fe­sta­zio­ni dei pre­ca­ri ve­de­vo car­tel­li con su scrit­to “Io so­no Mar­ta del­la Mul­ti­ple”. Mar­ta era il per­so­nag­gio che in­ter­pre­ta­vo...».

Isa­bel­la Ra­go­ne­se, 35 an­ni, al­ter­na ci­ne­ma e tea­tro. Do­po l’esor­dio in di Ema­nue­le Cria­le­se (2006), ha gi­ra­to, fra gli al­tri,

di Pao­lo Vir­zì e di Ma­rio Mar­to­ne.

Ora è sul set di Fuo­ri, un cor­to di An­na Ne­gri sul gior­no di per­mes­so spe­cia­le di una car­ce­ra­ta. Dal 27 ago­sto sa­rà nei ci­ne­ma co­me mo­glie tra­di­ta di Ales­sio Bo­ni in

il “th­ril­ler emo­ti­vo” di Gior­gia Ce­ce­re. «All’ap­pa­ren­za, Lu­cia è il mio op­po­sto: una don­na del Nord, fred­da, in­si­cu­ra... Io, pa­ler­mi­ta­na, so­no vi­sta co­me “caz­zu­ta”, de­ci­sa, coi pie­di per ter­ra. Lei, co­me ca­pi­ta spes­so so­prat­tut­to nei pic­co­li cen­tri, è pas­sa­ta dall’es­se­re fglia all’es­se­re mo­glie all’es­se­re ma­dre... Non si è mai chie­sta: “Chi so­no ve­ra­men­te?”. Ini­zie­rà a com­pren­der­lo gra­zie all’in­con­tro­con­fron­to con un ex­tra­co­mu­ni­ta­rio, uno che ven­de pu­paz­zi per stra­da».

E Isa­bel­la quan­do ha sco­per­to “chi è ve­ra­men­te”?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.