Giu­lia Be­vi­lac­qua In­ter­pre­to an­co­ra una poliziotta, ma que­sta vol­ta...

Non so­lo di­vi­se ne­gli ul­ti­mi per­so­nag­gi di Giu­lia Be­vi­lac­qua, ora si con­fron­ta con il ruo­lo di mam­ma. Che vor­reb­be spe­ri­men­ta­re an­che nel­la vi­ta. Vi­sto che ha ap­pe­na tro­va­to l’amo­re

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di An­na Ma­ria Spe­ro­ni

Dal­la fic­tion al ci­ne­pa­net­to­ne. «Be’, pro­prio ci­ne­pa­net­to­ne... Pre­fe­ri­rei chia­mar­lo flm co­mi­co. Ci so­no Lil­lo e Greg, Fran­ce­sco Man­del­li... È una com­me­dia de­gli equi­vo­ci». Do­ve lei è più o me­no l’uni­ca in­ter­pre­te fem­mi­ni­le. Che par­te fa in Na

ta­le col boss? So­no una ex poliziotta mo­glie di Man­del­li, an­che lui po­li­ziot­to. Si so­no co­no­sciu­ti sul la­vo­ro, è scop­pia­to il gran­de amo­re, si so­no spo­sa­ti.

Sem­bra la sua bio: poliziotta in Di

stret­to di po­li­zia, do­ve in­con­tra l’at­to­re po­li­ziot­to Si­mo­ne Cor­ren­te. Scop­pia il gran­de amo­re...

Ve­ro. Pe­rò nel flm so­no una poliziotta mol­to di­ver­sa da quel­la di Di­stret­to.

An­che per­ché Si­mo­ne Cor­ren­te e Giu­lia Be­vi­lac­qua do­po sei an­ni di con­vi­ven­za si so­no la­scia­ti. Di an­ni ne so­no pas­sa­ti al­tri tre, du­ran­te i qua­li l’at­tri­ce è riu­sci­ta a con­vin­ce­re re­gi­sti e pro­du­zio­ni di po­ter fa­re al­tro dall’agen­te: il 30 ot­to­bre al Po­li­tea­ma di Ge­no­va de­but­te­rà in Due par

ti­te, la piè­ce di Cri­sti­na Co­men­ci­ni (dal 12 no­vem­bre all’Am­bra Jo­vi­nel­li a Ro­ma); e in Ž ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà, nel­le pros­si­me set­ti­ma­ne su Raiuno, la ve­dre­mo nel ruo­lo di una ra­gaz­za le­sbi­ca in­na­mo­ra­ta e in­cin­ta.

Tor­nia­mo al­la sua po­li­zot­ta di­ver­sa.

Ho mol­te sce­ne d’azio­ne in­ten­se: ar­ti mar­zia­li, col­lut­ta­zio­ni, sal­ti... Mi pia­ce la par­te fsi­ca del la­vo­ro.

È una ha­bi­tuée del­la pa­le­stra?

Per nien­te: so­no pi­gra e non mi al­le­no

mai. Do­po il pri­mo gior­no di pro­ve in­fat­ti ero a let­to con il mal di schie­na. Quin­di l’in­con­tro di yo­ga or­ga­niz

za­to da Io don­na a cui par­te­ci­pa le fa­rà be­nis­si­mo (ve­di a pag. 72, ndr) Esat­to! Spe­ro che riu­sci­ran­no a con­vin­cer­mi a pra­ti­car­lo. Per ora mi so­no la­scia­ta coin­vol­ge­re so­lo in ra­re oc­ca­sio­ni da mia so­rel­la o qual­che ami­ca. Nien­te yo­ga, nien­te sport. Co­me eli­mi­na lo stress?

Cer­co di ri­po­sar­mi e di usa­re il mio tem­po li­be­ro per ciò che mi fa be­ne: sta­re con i miei ni­po­ti o con gli ami­ci, guar­da­re un flm, leg­ge­re un li­bro. Ri­las­sa­men­to fsi­co e men­ta­le so­no mol­to le­ga­ti per me, uno ar­ri­va so­lo se c’è l’al­tro. C’è chi lo rag­giun­ge con lo yo­ga, io di­straen­do­mi.

Si ri­tie­ne una per­so­na se­re­na?

