CA­RO SIN­DA­CO/ 2 SER­VE CO­RAG­GIO

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore - Clau­dio Sa­bel­li Fio­ret­ti Sen­za ver­go­gna blog.io­don­na.it/clau­dio-sa­bel­li-fo­ret­ti

ca­ro igna­zio, tu sai quan­to io ti sti­mi e quan­te vol­te, an­che in que­sta ru­bri­chet­ta, io ab­bia pub­bli­ca­men­te di­chia­ra­to que­sta sti­ma. Io ti con­si­de­ro uno dei sin­da­ci mi­glio­ri e più co­rag­gio­si d’Ita­lia. Ma sta­vol­ta hai sba­glia­to. Sto par­lan­do del ca­so Ca­sa­mo­ni­ca. Dei cit­ta­di­ni ro­ma­ni, rom, co­me con­sen­te lo­ro la leg­ge, fan­no uno scom­bic­che­ra­to fu­ne­ra­le per le vie del­la ca­pi­ta­le. Un fu­ne­ra­le esa­ge­ra­to, ri­di­co­lo, fol­klo­ri­sti­co, pre­sun­tuo­so. Ma le­git­ti­mo. Nes­su­no è ri­cer­ca­to, an­che se si di­ce che il clan sia in odo­re di ma­fa, nes­su­no è in­da­ga­to, nes­su­no è con­dan­na­to. Ma an­che gli in­da­ga­ti e i con­dan­na­ti han­no di­rit­to di pian­ge­re co­me vo­glio­no i lo­ro mor­ti. Si ar­ri­va all’as­sur­do che Bru­no Ve­spa, con il suo so­li­to gran­de fu­to, in­vi­ta a Por­ta a Por­ta la fglia del Ca­sa­mo­ni­ca de­fun­to e scop­pia lo scan­da­lo. Un’ora di gran­de spet­ta­co­lo e di gran­de gior­na­li­smo ci con­se­gna uno spac­ca­to di vi­ta ita­lia­na di cui io non pos­so che rin­gra­zia­re Ve­spa il qua­le (co­me chi mi co­no­sce ben sa) non è esat­ta­men­te la mia taz­za di tè. No, non do­ve­va in­ter­vi­sta­re Ca­sa­mo­ni­ca fglia. E per­ché mai? Io in­ter­vi­ste­rei an­che Hi­tler, an­che Pol Pot, an­che Pi­no­chet se fos­se pos­si­bi­le. Fi­gu­ria­mo­ci un in­no­cen­te fno a pro­va con­tra­ria. Ipo­cri­sia im­pe­ran­te. Più che lo sde­gno an­ti­ma­fo­so, nel­le di­chia­ra­zio­ni ba­na­li e con­for­mi­ste che han­no riem­pi­to i gior­na­li, io ho let­to il di­sprez­zo raz­zi­sta nei con­fron­ti del­le tri­bù zin­ga­re. Igna­zio, an­che tu hai spo­sa­to la cor­ren­te de­gli scan­da­liz­za­ti. Pos­so dir­ti che mi sa­rei aspet­ta­to un po’ più di co­rag­gio?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.