Ades­so sì. Pri­ma ama­vo il con­trol­lo su tut­to, ma mi sto ren­den­do con­to di quan­to stia me­glio quan­do rie­sco a la­sciar­mi an­da­re. La per­ce­zio­ne è piu for­te se non cer­chi di com­pren­de­re. Go­der­si quel­lo che si ha è scon­ta­to da di­re, ma non co­sì fa­ci­le da met­te­re in pra­ti­ca. L’ana­li­si mi ha aiu­ta­to a pren­de­re co­scien­za dei miei li­mi­ti ma an­che dei miei pun­ti for­ti. Con­ti­nui a in­cap­pa­re nel­le tue fra­gi­li­tà, ma al­me­no le ri­co­no­sci e ma­ga­ri rie­sci a pre­ve­ni­re le ca­du­te. O a rial­zar­ti. Sa­rà un ca­so, ma da quan­do so­no più se­re­na so­no ar­ri­va­te no­vi­tà im­por­tan­ti sia nel pri­va­to che nel la­vo­ro. Due par­ti­te è una di que­ste. Un de­but­to to­ta­le: ave­vo ini­zia­to a tea­tro quan­do fre­quen­ta­vo ar­chi­tet­tu­ra, ma per hob­by. Sa­rà un mo­men­to di cre­sci­ta an­che per­so­na­le. Da quel te­sto, che met­te a con­fron­to quat­tro ma­dri de­gli an­ni Ses­san­ta con le lo­ro fglie og­gi, sem­bra che i pro­ble­mi del­le don­ne sia­no gli stes­si. Le ma­dri sa­cri­f­ca­no la lo­ro iden­ti­tà al­la fa­mi­glia, le fglie so­no trop­po orien­ta­te al­le gra­ti­fi­ca­zio­ni

pro­fes­sio­na­li: non ab­bia­mo an­co­ra tro­va­to un equi­li­brio. Pe­rò sia­mo sul­la buo­na stra­da, no­no­stan­te pau­re e sen­si di col­pa.

Lei ne ha?

Una vol­ta mi sen­ti­vo in col­pa per tut­to, ades­so me­no. Non ho fgli, quin­di per me è dif­f­ci­le ca­pi­re com­ple­ta­men­te il ti­mo­re di non es­se­re ab­ba­stan­za pre­sen­te in fa­mi­glia. Quan­do ne avrò una mia, e spe­ro suc­ce­da pre­sto, vor­rei po­ter ge­sti­re pro­fes­sio­ne e pri­va­to. Ave­re tem­po per mio ma­ri­to e mio fglio: la­vo­ro da an­ni con pas­sio­ne e non vor­rei smet­te­re mai, ma non è la mia vi­ta. Una pro­va di gra­vi­dan­za in­tan­to l’ha fat­ta: in È ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà sa­rà in­cin­ta tut­to il tem­po. Co­me è an­da­ta col pan­cio­ne?

Be­nis­si­mo, so­no sem­pre piu con­vin­ta che sia ar­ri­va­to il mo­men­to.

A pro­po­si­to di fu­tu­ra fa­mi­glia: sul suo pro­flo In­sta­gram ci so­no un sac­co di fo­to del suo nuo­vo fdan­za­to. Ci fre­quen­tia­mo da un an­no. Non lo cer­ca­vo nem­me­no più l’amo­re, mi ero un po’ ar­re­sa. Chis­sà se esi­ste dav­ve­ro, pen­sa­vo, for­se bi­so­gna scen­de­re a com­pro­mes­si, ab­bas­sa­re la li­vel­la. In­ve­ce poi è suc­ces­so quel­lo che tut­ti di­co­no ma a cui non cre­di, ve­drai che quan­do me­no te lo aspet­ti... È ar­ri­va­to dav­ve­ro, que­st’uo­mo, mi so­no in­na­mo­ra­ta qua­si a pri­ma vi­sta. Non mi era mai ca­pi­ta­to di sen­ti­re su­bi­to un’ap­par­te­nen­za, una fa­mi­lia­ri­tà, co­me se fos­si­mo aman­ti e ami­ci da sem­pre.

Do­ve vi sie­te co­no­sciu­ti?

A una fe­sta do­ve lui non c’en­tra­va nien­te, tra­sci­na­to da un ami­co. Ci sia­mo let­te­ral­men­te scon­tra­ti... È un amo­re pen­do­la­re, per ora: lui è ro­ma­no ma vi­ve a Mi­la­no, è un gior­na­li­sta e si oc­cu­pa di eco­no­mia e fnan­za. Sa­rà ar­rab­bia­tis­si­mo quan­do sa­prà che sto par­lan­do di lui...

Ri­las­sa­men­to fi­si­co e men­ta­le so­no mol­to le­ga­ti per me, uno ar­ri­va so­lo se c’è l’al­tro. C’è chi li rag­giun­ge in pa­le­stra, io di­straen­do­mi

Giu­lia Be­vi­lac­qua, 36 an­ni. Il suo pros­si­mo flm, Na­ta­le col boss, esce a di­cem­bre.

Il ca­st di Due par­ti­te, di Cri­sti­na Co­men­ci­ni, al tea­tro Am­bra Jo­vi­nel­li di Ro­ma dal 12 no­vem­bre: da si­ni­stra Giu­lia Mi­che­li­ni, Pao­la Mi­nac­cio­ni, Ca­te­ri­na Guz­zan­ti, Giu­lia Be­vi­lac­qua, la re­gi­sta Pao­la Ro­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.